in

Cosa sono gli enzimi digestivi e come funzionano?

Gli enzimi digestivi naturali sono una parte vitale del tuo sistema digestivo. Senza di loro, il tuo corpo non può scomporre gli alimenti in modo che i nutrienti possano essere completamente assorbiti.

Una mancanza di enzimi digestivi può portare a una varietà di sintomi gastrointestinali (GI). Può anche lasciarti malnutrito, anche se segui una dieta nutriente.

Continua a leggere per saperne di più sugli enzimi digestivi, cosa succede quando non ne hai abbastanza e cosa puoi fare al riguardo.

Cosa sono gli enzimi digestivi?

Il tuo corpo produce enzimi nel sistema digestivo, inclusi bocca, stomaco e intestino tenue. La quota maggiore è il lavoro del pancreas.

Gli enzimi digestivi aiutano il corpo a scomporre carboidrati, grassi e proteine ​​dal cibo. Ciò è necessario per consentire l’assorbimento dei nutrienti e per mantenere una salute ottimale. Senza questi enzimi, i nutrienti nel cibo vanno sprecati.

Alcune condizioni di salute possono interferire con la produzione di enzimi digestivi.

Quando una mancanza di enzimi digestivi porta a cattiva digestione e malnutrizione, si parla di insufficienza pancreatica esocrina (EPI). Quando ciò accade, puoi aggiungere la sostituzione degli enzimi digestivi prima dei pasti per aiutare il tuo corpo a elaborare gli alimenti in modo efficace.

Alcuni enzimi digestivi richiedono una prescrizione medica e altri sono venduti al banco (OTC).

Come funzionano gli enzimi digestivi?

Quando il pancreas non secerne naturalmente enzimi digestivi, influisce sulla capacità del tuo corpo di scomporre i cibi che mangi e assorbire i nutrienti. Questo può portare a malnutrizione e sintomi come gonfiore, crampi, gas e diarrea.

Gli enzimi digestivi sostitutivi prendono il posto degli enzimi naturali, contribuendo a scomporre carboidrati, grassi e proteine ​​dagli alimenti che mangi. Quindi i nutrienti vengono assorbiti nel tuo corpo attraverso la parete dell’intestino tenue e distribuiti attraverso il flusso sanguigno.

Di conseguenza, gli enzimi digestivi sostitutivi possono aiutare a prevenire il malassorbimento e i relativi disagi digestivi.

Poiché hanno lo scopo di imitare i tuoi enzimi pancreatici naturali, gli enzimi digestivi sostitutivi devono essere assunti appena prima di mangiare. In questo modo, possono svolgere il loro lavoro mentre il cibo colpisce lo stomaco e l’intestino tenue.

In alcuni casi, potresti spezzare la dose. Ad esempio, se stai mangiando un pasto abbondante che richiede più tempo del solito per mangiare, o se sei un mangiatore lento, il medico può raccomandare di assumere metà dose all’inizio del pasto e il resto a metà pasto.

Se non prendi gli enzimi digestivi sostitutivi con il cibo, non saranno di grande utilità.

Tipi di enzimi digestivi

I principali tipi di enzimi sono:

  • amilasi. Questo enzima scompone i carboidrati, o amidi, in molecole di zucchero. L’amilasi insufficiente può portare a diarrea.
  • Lipasi. Funziona con la bile epatica per abbattere i grassi. Se non hai abbastanza lipasi, ti mancheranno le vitamine liposolubili come A, D, E e K.
  • proteasi. Questo enzima scompone le proteine ​​in amminoacidi. Aiuta anche a mantenere batteri, lieviti e protozoi fuori dall’intestino. Una carenza di proteasi può portare ad allergie o tossicità nell’intestino.

I farmaci e gli integratori enzimatici sostitutivi sono disponibili in molte forme con ingredienti e dosaggi diversi.

La terapia sostitutiva con enzimi pancreatici (PERT) è disponibile solo su prescrizione medica. Questi farmaci sono generalmente prodotti da pancreas di maiale. Sono soggetti all’approvazione e al regolamento della Food and Drug Administration (FDA).

Alcuni enzimi da prescrizione contengono pancrelipasi, che è composta da amilasi, lipasi e proteasi. Questi farmaci sono generalmente rivestiti per impedire agli acidi dello stomaco di digerire il farmaco prima che raggiunga l’intestino.

Il dosaggio varia da persona a persona in base al peso e alle abitudini alimentari. Il medico vorrà iniziare con la dose più bassa possibile e apportare le modifiche necessarie.

Gli integratori di enzimi da banco possono essere trovati ovunque vengano venduti integratori alimentari, anche online. Possono essere costituiti da pancreas animali o piante come muffe, lieviti, funghi o frutta.

Gli enzimi digestivi da banco non sono classificati come farmaci, quindi non richiedono l’approvazione della FDA prima di essere immessi sul mercato. Gli ingredienti e i dosaggi di questi prodotti possono variare da lotto a lotto.

Fonti naturali di enzimi

Alcuni alimenti contengono enzimi digestivi, tra cui:

  • avocado
  • banane
  • Zenzero
  • miele
  • kefir
  • Kiwi
  • mango
  • papaia
  • ananas
  • crauti

Integrare la tua dieta con alcuni di questi alimenti può aiutare la digestione.

Chi ha bisogno di enzimi digestivi?

Potresti aver bisogno di enzimi digestivi se hai l’EPI. Alcune altre condizioni che possono lasciarti a corto di enzimi digestivi sono:

  • pancreatite cronica
  • cisti pancreatiche o tumori benigni
  • blocco o restringimento del dotto pancreatico o biliare
  • il cancro del pancreas
  • chirurgia pancreatica
  • fibrosi cistica
  • diabete

Se hai l’EPI, la digestione può essere lenta e scomoda. Può anche lasciarti malnutrito. I sintomi possono includere:

  • gonfiore
  • gas eccessivo
  • crampi dopo i pasti
  • diarrea
  • feci gialle e unte che galleggiano
  • feci maleodoranti
  • dimagrire anche se mangi bene

Anche se non hai l’EPI, potresti avere problemi a digerire determinati alimenti. L’intolleranza al lattosio ne è un buon esempio. Un integratore di lattasi senza prescrizione medica può aiutarti a digerire gli alimenti che contengono lattosio.

Oppure, se hai difficoltà a digerire i fagioli, potresti trarre beneficio da un integratore di alfa-galattosidasi.

Effetti collaterali

L’effetto collaterale più comune degli enzimi digestivi sostitutivi è la stitichezza. Altri sintomi meno comuni possono includere:

  • nausea
  • crampi addominali
  • diarrea

Se hai segni di una reazione allergica, contatta immediatamente il medico.

L’ambiente nel sistema digestivo richiede un delicato equilibrio. Gli enzimi digestivi sostitutivi potrebbero non funzionare bene se l’ambiente nell’intestino tenue è troppo acido a causa della mancanza di bicarbonato. Un altro problema può essere che non stai assumendo la giusta dose o rapporto di enzimi.

Alcuni farmaci possono interferire con gli enzimi digestivi, quindi è importante informare il medico di eventuali farmaci e integratori che stai attualmente assumendo.

Se stai assumendo enzimi e hai problemi, consulta il medico.

Quando vedere un dottore

Se riscontri problemi digestivi frequenti o persistenti o hai segni di EPI, consulta il medico il prima possibile. Potresti non ricevere tutti i nutrienti di cui hai bisogno per mantenere una buona salute.

Ci sono molti disturbi gastrointestinali che possono causare i sintomi. Cercare di indovinare di quali enzimi hai bisogno e in quale dose può portare a problemi. Per questi motivi, è importante ottenere una diagnosi e discutere le opzioni con il medico.

Se hai bisogno di una sostituzione degli enzimi digestivi, puoi discutere i pro e i contro della prescrizione rispetto ai prodotti OTC.

L’asporto

Gli enzimi digestivi sono essenziali per la nutrizione e la buona salute generale. Aiutano il tuo corpo ad assorbire i nutrienti dai cibi che mangi. Senza di loro, alcuni alimenti possono portare a sintomi spiacevoli, intolleranze alimentari o carenze nutrizionali.

Alcuni disturbi gastrointestinali possono portare a una mancanza di enzimi, ma la terapia enzimatica sostitutiva può essere un’opzione efficace.

Parla con il tuo medico dei sintomi gastrointestinali, delle potenziali cause e se la sostituzione degli enzimi digestivi è una buona scelta per te.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Apparato digerente

Come distinguere tra reflusso laringofaringeo (LPR) e GERD