in

obliquo inferiore

Quattro muscoli si attaccano alla superficie dell’occhio e lavorano insieme per spostare il bulbo oculare in direzione verticale (verso l’alto). Due di questi muscoli, il retto superiore e inferiore , muovono l’occhio su e giù quando l’occhio viene ruotato lontano dal naso. Quando l’occhio è rivolto verso il naso, il muscolo obliquo inferiore è responsabile dell’elevazione dell’occhio, allontanandolo dalla parte superiore dal naso e spostandolo verso l’esterno.

Quando l’occhio guarda direttamente in avanti, tutti e quattro i muscoli aiutano a creare il movimento verticale, con i muscoli retti che svolgono metà del lavoro e i due muscoli obliqui che svolgono l’altra metà.

L’obliquo inferiore ha origine da un punto nel mezzo e verso la parte anteriore del pavimento dell’orbita oculare, vicino al dotto lacrimale. Passa sotto il muscolo retto inferiore prima di inserirsi nella parte posteriore della sclera, la copertura esterna dell’occhio. Questo muscolo, insieme a tre dei muscoli retti, è fornito dal nervo oculomotore (terzo cranico), che è anche responsabile dell’apertura dell’occhio.

Sclera

La sclera è la parte dell’occhio comunemente nota come “bianco”. Forma la parete di supporto del bulbo oculare ed è continua con la cornea trasparente.

La sclera è ricoperta dalla congiuntiva, una membrana mucosa trasparente che aiuta a lubrificare l’occhio. È più spesso nell’area che circonda il nervo ottico. La sclera è costituita da tre divisioni: l’ episclera , tessuto connettivo lasso, immediatamente al di sotto della congiuntiva; sclera propriamente detta , il tessuto bianco denso che conferisce all’area il suo colore; e la lamina fusca , la zona più interna costituita da fibre elastiche.

Ci sono una serie di anomalie associate alla sclera. Alcuni sono genetici e includono:

  • Melanosi: depositi eccessivi di melanina (pigmento) sulla superficie della sclera, che possono infiammarsi e dare fastidio
  • Coloboma sclerale: tessuto mancante che provoca intaglio e rigonfiamento della sclera (lesioni)
  • Ectasia: un assottigliamento e rigonfiamento della sclera

Ora ci sono lenti a contatto all’avanguardia che sono adattate per trattare quelli con ectasia sclerale.

Le anomalie acquisite della sclera includono:

  • Ectasia che può essere provocata come effetto collaterale di traumi o infiammazioni

Episclerite: una reazione di ipersensibilità che può essere anteriore o posteriore, è caratterizzata da vasi sanguigni congestionati e può interessare anche la cornea

obliquo superiore

L’ obliquo superiore è un muscolo fusiforme (a forma di fuso) appartenente al gruppo dei muscoli extraoculari . Ha origine vicino al naso. Insieme agli altri muscoli extraoculari, svolge il ruolo di controllo dei movimenti oculari.

Le sue azioni primarie, secondarie e terziarie sono rispettivamente la rotazione interna (guardando verso il naso), la depressione (guardando verso il basso) e l’abduzione (guardando lontano dal naso). Il movimento dell’occhio verso il basso di questo muscolo è più efficace quando l’occhio viene rapito. Il movimento verso il basso dell’occhio riceve anche supporto dal retto laterale, un altro muscolo extraoculare.

Un altro ruolo chiave del muscolo obliquo superiore è quello di fornire stabilità visiva. Resiste alla tendenza dell’occhio a ruotare se stesso involontariamente quando si guarda verso il basso o verso l’alto. Provoca anche una torsione verso l’interno, che mantiene la posizione dell’occhio verso la linea mediana del viso.

Il quarto nervo cranico (trocleare) fornisce solo questo muscolo e supporta la capacità dell’occhio di deprimersi verso il basso. Le persone con paralisi del quarto nervo – che può verificarsi dalla nascita o come risultato di un trauma – hanno un movimento oculare indebolito verso il basso, che può far sembrare che il loro occhio galleggi verso l’alto. Ciò può comportare una visione offuscata o raddoppiata. La paralisi del quarto nervo può essere trattata con occhiali, chirurgia o può risolversi da sola nel tempo.

Arteria oftalmica

L’ arteria oftalmica si dirama da un importante gruppo di vasi sanguigni nella testa e nel collo noto come arterie carotidi interne.

L’arteria oftalmica è anche composta da un numero di rami arteriosi più piccoli. Il suo punto di origine è solitamente proprio sopra il seno. In alcuni casi, l’arteria oftalmica si dirama dall’arteria carotide interna proprio sotto il seno.

Il percorso dell’arteria scorre attraverso il canale ottico, lungo il nervo ottico e verso la sezione centrale dell’occhio. Il primo ramo dell’arteria è l’arteria retinica centrale, che passa attraverso il nervo ottico e fornisce il flusso sanguigno agli strati retinici interni, parte del tessuto sensibile alla luce che riveste l’interno della parte posteriore dell’occhio. Il ramo lacrimale fornisce le palpebre e la congiuntiva, una membrana che copre le palpebre e la parte bianca del bulbo oculare.

L’arteria oftalmica produce anche i vasi che dirigono il flusso sanguigno ad alcuni muscoli oculari. Due estensioni arteriose comprendono l’estremità dell’arteria oftalmica e forniscono il flusso sanguigno alla fronte e al naso.

L’arteria oftalmica è composta da 14 estensioni maggiori. L’ostruzione dell’arteria oftalmica può portare a una condizione medica nota come sindrome ischemica oculare, in cui un paziente soffre di un certo grado di perdita della vista. La malattia coronarica può facilitarne l’insorgenza.

Retto mediale

Il muscolo retto mediale è il più grande dei muscoli del movimento extraoculare dell’occhio, sei muscoli individuali che circondano l’occhio e aiutano a controllare il movimento dell’occhio. Gli altri cinque muscoli extraoculari sono il retto laterale, l’obliquo superiore, il retto superiore, il retto inferiore e l’obliquo inferiore .

Nello specifico, il muscolo retto mediale lavora per mantenere la pupilla più vicina alla linea mediana del corpo. Aiuta a muovere l’occhio su e giù e da un lato all’altro. Funziona anche con i due muscoli obliqui, la cui funzione è quella di muovere l’occhio dentro e fuori.

Quando il muscolo retto mediale non funziona correttamente e il movimento degli occhi è compromesso si parla di strabismo , che è una condizione in cui i due occhi sono disallineati e, quindi, puntano in direzioni diverse. Lo strabismo può essere corretto dagli oftalmologi, che sono medici specializzati in patologie oculari.

Chiasma ottico

Il chiasma ottico   o  chiasma ottico è uno spazio a forma di X, situato nel proencefalo, direttamente di fronte all’ipotalamo. Fondamentale per la visione, i nervi ottici sinistro e destro si intersecano al chiasma, creando così la caratteristica forma a X. La metà degli assoni di ciascun nervo (le loro porzioni lunghe e filiformi) entra nel tratto opposto in questa posizione, rendendolo una decussazione parziale (incrocio).

Sebbene rari, i gliomi ottici – tumori – possono crescere all’interno del chiasma o in combinazione con i tumori ipotalamici. I gliomi possono influenzare direttamente i nervi ottici.

Benigni (non cancerosi) e che si verificano in genere prima dei 20 anni, i sintomi del glioma ottico possono includere:

  • Occhi sporgenti o perdita della vista
  • Strabismo o movimento involontario degli occhi
  • Elevata pressione intracranica (pressione all’interno del cranio)
  • Perdita di appetito e riduzione del grasso come parte della sindrome diencefalica, una condizione rara (di solito causata da un tumore nel diencefalo del cervello) in cui una persona non aumenta di peso, indipendentemente dalla normale alimentazione e sviluppo

A seguito di una diagnosi preliminare, può essere eseguita un’angiografia cerebrale o una biopsia. Un’angiografia prevede l’uso di raggi X per visualizzare i vasi a cui è stato iniettato il colorante. Una biopsia è un campionamento di tessuto da utilizzare per i test di laboratorio. Una scansione TC della testa può essere eseguita per confermare la posizione e le dimensioni del glioma. I test del campo visivo (test delle capacità dell’occhio) possono aiutare a determinare se il tumore si è diffuso più in profondità nel cervello. Le opzioni di trattamento includono: chemioterapia, corticosteroidi o radiazioni. In alcuni casi può essere necessario un intervento chirurgico per rimuovere il glioma dal chiasma ottico.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Organi e muscoli interni

Conoscere lo sfintere pilorico

Torna su
close

Log In

Forgot password?

Forgot password?

Enter your account data and we will send you a link to reset your password.

Your password reset link appears to be invalid or expired.

Log in

Privacy Policy

To use social login you have to agree with the storage and handling of your data by this website.

Add to Collection

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.