in

Una dieta senza cereali è salutare?

Eliminare i cereali non è necessario e troppo limitato per la maggior parte delle persone a dieta, ma potrebbero esserci reali benefici per le persone con disturbi digestivi.

Il ristorante di New York Hu Kitchen ha lanciato il suo primo bagel senza cereali la scorsa settimana.

È una mossa audace in una città che è orgogliosa di questo alimento base per la colazione.

Ma il ristorante offre già una vasta gamma di cibi senza cereali, dagli hamburger di manzo al 100% nutriti con erba ai panini “finta caccia” a prelibatezze come muffin alla banana e noci e crumble ai frutti di bosco.

Beyond its grain-free options, Hu Kitchen is at the forefront of many food trends. It describes its offerings as organic and “preindustrial,” with no GMOs, gluten, soy, dairy, emulsifiers, canola oil, or processed salt.

“Don’t knock it until you’ve cut it,” said Jordan Brown, the business’s co-founder and chief executive officer.

He told Healthline that people need to experiment with their diets to find out what works best for them.

“Our approach at Hu Kitchen is, ‘What has made us feel better?,’” he said.

Brown noted that when he cut grains from his diet, he had more energy, a better complexion, and less joint pain when he exercised.

He doesn’t shun all grains — Hu Kitchen serves breakfast oatmeal, for example — but there are dieters who do.

La dieta paleo , resa popolare dallo scienziato Loren Cordain, Ph.D., esclude i cereali e numerosi altri alimenti in base alla teoria che è più salutare mangiare come facevano gli umani durante il Paleolitico.

E i sostenitori delle diete prive di glutine, come l’autore Dr. Mark Hyman, suggeriscono prontamente che le persone con determinate condizioni mediche provano a eliminare tutti i cereali, mentre celebrità come l’attrice Gwyneth Paltrow propongono ricette senza cereali .

Ma ci sono molte prove che i cereali hanno effettivamente benefici per la salute e l’assenza di cereali può comportare i propri rischi.

Per saperne di più: la dieta keto sta guadagnando popolarità, ma è sicura? »

Cosa c’è in un grano?

I cereali che in genere mangiamo in alimenti come pane e cereali per la colazione iniziano come semi di graminacee appartenenti alla famiglia delle Poaceae.

I tipi più comuni sono frumento, mais, riso, segale, avena e orzo. Anche altri sono diventati popolari, come il sorgo, il farro e il farro.

Alcuni, come il grano e l’orzo, contengono glutine, ma altri, come l’avena e il mais, no.

Ci sono anche “pseudo-grani”, popolari negli alimenti salutari di nicchia, come la quinoa, l’amaranto e il grano saraceno. Sono semi di diverse specie vegetali.

La maggior parte dei cereali ha un profilo nutrizionale simile , fornendo una fonte di vitamine del gruppo B e fibre, alcuni minerali come selenio e rame, insieme a carboidrati e quantità variabili di proteine.

Dove le cose si complicano è la differenza tra cereali integrali e cereali raffinati.

Qualsiasi alimento etichettato come “grano intero”, che si tratti di farina o pasta, dovrebbe contenere tutte le parti del seme di grano.

I cereali raffinati come il riso bianco e la farina bianca, invece, contengono solo porzioni del seme. Questo spoglia il grano di circa un quarto delle sue proteine ​​e almeno la metà dei suoi nutrienti.

La raffinazione, riporta il Whole Grain Council , lascia il grano “una semplice ombra del suo sé originale”.

Ci sono prove scientifiche schiaccianti che i cereali integrali fanno bene.

Lo scorso giugno, una ricerca recensioneFonte attendibile pubblicato su BMJ che includeva 45 studi di coorte di alta qualità hanno scoperto che mangiare cereali integrali è associato a un minor rischio di malattie cardiache, cancro e morte per tutte le cause.

Gli studi hanno anche collegato le diete ricche di cereali integrali a quelle più sane livelli di colesteroloFonte attendibilee ridotta probabilità di avere il diabete di tipo 2 .

Al contrario, le diete ricche di cereali raffinati possono effettivamente aumentare il rischioFonte attendibile di molti di questi problemi di salute.

Tagliare tutti i cereali raffinati dalla tua dieta è una scelta ragionevole e salutare, secondo Angie Murad, una dietista nutrizionista registrata con il programma di vita sana della Mayo Clinic.

Ma ha sottolineato che i cereali integrali sono importanti per una dieta ben bilanciata.

“Mi preoccupo davvero per le persone che escludono interi gruppi alimentari”, ha detto Murad a Healthline. “Avere i cereali va bene. La scelta del giusto tipo di cereali è un fattore più importante”.

Per saperne di più: Una dieta priva di glutine potrebbe non farti bene »

Assicurati che le tue parole rappresentino le persone nel modo in cui vogliono che tu le veda. La nostra Guida al linguaggio consapevole spiega termini come lingua prima della persona e lingua prima dell’identità per aiutarti a iniziare.

VISUALIZZA LA GUIDA

Moda senza cereali

In tutto il mondo, è diventato comune per le persone smettere di mangiare certi cibi, spesso perché credono che il cambiamento migliorerà la loro salute.

Un sondaggio Nielsen pubblicato il mese scorso ha rilevato che quasi due consumatori globali su tre escludono ingredienti specifici dalla loro dieta.

Mangiare senza cereali fa parte di questa tendenza.

Un altro rapporto Nielsen ha rilevato che in un periodo di 52 settimane terminato il 30 luglio 2016, le vendite di prodotti che includevano un’etichetta “senza cereali” sono aumentate di oltre il 75%.

Ma ci sono dei rischi quando le persone tagliano intere categorie di alimenti senza assicurarsi di assumere tutti i nutrienti essenziali di cui hanno bisogno.

Andare senza cereali sembra essere al crocevia tra la dieta paleo e le tendenze senza glutine.

In piccoli studi, “mangiare paleo” ha mostrato risultati promettenti per migliorare i fattori di rischio per le malattie cardiache eglucosio nel sangueFonte attendibilelivelli nelle persone con diabete. Ma la dieta è stata anche criticata per il suo alto contenuto di grassi saturi e per aver messo le persone a rischio di carenze di calcio e vitamina D.

Le diete prive di glutine sono vitali per le persone celiache, una grave condizione autoimmune, così come per coloro che hanno sensibilità al glutine .

C’è anche provaFonte attendibile che il glutine aumenta la permeabilità intestinale, che alcuni credono possa essere correlata ad altri problemi autoimmuni.

Ma per le persone che hanno bisogno di una dieta priva di glutine, non ci sono praticamente prove che sia utile tagliare i cereali integrali senza glutine, come l’avena e il riso integrale.

In effetti, le persone che vanno senza glutine senza mangiare altre fonti di fibre possono, ironia della sorte, finire per essere stitiche.

Murad ha detto a Healthline che le persone sono spesso interessate a queste diete alla moda per la perdita di peso, ma si arrendono perché le regole sono troppo impegnative.

Ha detto che è possibile ottenere i nutrienti presenti nei cereali da altre fonti, come legumi e tuberi, ma è difficile.

“Eliminare un gruppo alimentare, o addirittura ridurlo, è piuttosto difficile da fare”, ha aggiunto.

Per saperne di più: Scopri i fatti sulla malattia infiammatoria intestinale »

Benefici per problemi digestivi

Per la maggior parte delle persone sane, le prove sono scarse che andare senza cereali sarà tutt’altro che scomodo.

Ma per le persone con determinati disturbi digestivi, alcune ricerche suggeriscono che l’eliminazione dei cereali allevia i sintomi.

L’anno scorso, una serie di casi nel Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics ha scoperto che la dieta a carboidrati specifica, che esclude tutti i cereali e gli pseudo-cereali, tra gli altri requisiti, può aiutare a gestire la malattia infiammatoria intestinale (IBD).

I ricercatori hanno esaminato i dati di 50 persone con IBD che hanno seguito il piano alimentare ed erano in remissione. Più del 92 percento credeva che la dieta restrittiva li aiutasse a rimanere in salute.

Mindy Fleder, una newyorkese di 60 anni, crede che la sua dieta speciale abbia scongiurato problemi digestivi.

Sia sua madre che sua sorella hanno il morbo di Crohn e Fleder aveva polipi nel colon quando aveva 40 anni.

Dopo aver consultato un medico, Fleder ha rinunciato a latticini e glutine e in seguito è andato completamente senza cereali.

“È fondamentalmente dovuto alla mia storia familiare”, ha detto a Healthline, aggiungendo che ha fatto colonscopie ogni pochi anni con buoni risultati finora.

Per aiutare a rispettare la sua dieta, Fleder ordina i pasti da Food Matters NYC, un servizio di consegna gourmet che offre opzioni senza cereali.

Tricia Williams, fondatrice ed executive chef del servizio, ha dichiarato a Healthline che circa l’80% della loro clientela è senza cereali.

Le persone vengono a Food Matters NYC con molti problemi di salute diversi, ha spiegato, e il suo team progetta pasti per supportare le esigenze di quei clienti.

“Non demonizzerei i cereali”, ha detto Williams a Healthline, ma ha aggiunto che molti dei suoi clienti riferiscono di sentirsi meglio senza di loro.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Questa proteina può aiutare gli esperti a combattere i sintomi dell’IBD

Gli integratori di enzimi digestivi possono trattare l’IBS?

Torna su
close

Log In

Forgot password?

Forgot password?

Enter your account data and we will send you a link to reset your password.

Your password reset link appears to be invalid or expired.

Log in

Privacy Policy

To use social login you have to agree with the storage and handling of your data by this website.

Add to Collection

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.