in

Il ruolo del digiuno nell’intestino tenue

Il digiuno è la porzione centrale dell’intestino tenue, che collega la prima porzione dell’intestino tenue (duodeno) con l’ultima sezione (ileo). Le cellule che rivestono il digiuno sono responsabili dell’assorbimento dei nutrienti che vengono rilasciati dal cibo durante il processo di digestione. Per facilitare questo processo, la superficie dell’intestino tenue è aumentata molte volte a causa della presenza di villi, o proiezioni simili a dita, che cambiano l’aspetto dell’interno dell’intestino da un tappeto piatto a un tappeto molto profondo. Le cellule che rivestono questi villi assorbono i nutrienti dietetici tra cui zuccheri, amminoacidi e acidi grassi. Questi nutrienti vengono assorbiti dalla cavità intestinale (o lume), viaggiano attraverso le cellule digiunali e quindi vengono passati nel flusso sanguigno, dove possono essere trasportati in parti distanti del corpo e utilizzati per supportare il metabolismo e la crescita cellulare.1 L’intestino tenue è lungo tra 22 e 25 piedi ed è piegato molte volte; il digiuno è lungo circa otto piedi nell’adulto medio.

Funzione

Il digiuno, insieme alle altre aree dell’intestino tenue, è responsabile dell’assorbimento dei nutrienti dal cibo digerito nel flusso sanguigno. Il digiuno è in grado di assorbire questi nutrienti perché è rivestito con proiezioni simili a dita che sono chiamate villi. I villi assorbono i nutrienti sotto forma di minerali, elettroliti e carboidrati, proteine e grassi che sono stati consumati sotto forma di cibo. I nutrienti vengono assorbiti nel flusso sanguigno dove possono essere utilizzati per l’energia da tutto il corpo.

Il digiuno e il resto dell’intestino tenue consentono di cambiare il cibo che mangiamo in energia di cui abbiamo bisogno per le attività quotidiane. Senza l’intestino tenue, il cibo passerebbe attraverso il tratto digestivo senza l’assorbimento dei nutrienti e moriremmo rapidamente di fame.

Anatomia

La transizione tra duodeno e digiuno avviene al legamento sospensivo, o legamento di Treitz, che è tipicamente presente nel quadrante superiore sinistro dell’addome e appena dietro lo stomaco. Non vi è alcuna chiara indicazione su dove termina il duodeno e inizia il segmento finale dell’intestino tenue, o ileo.

Come il resto dell’intestino tenue, l’esterno del digiuno è coperto da una sottile membrana chiamata mesentere. Oltre a sostenere il digiuno, il mesentere isola anche il digiuno, contribuendo a mantenerlo caldo. Il muscolo nel digiuno aiuta a spostare il cibo attraverso il sistema digestivo.

Disturbi

Come parte dell’intestino tenue, il digiuno è soggetto a una serie di disturbi. Alcuni di questi includono:

  • Sanguinante
  • Celiachia
  • Infezioni
  • Cancro intestinale
  • Ostruzione intestinale
  • Sindrome dell’intestino irritabile
  • Ulcere, come l’ulcera peptica

La malattia di Crohn è una forma di malattia infiammatoria intestinale che può colpire qualsiasi parte del tratto gastrointestinale. La malattia di Crohn può manifestarsi come jejunoileitis, o infiammazione del digiuno e dell’ileo. I pazienti con malattia di Crohn in genere presentano sintomi tra cui crampi, dolore e diarrea.

Il ruolo del digiuno nella chirurgia di bypass gastrico

La chirurgia di bypass gastrico è una tecnica utilizzata per trattare diversi disturbi, ma è più comunemente usata per facilitare la riduzione del peso nelle persone estremamente obese.

Una tecnica di bypass comune è chiamata Roux-en-Y e comporta l’applicazione di una serie di graffette chirurgiche per ridurre notevolmente le dimensioni utilizzabili dello stomaco.5 Questa sacca per lo stomaco più piccola viene quindi attaccata direttamente alla prima parte del digiuno. Il resto dello stomaco (ora inutilizzato) e del duodeno vengono lasciati in posizione e si connettono con il canale gastrico a sacca-digiuno appena creato tramite una “connessione Y”.

Ci sono due risultati importanti da questo tipo di chirurgia. In primo luogo, la sacca dello stomaco più piccola può contenere meno, riducendo così il numero di calorie che un paziente è incline a ingerire per “sentirsi pieno”. In secondo luogo, poiché il cibo ingerito viene deviato oltre il duodeno, è possibile assorbire meno calorie e sostanze nutritive. Mentre questo “malassorbimento” adattivo aiuta con la perdita di peso, riduce anche la quantità di nutrizione disponibile per il corpo.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Organi che compongono il sistema digestivo

Cause del dolore all’appendice e opzioni di trattamento