in

Organi che compongono il sistema digestivo

Gli organi della digestione includono il tratto gastrointestinale, che è dove si svolge tutta l’azione e alcuni organi accessori. È un tubo molto lungo che inizia alla bocca e termina con l’ano. Gli organi accessori secernono varie sostanze nel tratto gastrointestinale che semplificano l’intero processo. Ecco un breve sguardo agli organi della digestione.

Organi del tratto gastrointestinale

Cavità orale. Questa è la tua bocca, e anche se non è tecnicamente un organo, è importante perché la digestione inizia in bocca quando mordi e mastichi il cibo, mescolandolo così con la saliva. La saliva (o sputo) inumidisce il cibo in modo che sia più facile da deglutire. Contiene anche un po ‘di amilasi salivare, un enzima digestivo che scompone i carboidrati.

Faringe. La faringe è la porzione della gola in cui la parte posteriore della bocca incontra l’esofago e la trachea (la trachea). Come per la bocca, non è tecnicamente un organo, ma è importante. Quando hai finito di masticare il cibo, la tua lingua spinge il cibo di nuovo nella faringe. Un lembo di tessuto chiamato epiglottide spegne la trachea quando si deglutisce in modo che il cibo non scenda nel tubo sbagliato.

Esofago. Una volta ingoiato quel bolo di cibo, viaggia lungo l’esofago fino allo stomaco. È solo un tubo e non un organo complicato.

Stomaco. Il tuo stomaco è un organo muscoloso simile a una borsa. Le cellule nel rivestimento dello stomaco secernono succhi gastrici che abbattono le proteine e, in misura minore, il grasso e poche altre cose. I muscoli si contraggono e spremono il contenuto dello stomaco per mescolarli con il succo. Questo cambia i grumi di cibo che hai ingerito in una sostanza liquida chiamata chimo.

Intestino tenue. L’intestino tenue è dove termina la digestione e si verifica l’assorbimento dei nutrienti. Gli enzimi digestivi scompongono gli ultimi frammenti di alimenti nei singoli nutrienti in modo che possano essere trasportati attraverso le piccole pareti intestinali e nel flusso sanguigno. Ci sono tre parti dell’intestino tenue chiamate duodeno, digiuno e ileo.

Intestino crasso. Quando il chimo raggiunge l’intestino crasso, i nutrienti sono stati assorbiti, quindi la funzione principale qui è quella di assorbire parte dell’acqua e preparare gli avanzi per l’eliminazione come materiale fecale. Termina con il retto e l’ano.

Organi accessori della digestione

Ghiandole salivari. Tutta quella saliva deve provenire da qualche parte, ed è per questo che le ghiandole salivari sono adatte. Hai tre paia di ghiandole, le ghiandole parotidi, sublinguali e sottomandibolari, che sono tutte collegate alla tua bocca.

Fegato. Questo è un organo molto occupato con molte funzioni, ma per quanto riguarda la digestione, produce bile, che viene secreta nell’intestino tenue per aiutare ad abbattere grassi e oli.

Cistifellea. Un piccolo organo simile a una borsa che immagazzina la bile fino a quando non è necessario. È una buona cosa avere una cistifellea, ma puoi vivere senza una se necessario.

Pancreas. Questo organo produce enzimi digestivi che abbattono carboidrati, grassi e proteine nell’intestino tenue. Secerne anche bicarbonati nell’intestino tenue, che neutralizza il pH acido del chimo.

Cervello e naso? Si potrebbe sostenere che il cervello è un organo accessorio poiché il semplice pensiero del cibo può avviare il flusso di saliva. In questo modo, anche il tuo naso è importante, perché l’odore dei cibi che ti piacciono ti farà venire l’acquolina in bocca. Avere un salto di saliva aiuta la digestione perché rende più facile masticare e ingoiare il cibo.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

I rischi dell’idroterapia del colon

Il ruolo del digiuno nell’intestino tenue