in

Gastroenterologia: 3 consigli per la gestione dei sintomi dell’IBD

Per la maggior parte, i problemi di stomaco sono un problema occasionale che causa disagio a breve termine quando è coinvolto un virus o un’infezione batterica. Ma, per oltre 1,5 milioni di altri, i loro problemi digestivi sono molto più gravi. Infatti, per coloro che vivono con la condizione nota come malattia infiammatoria intestinale, o IBD, le riacutizzazioni dolorose della malattia possono essere una lotta per tutta la vita con la capacità di influenzare quasi ogni aspetto della vita quotidiana.

Fortunatamente, IBD non deve significare alterare drasticamente il proprio stile di vita o le attività che più gli piacciono. Significa semplicemente che ci sarà bisogno di ulteriore preparazione e alcuni cambiamenti chiave per aiutare a gestire l’insorgenza dei sintomi e aiutarli a tenerli a bada.

Mangia una dieta focalizzata sull’IBD

Nutrizione è una componente vitale in tutti gli aspetti della salute, in particolare quando si tratta di gestire l’IBD. Ogni individuo risponderà in modo univoco a cibi diversi e non esiste una dieta valida per tutti per alleviare l’IBD. Tuttavia, la maggior parte dei pazienti troverà alcuni alimenti che tendono ad aggravare i sintomi e che evitarli aiuta a mantenere problemi come crampi o diarrea in controllo. Collaborare con un buon nutrizionista può aiutare i pazienti a iniziare a gestire l’IBD attraverso la dieta.

Evitare di esacerbare l’IBD attraverso lo stress

Lo stress fa molto di più che influenzare le emozioni e lo stato mentale del benessere, può richiedere un grande tributo anche fisicamente. Considera solo per un momento un momento in cui ti sei sentito particolarmente ansioso per qualcosa. Riesci a sentire la sensazione del tuo stomaco nei nodi? Quando hai già IBD da affrontare, lo stress può essere un altro fattore che peggiora i sintomi. Per aiutarli a tenerli sotto controllo, impara e pratica tecniche calmanti come la meditazione o la respirazione profonda e considera di parlare con un professionista per ulteriori metodi che potrebbero rivelarsi utili.

Smettere di fumare per migliorare l’IBD

La ricerca ha scoperto un interessante legame tra fumo e IBD, in particolare sotto forma di Morbo di CrohnI risultati hanno dimostrato che i fumatori hanno maggiori probabilità di soffrire di Crohn rispetto ai non fumatori, hanno maggiori probabilità di ricadere e che le opzioni di trattamento sono meno efficaci. Naturalmente, ci sono innumerevoli ragioni legate alla salute per dare un calcio all’abitudine al fumo, ma per coloro che soffrono anche di IBD, smettere potrebbe fare una differenza significativa nella condizione e nel suo impatto.

Trova uno specialista IBD di cui ti fidi

Forse il fattore più importante nella gestione efficace dell’IBD è trovare uno specialista in cui si abbia completa fiducia. Un buon medico farà molto di più che scrivere semplicemente una prescrizione. Lui o lei sarà il tuo partner nella gestione dei farmaci, dello stile di vita, della nutrizione e di tutti gli altri elementi che possono avere un impatto sulla tua malattia. Allineeranno il loro piano di trattamento con altri professionisti medici che potrebbero anche essere in grado di aiutare al fine di dare ai loro pazienti il miglior risultato possibile. Per trovare questo medico, considera di parlare con altri pazienti IBD locali sui propri medici e su ciò che a loro piace di più di loro

Nel nord-ovest della Florida, il Digestive Diseases Center ospita un team di medici qualificati che hanno tutti familiarità con l’IBD e l’impatto che ha sulla vita dei loro pazienti.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Trattamento del cancro del colon-retto a Destin, In Florida: alleviare le paure della colonscopia

Cosa devi sapere sul diverticolo di Meckel