in

Cosa sta causando il mio dolore epigastrico e come posso trovare sollievo?

Questo è motivo di preoccupazione?

Il dolore epigastrico è un nome per il dolore o il disagio proprio sotto le costole nell’area della parte superiore dell’addome. Succede spesso insieme ad altri sintomi comuni del tuo sistema digestivo. Questi sintomi possono includere bruciore di stomaco, gonfiore e gas.

Il dolore epigastrico non è sempre motivo di preoccupazione. Questa condizione ha molte possibili cause, soprattutto quando si verifica subito dopo aver mangiato.

È importante essere in grado di distinguere tra il dolore che è il risultato di qualcosa di innocuo, come l’eccesso di cibo o l’intolleranza al lattosio, e il dolore che si verifica a causa di una condizione sottostante, come GERD, infiammazione o infezione.

Continua a leggere per saperne di più su cosa potrebbe causare i tuoi sintomi.

1. Reflusso acido

Il reflusso acido si verifica quando parte dell’acido dello stomaco o il cibo nello stomaco tornano nell’esofago. Quando ciò accade, può causare dolore al petto e alla gola. Nel tempo, il reflusso acido costante può causare la malattia da reflusso gastroesofageo (GERD) . GERD richiede un monitoraggio regolare da parte del medico.

I sintomi comuni del reflusso acido includono:

  • bruciore di stomaco
  • indigestione
  • gusto acido anormale in bocca
  • mal di gola o raucedine
  • sentire un groppo in gola
  • tosse in corso

 

2. Bruciore di stomaco e indigestione

Il bruciore di stomaco è il risultato del reflusso acido. Questo può causare bruciore al petto. L’indigestione (dispepsia) è un nome per i sintomi digestivi che si verificano quando si mangiano tipi di alimenti che non sembrano essere d’accordo con te.

Il sintomo più comune di bruciore di stomaco è una sensazione di bruciore al petto dopo aver mangiato. Questa sensazione di bruciore di solito è peggiore quando ti sdrai o ti pieghi. Questo perché l’acido si sposta più in alto nell’esofago.

I sintomi comuni di indigestione includono:

  • sentirsi gonfio
  • ruttare
  • saziarsi anche se non si è mangiato molto
  • nausea
  • pressione nell’addome da gas
3. Intolleranza al lattosio

L’intolleranza al lattosio si verifica quando il tuo corpo ha difficoltà a digerire i latticini, come latte o formaggio. I latticini contengono tutti un tipo di zucchero chiamato lattosio. In genere, i sintomi si verificano ogni volta che si mangiano latticini.

L’intolleranza al lattosio si sviluppa spesso quando non hai abbastanza lattasi nel tuo corpo. Questo enzima è importante per abbattere lo zucchero lattosio.

I sintomi comuni dell’intolleranza al lattosio includono:

  • sentirsi gonfio
  • dolori di stomaco
  • pressione nell’addome da gas
  • diarrea
  • nausea
  • vomitare
4. Alcol

Bere alcol con moderazione, o circa un drink al giorno, normalmente non provoca mal di stomaco. Ma bere troppo alcol in una volta o per un lungo periodo di tempo può causare l’infiammazione del rivestimento dello stomaco. L’infiammazione a lungo termine può portare a sanguinamento.

Bere troppo può anche causare condizioni come:

  • gastrite o infiammazione dello stomaco
  • pancreatite o infiammazione del pancreas
  • malattia del fegato
5. Mangiare troppo

Quando mangi troppo, il tuo stomaco può espandersi oltre le sue dimensioni normali. Questo mette molta pressione sugli organi circostanti. Questa pressione può causare dolore all’intestino. Può anche rendere difficile respirare perché i tuoi polmoni hanno meno spazio per espandersi quando inspiri.

L’eccesso di cibo può anche far sì che l’acidità di stomaco e il contenuto ritornino nell’esofago. Ciò può causare bruciore di stomaco e reflusso acido. Queste condizioni possono peggiorare notevolmente il dolore epigastrico che si avverte dopo aver mangiato.

Se soffri di un disturbo alimentare correlato all’alimentazione incontrollata, il vomito ripetuto dopo aver mangiato può anche causare dolore epigastrico.

6. Ernia iatale

Un ernia iatale succede quando parte dello stomaco viene spinto verso il diaframma attraverso il foro che l’esofago passa attraverso, che si chiama la pausa.

Le ernie iatali non sempre causano dolore o disagio.

I sintomi comuni di un’ernia iatale possono includere:

  • indigestione
  • sensazione di bruciore al petto
  • irritato o mal di gola
  • ruttare forte
7. Esofagite

L’esofagite si verifica quando il rivestimento dell’esofago si infiamma. Le cause più comuni includono acido che risale dallo stomaco, allergie, infezioni o irritazioni croniche dovute ai farmaci. Se non lo tratti, nel tempo l’esofagite può portare a cicatrici sul rivestimento dell’esofago.

I sintomi comuni di esofagite includono:

  • bruciore al petto o alla gola
  • gusto acido anormale in bocca
  • tosse
  • avere problemi a deglutire o avere dolore durante la deglutizione
8. Gastrite

La gastrite si verifica quando il rivestimento dello stomaco (mucosa) si infiamma a causa di un’infezione batterica, un disturbo del sistema immunitario o un danno continuo allo stomaco. Può essere acuto e durare solo per un breve periodo, oppure può essere cronico , durando per anni o più se non si riceve il trattamento.

I sintomi comuni della gastrite possono includere:

  • dolore o disagio nella parte superiore del corpo o nel torace
  • nausea
  • vomitare, vomitare sangue o qualcosa che assomiglia a fondi di caffè
  • passando sgabello nero
9. Ulcera peptica

L’ulcera peptica si verifica quando il rivestimento dello stomaco o dell’intestino tenue viene danneggiato a causa di un’infezione batterica o assumendo troppi farmaci, come i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) per alleviare il dolore.

I sintomi comuni dell’ulcera peptica possono includere:

  • nausea
  • vomito
  • sentirsi facilmente sazi
  • dolori di stomaco che il cibo può migliorare o peggiorare
  • segni di sanguinamento che possono includere stanchezza, pallore o mancanza di respiro
10. Esofago di Barrett

L’esofago di Barrett si verifica quando il tessuto che riveste l’esofago inizia a diventare più simile al tessuto che riveste l’intestino. Questo è noto come metaplasia intestinale. Questa condizione richiede un attento follow-up. Non controllato, l’esofago di Barrett può portare al cancro dell’esofago. GERD, fumo, consumo di alcol e obesità sono anche fattori di rischio per questo tipo di cancro.

Questa condizione non ha alcun sintomo unico di per sé. Se accade a causa di GERD, potresti avere sintomi come:

  • mal di gola o raucedine
  • gusto acido anormale in bocca
  • bruciore allo stomaco
  • bruciore di stomaco
  • avere problemi a deglutire
11. Infiammazione della cistifellea o calcoli biliari

Il dolore epigastrico può svilupparsi quando la cistifellea si infiamma poiché i calcoli biliari bloccano l’apertura della cistifellea. La condizione è nota come colecistite . Questo può essere doloroso e può richiedere il ricovero in ospedale o un intervento chirurgico.

I sintomi comuni dell’infiammazione della cistifellea possono includere:

  • non avere appetito
  • dolore intenso intorno alla cistifellea (parte superiore destra dello stomaco)
  • nausea e vomito
  • gonfiore e gas
  • febbre alta
  • sgabelli color argilla
  • pelle che sembra gialla ( ittero )
12. Dolore epigastrico in gravidanza

Un lieve dolore epigastrico è comune durante la gravidanza a causa della pressione che la gravidanza in crescita esercita sulla zona addominale. È anche comune a causa dei cambiamenti nei tuoi ormoni e nella tua digestione. Potresti anche avere frequenti bruciori di stomaco durante la gravidanza.

Tuttavia, un significativo dolore epigastrico in gravidanza è talvolta un sintomo di una condizione grave nota come preeclampsia . Richiede un attento monitoraggio da parte del medico e può diventare pericoloso per la vita se grave. Avrai bisogno di un’attenta osservazione, controlli della pressione sanguigna, esami del sangue e delle urine per escluderlo come causa del dolore epigastrico.

Opzioni di trattamento

Il trattamento per il dolore epigastrico dipende dalla causa. Se il dolore è il risultato della dieta o dell’eccesso di cibo, il medico potrebbe consigliarti di modificare la dieta o lo stile di vita.

Ciò può includere l’esercizio per circa 30 minuti ogni giorno o il consumo di cibi più sani. Mangiare cibi come lo zenzero e assumere integratori di vitamina B può aiutare ad alleviare sintomi come nausea e vomito.Acquista online integratori di vitamina B.

Se il dolore è il risultato dell’assunzione di determinati farmaci, come i FANS, il medico potrebbe dirti di interrompere l’assunzione di questi farmaci e aiutarti a trovare un altro modo per gestire il dolore. Il medico può consigliareantiacidi o anche farmaci che bloccano l’acido per alleviare il dolore.

Se una condizione sottostante come GERD, esofago di Barrett o ulcera peptica sta causando il dolore epigastrico, potresti aver bisogno di antibiotici e di un trattamento a lungo termine per gestire queste condizioni. Il trattamento può durare mesi o addirittura la durata della tua vita, a seconda della causa.

Quando vedere il medico?

Rivolgiti subito al medico se il tuo dolore epigastrico è grave, in corso o interferisce con la tua vita quotidiana.

Dovresti andare al pronto soccorso se hai uno dei seguenti sintomi:

  • difficoltà a respirare o a deglutire
  • vomitare sangue
  • sangue nelle feci o feci nere e catramose
  • febbre alta
  • dolore al petto
  • respirazione difficoltosa
  • svenire

Dovresti anche consultare il tuo medico se i tuoi sintomi durano per più di qualche giorno senza migliorare con i trattamenti da banco o domiciliari. Molte cause di dolore epigastrico possono essere facilmente trattate, comprese le condizioni croniche. Consultare il medico non appena si nota un dolore epigastrico che non sta scomparendo può aiutarti ad alleviare i sintomi e a tenere sotto controllo eventuali condizioni sottostanti.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Test del grasso fecale

Il cumino può aiutarmi a perdere peso?