in

5 benefici e usi dell’aceto di cocco

L’aceto di cocco è un alimento base nella cucina del sud-est asiatico e indiano che sta rapidamente guadagnando popolarità in Occidente.

È fatto dalla linfa dei fiori degli alberi di cocco. Questa linfa fermenta per 8-12 mesi, trasformandosi naturalmente in aceto.

L’aceto di cocco ha un aspetto torbido, bianco e un sapore leggermente più delicato rispetto all’aceto di mele. Può aggiungere un tocco di dolcezza a condimenti per insalate, marinate, zuppe e piatti caldi.

Si dice che offra una serie di benefici per la salute, tra cui perdita di peso, migliore digestione, un sistema immunitario più forte e un cuore più sano. Tuttavia, non tutti i vantaggi sono supportati dalla ricerca.

Ecco 5 vantaggi e usi dell’aceto di cocco, supportati dalla scienza.

1. Contiene probiotici, polifenoli e sostanze nutritive

L’aceto di cocco è spesso pubblicizzato come una ricca fonte di molti nutrienti, poiché la linfa utilizzata per produrlo è ricca di vitamina C e potassio. La linfa contiene anche colina, vitamine del gruppo B, ferro, rame, boro, magnesio, manganese, fosforo, potassio e zinco (1Fonte attendibile).

La ricerca mostra inoltre che l’aceto di cocco fornisce una gamma di polifenoli, composti vegetali benefici che possono proteggere da condizioni come il diabete e le malattie cardiache ( 2 ,3Fonte attendibile).

Inoltre, a causa del processo di fermentazione che dura da 8 a 12 mesi, l’aceto di cocco è anche una fonte di batteri favorevoli all’intestino noti come probiotici ( 4 ).

Detto questo, mancano ricerche su come la fermentazione influenzi il contenuto di vitamine e minerali dell’aceto. Vale anche la pena ricordare che alcuni produttori producono l’aceto di cocco dall’acqua di cocco piuttosto che dalla linfa di cocco.

L’acqua di cocco contiene meno sostanze nutritive della linfa e viene fermentata per un tempo più breve, utilizzando un avviatore di fermentazione, come lo zucchero di canna o l’aceto di mele. Si ritiene che questo produca un aceto con un valore nutritivo inferiore, sebbene nessuno studio possa attualmente confermarlo.

Indipendentemente da ciò, l’aceto di cocco viene in genere consumato in quantità molto piccole, il che significa che probabilmente non apporta molti nutrienti o polifenoli alla tua dieta.

RIEPILOGOL’aceto di cocco contiene probiotici, polifenoli e può essere ricco di alcune vitamine e minerali. Tuttavia, in genere viene consumato in piccole quantità e quindi è improbabile che fornisca grandi quantità di nutrienti alla dieta.

2. Può abbassare la glicemia e aiutare a combattere il diabete

L’aceto di cocco può aiutare a ridurre i livelli di zucchero nel sangue e offrire una certa protezione contro il diabete di tipo 2.

Proprio come l’ aceto di mele , l’ aceto di cocco contiene acido acetico, il principale composto attivo nell’aceto.

Diversi studi riportano che l’acido acetico può aiutare a ridurre i picchi di zucchero nel sangue dopo un pasto ricco di carboidrati (5Fonte attendibile, 6Fonte attendibile, 7Fonte attendibile).

La ricerca mostra anche che l’aceto può ridurre i livelli di zucchero nel sangue nelle persone con diabete e aiutare a migliorare la sensibilità all’insulina fino al 34% ( 8 ,9Fonte attendibile, 10Fonte attendibile, 11 ).

Gli effetti ipoglicemizzanti dell’aceto appaiono più forti se ingerito durante i pasti (12Fonte attendibile).

L’aceto di cocco può fornire benefici simili a quelli di altri tipi di aceto. Tuttavia, nessuno studio ha esaminato gli effetti diretti di questo tipo di aceto sui livelli di zucchero nel sangue o sul rischio di diabete. Pertanto, sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questi effetti.

RIEPILOGOL’aceto di cocco contiene acido acetico, un composto che può aiutare a ridurre i livelli di zucchero nel sangue e migliorare la sensibilità all’insulina. Tuttavia, non ci sono studi specifici sull’aceto di cocco. Pertanto, sono necessarie ulteriori ricerche.

3. Può ridurre la fame e aiutarti a perdere peso

L’aceto di cocco può anche aiutarti a perdere peso indesiderato .

Non è solo privo di calorie, ma contiene anche acido acetico, un composto che ha dimostrato di aiutare a ridurre la fame e aiutarti a sentirti sazio più a lungo (13Fonte attendibile, 14Fonte attendibile).

Diversi studi sugli animali collegano l’acido acetico alla riduzione dell’appetito. Questo composto può anche aiutare a disattivare i geni di accumulo di grasso e ad attivare quelli che bruciano i grassi (13Fonte attendibile, 14Fonte attendibile, 15Fonte attendibile, 16Fonte attendibile).

Inoltre, la ricerca sugli esseri umani riporta che l’assunzione di aceto durante i pasti può aiutarti a sentirti sazio più a lungo. In uno studio, le persone che hanno aggiunto l’aceto a un pasto hanno mangiato fino a 275 calorie in meno durante il resto della giornata rispetto a coloro che non hanno aggiunto l’aceto (17Fonte attendibile, 18Fonte attendibile).

Un piccolo studio riporta inoltre che l’ingestione di aceto durante i pasti può rallentare la velocità con cui lo stomaco si svuota, portando potenzialmente a un aumento della sensazione di pienezza (19Fonte attendibile).

La ricerca collega anche l’aceto alla perdita di peso .

In uno studio di 12 settimane, i partecipanti che hanno assunto 1-2 cucchiai (15-30 ml) di aceto al giorno hanno perso fino a 3,7 libbre (1,7 kg) e hanno ridotto il grasso corporeo fino allo 0,9%. In confronto, i partecipanti al gruppo di controllo hanno guadagnato 0,9 libbre (0,4 kg) (14Fonte attendibile).

Mancano studi specifici sull’aceto di cocco. Tuttavia, poiché contiene lo stesso composto attivo di altri tipi di aceto, può agire allo stesso modo. Detto questo, sono necessarie ulteriori ricerche per confermarlo.

RIEPILOGOL’aceto di cocco contiene acido acetico, un composto legato alla riduzione della fame, all’aumento della sensazione di pienezza e peso e alla perdita di grasso corporeo.

4. Può migliorare la salute del cuore

L’aceto di cocco può migliorare la salute del tuo cuore.

In parte, ciò potrebbe essere dovuto al contenuto di potassio della linfa di cocco utilizzata per produrre questo tipo di aceto. Il potassio è un minerale legato all’abbassamento della pressione sanguigna e alla riduzione del rischio di malattie cardiache e ictus (1Fonte attendibile, 20Fonte attendibile).

Gli studi sugli animali mostrano inoltre che l’aceto può ridurre i livelli di trigliceridi e di colesterolo LDL “cattivo” mentre aumenta il colesterolo HDL “buono” (21Fonte attendibile, 22Fonte attendibile, 23Fonte attendibile).

Inoltre, gli studi sui ratti osservano che l’aceto può ridurre la pressione sanguigna, un importante fattore di rischio per le malattie cardiache (24Fonte attendibile, 25Fonte attendibile).

Inoltre, uno studio su animali specifico sull’aceto di cocco ha riferito che può ridurre l’infiammazione, il peso corporeo e i livelli di colesterolo, il che può contribuire a un cuore più sano (26Fonte attendibile).

Negli esseri umani, la ricerca mostra che l’assunzione di 1-2 cucchiai (15-30 ml) di aceto al giorno può aiutare a ridurre il grasso della pancia e i livelli di trigliceridi nel sangue, due ulteriori fattori di rischio per le malattie cardiache.14Fonte attendibile).

Uno studio osservazionale rileva che le donne che mangiavano condimenti per insalata a base di olio e aceto 5-6 volte a settimana avevano fino al 54% in meno di probabilità di sviluppare malattie cardiache (27Fonte attendibile).

Tuttavia, tieni presente che questo tipo di studio non può dimostrare che l’aceto abbia causato il calo del rischio di malattie cardiache. Mancano studi sull’uomo sugli effetti specifici dell’aceto di cocco, quindi sono necessarie ulteriori ricerche.

RIEPILOGOL’aceto di cocco può agire in modo simile ad altri tipi di aceto, riducendo potenzialmente i fattori di rischio per le malattie cardiache, come il grasso della pancia, il colesterolo nel sangue e i livelli di trigliceridi. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questi effetti.

5. Può migliorare la digestione e l’immunità

L’aceto di cocco può contribuire alla salute dell’intestino e del sistema immunitario.

In parte, questo perché l’aceto di cocco viene prodotto lasciando fermentare la linfa dei fiori di cocco per 8-12 mesi. Questo processo dà naturalmente origine ai probiotici, che sono batteri benefici per la salute dell’intestino ( 4 ).

Inoltre, l’aceto di cocco contiene acido acetico, un composto che può aiutare a combattere virus e batteri. Ad esempio, l’acido acetico è efficace contro i batteri E. coli , una nota causa di intossicazione alimentare (28Fonte attendibile).

Affinché funzioni, aggiungi semplicemente un po’ di aceto all’acqua e immergi frutta e verdura fresche nella diluizione per circa due minuti. Uno studio ha dimostrato che questo semplice metodo di lavaggio può ridurre i batteri fino al 90% e i virus fino al 95% (29Fonte attendibile).

L’aceto di cocco può anche essere efficace nel prevenire la crescita di G. vaginalis , una delle principali cause di infezioni vaginali. Tuttavia, questo beneficio è stato osservato in uno studio in provetta. Pertanto, non è ancora chiaro come utilizzare l’aceto per ottenere questo beneficio nella vita reale ( 30 ).

Inoltre, questo aceto è anche pubblicizzato per rafforzare il sistema immunitario grazie al suo potenziale contenuto di nutrienti. La linfa utilizzata per produrre l’aceto di cocco è infatti un’ottima fonte di ferro e vitamina C , due nutrienti legati a un sistema immunitario più forte.

Tuttavia, non è chiaro quanta vitamina C rimanga nell’aceto dopo la fermentazione, quindi sono necessarie ulteriori ricerche per supportare questa affermazione (1Fonte attendibile, 31Fonte attendibile).

RIEPILOGOL’aceto di cocco contiene probiotici e acido acetico, entrambi i quali possono contribuire a una sana digestione. Può anche fornire alcuni nutrienti che stimolano il sistema immunitario, ma sono necessarie ulteriori ricerche per confermarlo.

L’aceto di cocco è sicuro?

L’aceto di cocco è generalmente considerato sicuro.

Detto questo, è acido, quindi berlo regolarmente può danneggiare l’esofago e lo smalto dei denti.

Per questo motivo, l’aceto di cocco può essere ingerito al meglio diluito in acqua o mescolato con altri ingredienti, come l’ olio in un condimento per l’insalata o nella marinata.

Come altri tipi di aceto, l’aceto di cocco può aiutare a ridurre la pressione sanguigna e i livelli di zucchero nel sangue. Le persone che assumono farmaci per abbassare la glicemia o la pressione sanguigna potrebbero voler controllare con il proprio medico prima di aggiungere l’aceto di cocco alla loro dieta.

RIEPILOGOL’aceto di cocco è generalmente sicuro. Tuttavia, le persone che assumono farmaci per abbassare la glicemia o la pressione sanguigna potrebbero voler consultare il proprio medico prima di aggiungere regolarmente questo o qualsiasi altro aceto alla loro dieta.

La linea di fondo

L’aceto di cocco è un’alternativa unica ad altri tipi di aceto.

Ha un sapore più delicato, sembra essere nutriente e può offrire diversi benefici per la salute. Questi vanno dalla perdita di peso e un minor rischio di diabete a una digestione, un sistema immunitario e un cuore più sani.

Detto questo, sebbene la ricerca colleghi il consumo di aceto a questi benefici, pochi studi sono stati condotti specificamente sull’aceto di cocco e nessuno lo ha confrontato con altri tipi di aceto.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Gli enzimi digestivi promuovono la perdita di peso?

10 benefici per la salute del cardamomo, supportati dalla scienza