in

Comprensione del ciclo di remissione e ricaduta nella malattia di Crohn

La malattia di Crohn provoca irritazione e gonfiore nel rivestimento del tratto digestivo (chiamato anche tratto gastrointestinale o tratto gastrointestinale). L’infiammazione della malattia di Crohn può verificarsi ovunque lungo il tratto digestivo.

Colpisce più comunemente la fine dell’intestino tenue (l’ileo) e l’inizio dell’intestino crasso (il colon).

Il Crohn è una condizione cronica, quindi la maggior parte delle persone sperimenterà sintomi on e off per tutta la vita. I periodi in cui compaiono i sintomi sono chiamati ricadute. I periodi senza sintomi sono chiamati remissioni.

Continua a leggere per saperne di più sulla remissione della malattia di Crohn e sul ciclo di ricaduta.

Qual è la remissione della malattia di Crohn?

L’obiettivo principale del trattamento della malattia di Crohn è raggiungere e mantenere la remissione. Questo è quando i sintomi migliorano o scompaiono del tutto. I medici hanno definizioni diverse per la remissione e modi diversi per descriverla.

La remissione può significare cose diverse in base ai parametri usati per descriverla.

I tipi di remissione includono:

Remissione clinica

Questo è il termine che il medico in genere utilizzerà per descrivere la remissione. Significa che i tuoi sintomi sono migliorati o sono scomparsi. Eppure potresti avere ancora un’infiammazione nel tratto gastrointestinale.

Remissione endoscopica

Ciò significa che non ci sono prove di infiammazione su test come una colonscopia o una sigmoidoscopia .

Questo tipo di remissione è più difficile da ottenere rispetto alla remissione clinica, ma è l’obiettivo del trattamento perché significa che il danno al tratto gastrointestinale si è fermato.

Remissione radiografica

Non c’è alcun segno di infiammazione su una risonanza magnetica o altre scansioni di immagini del tratto gastrointestinale.

Remissione istologica

Sebbene non ci sia una definizione concordata per questo tipo di remissione, generalmente si riferisce alla riduzione dell’infiammazione e della guarigione nel rivestimento del tratto gastrointestinale.

Con la remissione istologica, non ci sono prove di infiammazione quando i campioni di tessuto vengono studiati al microscopio.

Normali marker di infiammazione

Gli esami del sangue e delle feci non mostrano segni di infiammazione.

Sintomi

Sintomi come mal di pancia, diarrea e feci sanguinolente dovrebbero attenuarsi o scomparire una volta che sei in remissione.

Durata

I periodi di remissione possono durare da pochi mesi a diversi anni. I sintomi di solito ritornano ad un certo punto.

Mantenere la remissione

Dieta

Sono state suggerite alcune diete per mantenere la remissione:

  • Dieta senza glutine . Il glutine è una proteina presente nei cereali come grano, orzo e segale. Alcune persone con malattia di Crohn scoprono che eliminare il glutine dalla loro dieta aiuta con i sintomi.
  • Dieta a basso contenuto di fibre . Ridurre i cibi ricchi di fibre come cereali integrali, noci e popcorn può alleviare sintomi come dolore alla pancia e movimenti intestinali sciolti.
  • Dieta a basso contenuto di FODMAP . FODMAP è l’abbreviazione di cinque zuccheri che il tuo intestino potrebbe non assorbire bene. Li troverai negli alimenti che contengono zuccheri naturali come sorbitolo e xilitolo, così come in ceci, lenticchie, aglio e grano.
  • Dieta a basso contenuto di carni rosse lavorate. Alcune persone scoprono che quando riducono la carne di manzo e altra carne rossa, oltre a carne da pranzo, hot dog e pancetta, non ottengono così tante riacutizzazioni.
  • Dieta Mediterranea . Questa dieta è ricca di frutta, verdura, pesce, olio d’oliva e latticini a basso contenuto di grassi. È povero di carne rossa.
  • Dieta specifica a base di carboidrati . Questa dieta elimina alcuni zuccheri, fibre e alcuni cereali.

Finora, nessuna di queste diete ha dimostrato di mantenere la remissione, ma potrebbero funzionare per alcune persone. Parla con il tuo medico o un dietologo prima di cambiare il tuo modo di mangiare.

Trattamento

Essere in remissione non significa che dovresti interrompere il trattamento. Continuare a prendere i farmaci può aiutare a prevenire una nuova riacutizzazione dei sintomi e delle complicazioni.

I farmaci usati per mantenere la remissione includono:

  • Aminosalicilati (5-ASA) come la sulfasalazina (Azulfidina). Questi farmaci bloccano determinati percorsi per ridurre l’infiammazione nel rivestimento dell’intestino.
  • Immunomodulatori come l’azatioprina (Azasan). Questi farmaci riducono la risposta del sistema immunitario per fermare l’infiammazione. Potresti prendere uno di questi farmaci se gli aminosalicilati non hanno funzionato per te.
  • Farmaci biologici. Questo nuovo gruppo di farmaci prende di mira alcune proteine ​​​​nel tuo corpo che causano l’infiammazione. I farmaci biologici si presentano come un’iniezione o un’infusione che si ottiene sotto la pelle.

Altri suggerimenti per mantenere la remissione

Alcuni fattori tendono a scatenare le riacutizzazioni. Ecco alcune cose che puoi fare per evitare il ritorno dei sintomi:

  • Gestisci lo stress. Situazioni stressanti o forti emozioni possono portare a riacutizzazioni. È impossibile eliminare tutti gli eventi che producono stress nella tua vita, ma puoi usare tecniche di rilassamento come la respirazione profonda e la meditazione per cambiare il modo in cui il tuo corpo reagisce alle situazioni stressanti.
  • Evita i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). Alcuni farmaci comunemente usati, tra cui l’aspirina, il naprossene (Aleve) e l’ibuprofene (Motrin, Advil), sono possibili fattori scatenanti per i razzi.
  • Limita gli antibiotici. L’uso di antibiotici può causare cambiamenti nei batteri che normalmente vivono nell’intestino. Questo può portare a infiammazioni e riacutizzazioni dei sintomi in alcune persone con Crohn.
  • Se fumi, considera di smettere. Le persone che fumano tendono ad avere più razzi rispetto ai non fumatori. Se fumi e hai difficoltà a smettere, chiedi aiuto al tuo medico.
  • Guarda la tua dieta per i trigger. Alcune persone hanno fattori scatenanti legati alla dieta. Nessun tipo di cibo aggrava i sintomi in tutti coloro che soffrono di Crohn. Tenere un diario alimentare per identificare eventuali fattori scatenanti può aiutarti a capire meglio come la tua dieta si relaziona ai tuoi sintomi.

Cos’è la ricaduta della malattia di Crohn?

Anche con il trattamento, le persone con malattia di Crohn probabilmente sperimenteranno riacutizzazioni o periodi di tempo in cui i sintomi della malattia sono attivi.

Non è sempre possibile sapere cosa causa un flare. Le riacutizzazioni possono verificarsi anche mentre stai assumendo i farmaci come prescritto e seguendo le pratiche di auto-cura.

Sintomi

I sintomi di una ricaduta possono variare da lievi crampi e diarrea a forti dolori addominali o blocchi intestinali. Potresti provare gli stessi tipi di problemi digestivi che avevi quando ti è stata diagnosticata per la prima volta o potresti avere nuovi sintomi.

I sintomi tipici durante una riacutizzazione includono:

  • diarrea
  • frequenti movimenti intestinali
  • sangue nelle feci
  • mal di pancia
  • nausea e vomito
  • perdita di peso

Durata

Le riacutizzazioni dei sintomi possono durare da settimane a mesi. Le riacutizzazioni possono verificarsi naturalmente quando il morbo di Crohn non viene trattato. Possono anche verificarsi quando il morbo di Crohn non risponde ai trattamenti e i sintomi rimangono acuti.

Curare il morbo di Crohn

Esistono due tipi principali di trattamento per la malattia di Crohn: farmaci e chirurgia.

farmaci

La maggior parte dei farmaci per la malattia di Crohn ha lo scopo di ridurre l’infiammazione nel tratto gastrointestinale. Alcuni farmaci trattano i razzi, mentre altri aiutano a mantenere il Crohn in remissione una volta che i sintomi sono scomparsi.

I farmaci più comuni usati per trattare il Crohn includono:

  • Aminosalicilati. Questi farmaci aiutano a ridurre l’infiammazione. Funzionano bene per malattie da lievi a moderate e per prevenire le ricadute. Sono più efficaci per il morbo di Crohn che è nel colon.
  • Corticosteroidi. Questi sono potenti farmaci antinfiammatori. Aiutano a gestire i razzi, ma sono pensati per essere usati solo a breve termine a causa del loro rischio di effetti collaterali come aumento di peso, cambiamenti di umore e ossa indebolite.
  • Immunomodulatori. Questi farmaci smorzano la risposta del sistema immunitario per ridurre l’infiammazione. Il medico può raccomandare uno di questi farmaci se gli aminosalicilati non funzionano per te.
  • Biologici. I prodotti biologici prendono di mira le proteine ​​​​nel tuo corpo che causano l’infiammazione. Vengono come un’iniezione o un’infusione che si ottiene sotto la pelle.
  • Antibiotici. Questi farmaci aiutano a prevenire e curare le infezioni del tratto gastrointestinale. Sono usati principalmente per trattare le infezioni che potrebbero causare ulteriori complicazioni.

Chirurgia

La chirurgia è un’opzione, ma di solito è riservata alla malattia di Crohn che non migliora con i farmaci o smette di rispondere ad essa. Fino al 75% delle persone con malattia di Crohn alla fine avrà bisogno di un intervento chirurgico.

La chirurgia può essere utilizzata per aprire una parte dell’intestino che è stata bloccata. Può anche essere usato per rimuovere una porzione danneggiata dell’intestino.

Ecco alcuni tipi di intervento chirurgico per curare la malattia di Crohn:

  • La resezione rimuove solo la sezione danneggiata dell’intestino.
  • La proctocolectomia rimuove il colon e il retto danneggiati.
  • La colectomia rimuove il colon.
  • La rimozione della fistola tratta un tunnel anomalo che si forma tra due aree dell’intestino o tra l’intestino e un altro organo come il retto e la vagina.
  • Il drenaggio dell’ascesso rimuove una raccolta anormale di pus che si è accumulata nella pancia.
  • La stenosi allarga una parte stretta o bloccata dell’intestino.

La chirurgia non cura la malattia di Crohn, ma può alleviare i sintomi e aiutare a migliorare la qualità della vita.

L’asporto

La malattia di Crohn può essere imprevedibile e non è la stessa per tutti. Il ciclo di ricaduta e remissione varierà a seconda dei sintomi e dei fattori scatenanti. Dipenderà anche da quanto bene il tuo Crohn risponde a particolari trattamenti.

Lavorare con il medico per prevenire le ricadute e gestirle quando si verificano può aiutarti a rimanere al passo con le tue condizioni.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Il succo di aloe vera può trattare l’IBS?

Dieta del morbo di Crohn: guida nutrizionale