in

Cosa significa una cistifellea contratta?

Che cos’è una cistifellea contratta?

La tua cistifellea è un piccolo organo di forma ovale che si trova dietro il fegato . Funge da deposito per la bile. La bile è un fluido prodotto dal fegato per aiutare la digestione e rimuovere i materiali di scarto dal corpo.

Quando il cibo lascia lo stomaco per l’intestino tenue, la cistifellea rilascia la bile per aiutare a scomporre grasso e sostanze nutritive. Utilizza anche una sostanza chiamata bilirubina per eliminare il colesterolo e i vecchi globuli rossi.

Una cistifellea contratta significa che la tua cistifellea si è ridotta di dimensioni e potrebbe non essere visibile su un test di imaging. Questo può impedire il corretto funzionamento della cistifellea.

Continua a leggere per saperne di più sui sintomi di una cistifellea contratta e su cosa lo causa.

Quali sono i sintomi di una cistifellea contratta?

Una cistifellea contratta non sempre causa sintomi.

Ma in alcuni casi, potresti notare:

  • dolore acuto nell’addome in alto a destra o proprio sotto il petto
  • dolore nella parte centrale superiore della schiena o alla spalla destra
  • perdita di appetito
  • nausea e vomito
  • diarrea
  • ittero

I sintomi di una cistifellea contratta dipendono dalla causa sottostante.

Cosa causa questa condizione?

La tua cistifellea si restringe naturalmente quando rilascia la bile per aiutare la digestione. Questo fa parte del normale processo di digestione e di solito non causa alcun sintomo.

In altri casi, una cistifellea contratta è causata da:

  • calcoli biliari. Queste sono raccolte indurite di sostanze come il colesterolo o la bilirubina. I calcoli biliari possono bloccare i dotti biliari e impedire alla cistifellea di rilasciare la bile.
  • Infiammazione. L’infiammazione cronica può causare la cicatrizzazione del tessuto della cistifellea. Questo può rendere più difficile per la tua cistifellea immagazzinare e rilasciare la bile, che può influenzare la digestione di alcuni nutrienti.
  • Blocco dell’anatra cistica. Il dotto cistico è il percorso che la bile viaggia tra il fegato, la cistifellea e i dotti biliari che collegano la cistifellea all’intestino tenue. Se i calcoli biliari o altre sostanze bloccano il dotto cistico tra il fegato e la cistifellea, la bile non può essere trasportata nella cistifellea, causandone il restringimento.
  • Cistifellea indurita. Conosciuta anche come cistifellea di porcellana, questa condizione potrebbe essere il risultato di troppi calcoli biliari, ma gli esperti non sono sicuri della causa esatta. Questa condizione è associata ad arischio più elevatoFonte attendibile per il cancro della colecisti.

Come viene diagnosticata una cistifellea contratta?

Se hai sintomi di un problema alla cistifellea, il medico inizierà facendo alcune domande su:

  • sintomi che hai notato
  • quando sono iniziati i tuoi sintomi
  • quanto spesso noti i sintomi
  • se i tuoi sintomi sono costanti o vanno e vengono
  • qualsiasi cosa, come certi cibi o attività, che fa scomparire o peggiorare i sintomi

Sulla base di questi dettagli, il medico può utilizzare alcuni metodi per diagnosticare una cistifellea contratta e la sua causa.

Ecografia o TAC

Un’ecografia fornisce un’immagine della cistifellea e delle strutture vicine. Potrebbe essere necessario evitare di mangiare prima di un’ecografia per assicurarsi che qualsiasi contrazione non sia dovuta alla normale digestione. Una cistifellea contratta sarà molto difficile o impossibile da vedere sulle immagini ad ultrasuoni.

L’ecografia può anche evidenziare infiammazioni o calcoli biliari che potrebbero causare i sintomi.

Il medico può anche utilizzare le scansioni TC per ottenere una vista in sezione trasversale della cistifellea, soprattutto se non può vederla su un’immagine ad ultrasuoni.

analisi del sangue

Un esame emocromocitometrico completo può aiutare il medico a diagnosticare condizioni sottostanti che possono influenzare le funzioni della cistifellea. Questo può includere ittero, pancreatite e complicazioni causate da calcoli biliari o ostruzione del dotto biliare.

Test HIDA

Il medico potrebbe volerti somministrare un’iniezione di una sostanza che rende la tua cistifellea più facile da vedere su un test di imaging. Un metodo comune per questo è un test dell’acido imminodiacetico epatobiliare (HIDA) . Ciò comporta l’iniezione di un tracciante radioattivo nel braccio. Questo tracciante può essere rintracciato mentre va al fegato e nella cistifellea insieme alla bile. Il medico potrebbe essere in grado di vedere una funzione anormale della cistifellea mentre il tracciante si muove attraverso il sistema biliare.

Come viene trattata una cistifellea contratta?

Una cistifellea contratta non richiede sempre un trattamento, soprattutto se non causa alcun sintomo.

Ma se hai una cistifellea contratta a causa di una condizione sottostante, il medico potrebbe raccomandare:

  • Colangiopancreatografia retrograda endoscopica (ERCP). Un chirurgo utilizza un endoscopio dotato di strumenti per rimuovere i calcoli biliari che bloccano i dotti biliari. L’ERCP viene solitamente eseguito se ci sono solo pochi calcoli biliari che devono essere rimossi.
  • Scioglimento orale. Il medico prescriverà un farmaco orale che aiuta a dissolvere i calcoli biliari mentre passano attraverso la cistifellea. Questo viene fatto se i tuoi calcoli biliari sono causati da sostanze contenenti colesterolo.
  • Colecistectomia. Questo si riferisce alla chirurgia per rimuovere la cistifellea . Può essere fatto attraverso un’apertura appena sopra la cistifellea. Può essere eseguita anche per via laparoscopica con una serie di piccoli fori che possono ospitare strumenti e luci per rimuovere la cistifellea senza la necessità di creare una grande incisione.
  • Litotrissia ad onde d’urto. Il medico utilizzerà le onde d’urto per frantumare i calcoli biliari in modo che siano abbastanza piccoli da passare fuori dalla cistifellea. Questo di solito viene fatto se i calcoli biliari sono piccoli.

Qual è la prospettiva?

Una cistifellea contratta non è sempre qualcosa di cui preoccuparsi. Se non provi alcun dolore o disagio, probabilmente è solo una parte del tuo normale processo digestivo. Ma se si verificano sintomi, inclusi dolore o nausea, consultare un medico per determinare il caso sottostante. La maggior parte delle cause sottostanti risponde bene a una varietà di trattamenti non chirurgici.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Fibrosi cistica

Cosa dovresti sapere sulla stitichezza