in

Le sigarette hanno un effetto lassativo?

Potresti chiederti se fumare sigarette ha qualche effetto sul tuo intestino, come fa il caffè. Dopotutto, anche la nicotina non è uno stimolante?

Ma la ricerca sull’intersezione tra fumo e diarrea è mista.

Continua a leggere per saperne di più, così come gli altri effetti collaterali dannosi delle sigarette.

Effetto lassativo

I lassativi sono sostanze che possono liberare le feci bloccate o impattate nell’intestino crasso (colon), lasciandole passare più facilmente attraverso il colon.

I lassativi possono anche essere usati per causare le reazioni muscolari nell’intestino che muovono le feci, che è chiamato movimento intestinale. Questo tipo di lassativo è noto come lassativo stimolante perché “stimola” una contrazione che spinge fuori le feci.

Molte persone ritengono che la nicotina e altri stimolanti comuni come la caffeina abbiano un effetto simile sull’intestino, causando un’accelerazione dei movimenti intestinali. Ma la ricerca racconta una storia più complicata.

Ricerca

Quindi, cosa dice effettivamente la ricerca sul fumo e sui movimenti intestinali? Causa diarrea?

La risposta breve: non lo sappiamo per certo.

Sono stati trovati pochi collegamenti diretti tra fumare una sigaretta e avere un movimento intestinale. Ma sono state fatte molte ricerche sugli effetti del fumo sulla malattia infiammatoria intestinale (IBD), di cui la diarrea è un sintomo principale.

La prima cosa da sapere è che il fumo può rendere più gravi i sintomi della diarrea dell’IBD, come il morbo di Crohn, un tipo di IBD.Fonte attendibile

Una revisione del 2018 della ricerca sul fumo, il morbo di Crohn e la colite ulcerosa (un altro tipo di IBD) ha concluso che la terapia con nicotina può aiutare a controllare i sintomi della colite ulcerosa per gli ex fumatori, ma è solo temporanea. Non ci sono benefici a lungo termine. Ci sono state anche segnalazioni che il fumo può effettivamente aumentare l’attività della colite ulcerosa.Fonte attendibile

Inoltre, i ricercatori notano che il fumo può aumentare il rischio di sviluppare la malattia di Crohn. Può anche peggiorare i sintomi a causa dell’infiammazione nell’intestino.

Inoltre, il fumo può anche aumentare il rischio di infezioni batteriche che colpiscono l’intestino e causano diarrea.

Uno studio del 2015 che includeva più di 20.000 partecipanti pubblicato su BMC Public Health ha rilevato che coloro che fumano hanno un tasso di infezione più elevato di batteri Shigella . Shigella è un batterio intestinale spesso responsabile di intossicazioni alimentari, che portano alla diarrea.Fonte attendibile

D’altra parte, lo stesso studio ha scoperto che il fumo fa sì che lo stomaco produca più acido, quindi i fumatori hanno meno probabilità di sviluppare infezioni da Vibrio colera . Questo è un altro batterio che causa comunemente infezioni e diarrea.

E c’è più ricerca che mostra quanto sia incerto il legame tra fumo e movimenti intestinali.

Uno studio del 2005 ha esaminato gli effetti di diversi stimolanti, tra cui caffè e nicotina, sul tono rettale. Questo è un termine per la tenuta del retto, che ha un effetto sui movimenti intestinali.Fonte attendibile Fonte attendibile

Lo studio ha scoperto che il caffè ha aumentato il tono rettale del 45 percento. Ha riscontrato un aumento molto minore (7 percento) del tono rettale della nicotina, che era quasi pari all’effetto di una pillola d’acqua placebo al 10 percento. Ciò suggerisce che la nicotina potrebbe non avere nulla a che fare con la cacca.

ANNUNCIO

La terapia online può aiutare con il supporto alla dipendenza a lungo termine

Trova un terapista dalla rete di professionisti di BetterHelp per il tuo percorso di recupero dalla dipendenza. Fai un quiz, fatti trovare abbinato e inizia a ricevere assistenza tramite telefono o sessioni video.

TROVA UN TERAPISTA
  • +1,5 milioni

    aiutato

  • Accesso alla terapia 24 ore su 24, 7 giorni su 7
  • Preferito da94% degli utenti

Fumo e apparato digerente

Il fumo colpisce tutto il corpo, compresa ogni parte del tratto digestivo. Ecco cosa può accadere che può causare o peggiorare la diarrea e altre importanti condizioni gastrointestinali:

  • GERD. Il fumo può indebolire i muscoli dell’esofago e far fuoriuscire l’acido dello stomaco nella gola. La malattia da reflusso gastroesofageo (GERD) si verifica quando l’acido si consuma nell’esofago, producendo bruciore di stomaco a lungo termine.Fonte attendibile
  • Morbo di Crohn. Il Crohn è un’infiammazione a lungo termine dell’intestino che può causare sintomi come diarrea, affaticamento e perdita di peso anormale. Il fumo può rendere i sintomi più gravi nel tempo. Cosnes J, et al. (2012).Fonte attendibile
  • Ulcere peptiche. Queste sono piaghe che si formano nel rivestimento dello stomaco e nell’intestino. Il fumo ha una serie di effetti sul sistema digestivo che possono peggiorare le ulcere, ma smettere può invertire rapidamente alcuni degli effetti.Fonte attendibile
  • Polipi del colon. Queste sono escrescenze tissutali anormali che si formano nell’intestino. Il fumo può raddoppiare il rischio di sviluppare polipi del colon cancerosi.Fonte attendibile
  • calcoli biliari. Questi sono accumuli duri di colesterolo e calcio che possono formarsi nella cistifellea e causare blocchi che potrebbero dover essere trattati chirurgicamente. Il fumo può metterti a rischio di malattie della cistifellea e formazione di calcoli biliari.Fonte attendibile
  • Malattia del fegato. Il fumo aumenta il rischio di sviluppare la steatosi epatica non alcolica. Smettere può rallentare il decorso della condizione o ridurre immediatamente il rischio di complicazioni.Fonte attendibile
  • Pancreatite. Questa è un’infiammazione a lungo termine del pancreas, che aiuta a digerire il cibo e a regolare la glicemia. Il fumo può scatenare riacutizzazioni e peggiorare i sintomi esistenti. Smettere può aiutarti a guarire più velocemente ed evitare i sintomi a lungo termine.Fonte attendibile
  • Cancro. Il fumo è collegato a numerosi tipi di cancro, ma smettere riduce significativamente il rischio. Il cancro da fumo può manifestarsi in:
    • colon
    • retto
    • stomaco
    • bocca
    • gola
Ricevi la nostra newsletter settimanale sulla BPCO

Per aiutare ad affrontare le sfide della convivenza con la BPCO, invieremo supporto e consigli sia ai pazienti che agli operatori sanitari.

Aiuto per smettere

Smettere è difficile, ma non impossibile. E smettere prima piuttosto che dopo può aiutarti a ridurre i sintomi che la nicotina può causare sul tuo tratto digestivo e a guarire il tuo corpo dai suoi effetti.

Prova alcune delle seguenti soluzioni per aiutarti a smettere:

  • Apporta alcuni cambiamenti nello stile di vita. Fai esercizio fisico regolare o medita per aiutarti a rompere alcuni dei rituali o delle abitudini che hai costruito intorno al fumo.
  • Incoraggia i tuoi amici e la tua famiglia a sostenerti. Dì a chi ti è vicino che hai intenzione di smettere. Chiedi se possono controllarti o comprendere i sintomi dell’astinenza.
  • Unisciti a un gruppo di supporto con altre persone che hanno smesso di fumare per ascoltare le loro opinioni e ricevere assistenza. Ci sono anche molti gruppi di supporto online.
  • Prendi in considerazione i farmaci per il desiderio e l’astinenza da nicotina, come il bupropione ( Zyban ) o la vareniclina ( Chantix ), se necessario.
  • Considera un sostituto della nicotina , come un cerotto o una gomma, per aiutarti a liberarti dalla dipendenza. Questo è noto come terapia sostitutiva della nicotina (NRT) .

La linea di fondo

Quindi, fumare probabilmente non ti fa fare la cacca, almeno non direttamente. C’è tutta una serie di altri fattori che potrebbero essere responsabili di questa sensazione di urgenza di andare in bagno dopo aver fumato.

Ma il fumo ha un impatto importante sulla salute dell’intestino. Aumenta il rischio di disturbi intestinali che possono causare diarrea e altri sintomi gastrointestinali.

Smettere può ridurre e persino invertire alcuni di questi effetti. Non esitare a provare alcune strategie per smettere o a chiedere aiuto per rompere questa abitudine.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Puoi mangiare troppo aglio?

Alcoli di zucchero: buoni o cattivi?