in

Ragade anale: che cos’è, sintomi e trattamento

La ragade anale è una piccola ferita che si manifesta all’estremità del retto, come una sorta di taglio che si trova all’ingresso dell’ano e che provoca sintomi come dolore, fastidio, piccole emorragie e bruciore durante la defecazione. 

Generalmente questo tipo di fessura è causata dal passaggio di feci molto secche e dure, che dilatano lo sfintere, provocando lesioni. Tuttavia, altri problemi come costipazione, grave diarrea, rapporti anali, herpes genitale o emorroidi possono anche portare allo sviluppo di una ragade. 

Principali sintomi

La ragade anale può causare sintomi come dolore all’ano e sangue nelle feci. Seleziona i sintomi nel test di seguito per scoprire il tuo rischio di avere una ragade anale:

  1. 1. Dolore all’ingresso dell’anoNosì
  2. 2. Presenza di sangue sulla carta igienicaNosì
  3. 3. Presenza di sangue nelle feciNosì
  4. 4. Bruciore nella regione anale, soprattutto durante la defecazione o la minzioneNosì
  5. 5. Prurito nell’anoNosì

La ferita della fessura può provocare uno spasmo nello sfintere anale, rendendo difficile l’evacuazione e nei casi più gravi potrebbe esserci anche sangue nelle feci. Nei bambini e nei neonati, la ragade anale può peggiorare la stitichezza a causa del dolore.

Come viene effettuato il trattamento

La cosa più importante nel trattamento della ragade anale è mantenere un’igiene intima adeguata, in modo da evitare l’insorgenza di infezioni che ostacolano la guarigione. Per questo, quando possibile dopo la defecazione o la minzione, la zona va lavata abbondantemente con acqua e un po ‘di sapone intimo oppure passare la carta igienica inumidita con acqua. Le salviettine commerciali potrebbero non essere una buona opzione, poiché contengono alcol e altre sostanze che finiscono per irritare la regione.

Oltre a questo, fare semicupi con acqua tiepida per 5-20 minuti, principalmente dopo l’evacuazione, sono anche un’opzione, perché calmano il bruciore e riducono il dolore, tuttavia, altre strategie sono:

1. Unguenti per ragade anale

Gli unguenti dovrebbero essere usati durante il trattamento quando i sintomi sono molto intensi e causano molto disagio a defecare. Alcuni esempi di unguenti sono:

  • Proctyl o Ultraproct: sono unguenti che contengono una sostanza anestetica che riduce la sensibilità al dolore;
  • Unguenti rectogesici e altri con nitroglicerina: aiuta lo sfintere anale a rilassarsi e migliora la circolazione sanguigna nell’area, facilitando la guarigione della ragade;
  • Bepanthen o Emolin: sono unguenti curativi che idratano e stimolano la guarigione della pelle

Questi unguenti dovrebbero essere sempre indicati da un proctologo, in quanto dovrebbero essere appropriati ai sintomi di ogni persona e alla causa specifica della ragade anale.

Nei casi più gravi, quando la ragade anale è ampia e profonda, può essere necessario consultare il medico in modo che possa indicare analgesici e antinfiammatori orali come il Paracetamolo o il Naprossene per il sollievo del dolore e dell’infiammazione, oppure antibiotici come la Neomicina o la Gentamicina, per Ad esempio, per trattare possibili infezioni. 

2. Botox e chirurgia

Altre possibilità per trattare le ragadi anali, soprattutto quelle croniche, sono l’uso della tossina botulinica, il botox e le procedure chirurgiche, che mirano a ridurre il tono dello sfintere anale e migliorare i sintomi e la comparsa di nuove ragadi. Questo tipo di trattamento indica quando le altre alternative non sono sufficienti per la guarigione delle fessure. 

Come prevenire la ricomparsa della fessura

Nella maggior parte dei casi le ragadi anali sono causate da feci molto secche e costipazione, quindi si consiglia di investire in una dieta equilibrata ricca di fibre, oltre a scommettere su un’attività fisica regolare per aiutare a regolare l’intestino.

Inoltre, per evitare feci secche, è molto importante bere abbastanza acqua. Scopri quanta acqua bere durante la giornata  e guarda nel video sotto 4 strategie per aumentare il tuo consumo di acqua:

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

6 principali cause e sintomi del dolore alla pancia

Cosa può interrompere l’effetto del controllo delle nascite?