in

Le diete per il diabete funzionano in modo diverso nelle persone con diversi batteri intestinali

L’indice glicemico viene utilizzato per aiutare i diabetici e le persone a dieta a fare scelte più sane. Ma quanto bene funzioni potrebbe avere a che fare con ciò che vive nel tuo sistema digestivo.

Gli scienziati pensano sempre più che ciò che mangiamo influenzi quali batteri prosperano nelle nostre vie digestive e che i batteri nelle nostre pance, a loro volta, influenzino la nostra salute. Un nuovo studio indica che questo non è meno vero nelle persone con diabete.

Gli scienziati affermano che la differenza negli insetti intestinali delle persone potrebbe spiegare perché la dieta abituale utilizzata per controllare o prevenire il diabete – carboidrati più complessi, meno carboidrati semplici – funziona molto meglio in alcune persone che in altre.

Fuori con l’indice glicemico

L’indice glicemico è un modo comunemente usato per classificare gli alimenti come sicuri o non sicuri per le persone con diabete o prediabete. Molti aspiranti perdenti di peso usano anche il sistema di valutazione per differenziare i carboidrati complessi “buoni” dai carboidrati semplici “cattivi”. Il sistema valuta gli alimenti in base alla quantità media di glucosio che producono il corpo.

Ma il studio pubblicato oggi sulla rivista CellFonte attendibilesostiene, quelle medie sono quasi prive di significato. Gli alimenti a basso indice glicemico, come le lenticchie, possono causare picchi di zucchero nel sangue in alcune persone, mentre gli alimenti che ci aspetteremmo essere bombe di zucchero, come il gelato, possono adattarsi bene alla dieta di alcune persone.

In altre parole, per alcuni il pane può essere un carboidrato “buono”, mentre per altri è un carboidrato “cattivo”.

“Questa variabilità è qualcosa che può spiegare in parte o tutto il fallimento generale della razza umana nell’applicare una dieta universale per affrontare l’epidemia di obesità”, ha affermato il dottor Eran Elinav, Ph.D., ricercatore presso il Weizmann Institute of Science. in Israele, che è uno degli autori dello studio.

Elinav e i suoi colleghi hanno dotato 800 partecipanti di monitor glicemici continui per tenere sotto controllo tutti i picchi e le valli della glicemia nel corso di un’intera settimana. I partecipanti non avevano prediabete, ma molti erano a rischio. La maggior parte erano in sovrappeso e molti erano obesi.

I partecipanti consumavano una delle quattro colazioni standardizzate ogni giorno e annotavano il resto di ciò che mangiavano.

Questo ha prodotto una marea di dati. Selezionandolo con l’aiuto di un computer, i ricercatori hanno concluso che i batteri intestinali erano un fattore importante che induceva le persone a metabolizzare gli alimenti in modo diverso.

Per aiutarti a rimanere al passo con il diabete, ti invieremo suggerimenti su come mangiare in modo saggio, notizie sulle scoperte e altro ancora.

Diete personalizzate forse, probiotici no

I ricercatori hanno utilizzato le connessioni che hanno trovato per creare piani dietetici personalizzati per una nuova serie di soggetti di studio. Dopo una settimana di dieta, la glicemia post-prandiale dei partecipanti è migliorata tanto quanto le loro coorti che hanno ricevuto il consiglio standard di un esperto.

“La soluzione sostanzialmente sposta l’attenzione dal dare voti agli alimenti, cosa che viene fatta oggi dai sistemi di classificazione come l’indice glicemico e le calorie, all’individuo”, ha detto Elinav.

È una prospettiva allettante.

David Marrero, Ph.D., presidente della sanità e dell’istruzione presso l’American Diabetes Association, ha ritenuto che l’approccio fosse un modo interessante per spiegare le variazioni nel modo in cui le persone rispondono agli alimenti. Ma la maggior parte delle persone che cercano di tenere a bada il diabete potrebbe non aver bisogno di tale aiuto ad alta tecnologia.

“Ciò che impedisce davvero alle persone di sviluppare il diabete di tipo 2, in particolare a coloro che sono a rischio, è la riduzione del peso”, ha detto Marrero. “Le diete su misura saranno efficaci solo se controllano l’apporto calorico e si traducono in una perdita di peso prolungata”.

Mentre una dieta personalizzata renderebbe probabilmente la vita più piacevole per i partecipanti identificando i momenti in cui potrebbe essere OK mangiare un cibo preferito che ottiene un punteggio alto sull’indice glicemico, aiuterebbe a prevenire il diabete solo se rendesse più facile per i pazienti attaccarsi ad esso.

La personalizzazione potrebbe diventare rapidamente complessità, il che potrebbe portare a razionalizzare o rinunciare del tutto, ha affermato Marrero.

Le diete individualizzate nello studio hanno anche portato a cambiamenti nelle popolazioni di diversi batteri intestinali legati alla salute metabolica.

Per coloro che tengono traccia delle numerose specie che i ricercatori hanno segnalato come possibilmente rilevanti per il peso e la glicemia, i ricercatori hanno riscontrato aumenti di Roseburia inulinivorans , Eubacterium eligens , Bacteroides vulgatus, Bacteroidetes phylum e Alistipes putredinis nei partecipanti che seguono le diete personalizzate.

Tutti questi hanno almeno uno studio che li collega in numero più elevato a una salute migliore. I ricercatori hanno anche indicato una diminuzione degli anaerostipi , per i quali popolazioni più piccole sono state collegate a una salute migliore.

Ma sarebbe sciocco correre a comprare prebiotici o probiotici nella speranza di perdere peso o migliorare la glicemia, secondo George Weinstock, Ph.D., che co-guida la sezione sul prediabete del Progetto Microbioma Umano presso i National Institutes of Salute e chi non è stato coinvolto nello studio.

I batteri intestinali sembrano svolgere un ruolo importante nel diabete di tipo 2 e nell’obesità, ha detto Weinstock, ma gli scienziati non sono ancora in grado di individuare quali siano gli eroi e quali i cattivi.

“Il documento fa alcune ipotesi interessanti, ma ora necessitano di studi di convalida”, ha affermato.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Perché le caramelle di Halloween spaventano lo stomaco degli adulti?

I probiotici possono prevenire il reflusso acido, la stitichezza e le coliche nei neonati