in

IBS e aumento o perdita di peso

Cos’è la sindrome dell’intestino irritabile?

La sindrome dell’intestino irritabile (IBS) è una condizione che causa regolarmente a una persona sintomi gastrointestinali (GI) fastidiosi. Questi possono includere:

  • crampi allo stomaco
  • dolore
  • diarrea
  • stipsi
  • gas
  • gonfiore

I sintomi dell’IBS possono variare da lievi a gravi. La differenza tra l’IBS e altre condizioni che causano sintomi simili, come la colite ulcerosa e il morbo di Crohn, è che l’IBS non danneggia l’intestino crasso.

Non è tipico perdere peso a causa dell’IBS, a differenza della colite ulcerosa e del morbo di Crohn. Tuttavia, poiché l’IBS può influire sul tipo di alimenti che una persona può tollerare, può causare variazioni di peso. Ci sono misure che puoi adottare per mantenere un peso sano e vivere bene con IBS.

In che modo l’IBS influisce sul tuo peso?

Secondo la Cleveland Clinic , l’IBS è uno dei disturbi più comuni che colpisce il funzionamento del sistema gastrointestinale. Le stime variano, ma dicono che fino al 20% degli adulti negli Stati Uniti ha riportato sintomi che sono sinonimo di IBS.

Le cause esatte di IBS sono sconosciute. Ad esempio, alcune persone con IBS sperimentano un aumento degli attacchi di diarrea perché il loro intestino sembra spostare il cibo più velocemente del normale. In altri, i sintomi dell’IBS sono associati alla stitichezza a causa di un intestino che si muove più lentamente del normale.

L’IBS può causare perdita o aumento di peso in alcuni individui. Alcune persone possono provare crampi addominali e dolore significativi che possono indurli a mangiare meno calorie di quanto farebbero normalmente. Altri possono attenersi a determinati alimenti che contengono più calorie del necessario.

Recente ricercaFonte attendibileha indicato che potrebbe esserci anche una connessione tra l’essere in sovrappeso e l’avere IBS. Una teoria è che ci siano alcuni ormoni prodotti nel tratto digestivo che regolano il peso. Questi cinque ormoni noti sembrano essere a livelli anormali nelle persone con IBS, più alti o più bassi del previsto. Questi cambiamenti nei livelli di ormone intestinale possono influenzare la gestione del peso, ma sono ancora necessarie ulteriori ricerche.

Potresti non essere sempre in grado di controllare i sintomi quando hai l’IBS, ma ci sono alcuni modi per aiutarti a mantenere un peso sano, incluso seguire una dieta salutare che include fibre.

IBS e dieta

Quando si soffre di IBS, si consiglia una dieta che preveda il consumo di diversi piccoli pasti rispetto a pasti abbondanti. Oltre a questa regola empirica, anche una dieta povera di grassi e ricca di carboidrati integrali può essere utile quando si soffre di IBS.

Molte persone con IBS esitano a mangiare cibi che contengono fibre per paura che possano causare gas che peggiorano i sintomi. Ma non devi evitare completamente la fibra. Dovresti aggiungere lentamente fibre alla tua dieta, il che aiuta a ridurre la probabilità di gas e gonfiore. Cerca di aggiungere da 2 a 3 grammi di fibre al giorno mentre bevi molta acqua per ridurre al minimo i sintomi. Una quantità giornaliera ideale di fibra per gli adulti è compresa tra 22 e 34 grammi .

Potresti voler evitare cibi che in alcune persone sono noti per peggiorare l’IBS: questi alimenti tendono anche a provocare un aumento di peso. Ciò comprende:

  • bevande alcoliche
  • bevande contenenti caffeina
  • alimenti con quantità significative di dolcificanti artificiali come il sorbitolo
  • cibi noti per causare gas, come fagioli e cavoli
  • cibi ricchi di grassi
  • prodotti a base di latte intero
  • cibi fritti

Il medico può anche consigliare di tenere un diario degli alimenti che mangi per vedere se riesci a identificare quelli che tendono a peggiorare i sintomi.

La dieta FODMAP per IBS

Un’altra opzione per coloro che desiderano mantenere un peso sano e ridurre al minimo i sintomi dell’IBS è una dieta a basso contenuto di FODMAP . FODMAP sta per oligo-di-monosaccaridi e polioli fermentabili. Gli zuccheri presenti in questi alimenti tendono ad essere più difficili da digerire per le persone con IBS e spesso peggiorano i sintomi.

La dieta prevede di evitare o limitare gli alimenti ad alto contenuto di FODMAP, tra cui:

  • fruttani , presenti nel grano, nella cipolla e nell’aglio
  • fruttosio , che si trova in mele, more e pere
  • galattani , presenti nei fagioli, nelle lenticchie e nella soia
  • lattosio da latticini
  • polioli da alcol zuccheri come sorbitolo e frutta come pesche e prugne

Leggere attentamente le etichette degli alimenti ed evitare questi additivi può aiutarti a ridurre la probabilità di manifestare sintomi di stomaco legati all’IBS.

Esempi di alimenti a basso contenuto di FODMAP compatibili con IBS includono:

  • frutta, tra cui banane, mirtilli, uva, arance, ananas e fragole
  • latticini senza lattosio
  • proteine ​​magre, tra cui pollo, uova, pesce e tacchino
  • verdure, comprese carote, cetrioli, fagiolini, lattuga, cavolo riccio, patate, zucca e pomodori
  • dolcificanti, tra cui zucchero di canna, zucchero di canna e sciroppo d’acero

Coloro che seguono una dieta a basso contenuto di FODMAP possono eliminare alcuni alimenti FODMAP più elevati e aggiungerli lentamente per determinare quali alimenti possono essere mangiati in sicurezza.

Conclusioni

La perdita o l’aumento di peso possono essere un effetto collaterale dell’IBS. Tuttavia, esistono approcci dietetici che possono aiutarti a ridurre i sintomi mantenendo un peso sano.

Se un approccio dietetico non aiuta i tuoi sintomi, parla con il tuo medico di altre potenziali cause della tua perdita o aumento di peso.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Puoi usare l’olio di cocco per curare un’infezione da lievito?

In che modo queste 3 posizioni del sonno influenzano la salute dell’intestino