in

Ecco i sintomi di E. Coli a cui prestare attenzione, nel caso in cui tu abbia mangiato recentemente lattuga romana contaminata

Inizia con diarrea sanguinolenta e in qualche modo peggiora.

Aggiornare:

Il Centers for Disease Control (CDC) consiglia alle persone di evitare di mangiare tutta la lattuga romana mentre arrivano al fondo di un’epidemia di E. coli che ha infettato 32 persone in 11 stati degli Stati Uniti e 18 persone in Canada, e per la quale il il verde a foglia recidivo è il colpevole più probabile.

Gli investigatori non hanno ancora individuato la fonte, o anche un comune coltivatore, fornitore, distributore o marchio, da qui l’avvertimento generale, abbondantemente cauto.

“I consumatori che hanno in casa qualsiasi tipo di lattuga romana non dovrebbero mangiarla e dovrebbero buttarla via, anche se una parte è stata mangiata e nessuno si è ammalato”, si legge nell’allarme . “Questo consiglio include tutti i tipi o usi di lattuga romana, come teste intere di lattuga romana, cuori di lattuga romana e sacchetti e scatole di lattuga pretagliata e miscele di insalata che contengono lattuga romana, compresa la lattuga romana, la miscela primaverile e l’insalata Caesar”. Allo stesso modo, ai ristoranti e ai rivenditori viene consigliato di non servire o vendere prodotti a base di lattuga romana.

Il CDC, la Food and Drug Administration (FDA), le agenzie statali e locali e la Public Health Agency del Canada (PHAC) e la Canadian Food Inspection Agency stanno lavorando insieme per determinare l’origine dell’epidemia. Attualmente, la FDA sta conducendo le sue indagini di tracciamento e conducendo analisi di laboratorio su campioni di lattuga che potrebbero essere collegati allo scoppio. Finora, hanno rilevato il ceppo Escherichia coli O157: H7 che produce la tossina Shiga nelle persone che si sono ammalate, secondo il CDC.

Tutto questo suona fin troppo familiare? Bene, hai ragione: c’è stata un’epidemia di E. coli legata alla lattuga romana nell’aprile 2018 (controlla il rapporto originale di seguito).

Il CDC ha affermato di sapere che questo ceppo non è geneticamente collegato all’epidemia di E. coli che si è verificata all’inizio di quest’anno. In realtà porta la stessa impronta del DNA del ceppo osservato in un’epidemia di E. coli O157: H7 nell’autunno 2017 che era collegato a verdure a foglia verde negli Stati Uniti e alla lattuga romana in Canada.

Ad oggi, 13 persone sono state ricoverate negli Stati Uniti e le loro malattie sono iniziate tra l’8 e il 31 ottobre. Una persona ha sviluppato un tipo di insufficienza renale chiamata sindrome emolitica uremica, riferisce il CDC, ma non ci sono stati decessi. Tuttavia, poiché sono necessarie dalle due alle tre settimane per la segnalazione delle malattie, potrebbero verificarsi più casi.

Il CDC consiglia a chiunque si senta male di consultare immediatamente il proprio medico. Consigliano inoltre di lavare e igienizzare eventuali ripiani o cassetti del frigorifero in cui hai conservato recentemente la lattuga romana. Dai un’occhiata al nostro articolo originale di seguito con ulteriori informazioni su segni e sintomi di E. coli a cui prestare attenzione, oltre a cosa fare se si verificano sintomi.

Rapporto originale: 20 aprile 2018

Innanzitutto, all’inizio di questa settimana c’è stato un richiamo correlato alla salmonella di 200 milioni di uova. E ora, le persone vengono istruite a stare alla larga da un popolare insalata verde. La Food and Drug Administration (FDA) ha annunciato che sta indagando su un focolaio di Escherichia coli (E. coli) che è stato collegato alla lattuga romana, che può causare sintomi come diarrea sanguinolenta.

Dal 13 marzo, l’epidemia ha causato 53 malattie e 31 ricoveri in 16 stati, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC). Sebbene gli investigatori abbiano rintracciato l’epidemia di lattuga romana tagliata dalla regione in crescita di Yuma, Arizona, non hanno ancora individuato un marchio, un coltivatore, un fornitore o un distributore specifico.

A partire dal 20 aprile 2018, il CDC ha esteso il suo avvertimento ai consumatori per evitare tutti i tipi di lattuga romana dalla regione di coltivazione di Yuma, in Arizona, non solo la varietà tritata originariamente inclusa.

Ciò significa che, oltre a qualsiasi miscela di lattuga romana o insalata mista contenente lattuga romana che potresti aver acquistato di recente, dovresti evitare di mangiare teste intere di lattuga romana o cuori di lattuga romana per il momento. E dovresti evitare di mangiare lattuga romana in un ristorante a meno che tu non possa confermare che la lattuga romana non proviene dalla zona di coltivazione di Yuma.

L’aggiornamento è in risposta a nuove informazioni sull’epidemia provenienti da persone in una struttura correttiva in Alaska che si sono ammalate. Le loro malattie sono state fatte risalire alla romana coltivata nell’area di Yuma.

La maggior parte dei tipi di E. coli sono effettivamente innocui. Ma il tipo coinvolto in questo focolaio è noto per causare infezioni particolarmente gravi.

Secondo il CDC , questo focolaio è associato a E. coli O157: H7 che produce la tossina Shiga, che causa infezioni che possono portare ai seguenti sintomi:

  • Diarrea (spesso sanguinolenta)
  • Gravi crampi allo stomaco
  • Vomito

I sintomi di solito iniziano tra due e otto giorni dopo aver mangiato il cibo contaminato e, tra gli adulti sani, di solito durano circa una settimana.

Tuttavia, in alcuni casi, l’infezione può continuare a causare una grave complicanza nota come sindrome emolitica uremica (SEU), che è una forma di insufficienza renale. I bambini piccoli, gli anziani e le persone con un sistema immunitario compromesso hanno maggiori probabilità di sviluppare SEU. Secondo il CDC, i sintomi della SEU includono:

  • Dolore addominale
  • Febbre
  • Tonalità della pelle pallida
  • Stanchezza e irritabilità
  • Piccoli lividi inspiegabili
  • Minzione ridotta
  • Sanguinamento dal naso e dalla bocca

La maggior parte delle persone con infezioni da E. coli migliora con un trattamento minimo (incluso il riposo e l’idratazione ), anche se la FDA consiglia di contattare il proprio medico per essere sicuri di sapere con cosa si ha a che fare (ed è sempre una buona idea consultare un medico in caso di diarrea sanguinolenta).

Ma se sospetti di aver sviluppato la SEU, è importante ricevere assistenza medica il prima possibile. E se hai sintomi di grave disidratazione , ad esempio pipì scura, vertigini e affaticamento, a causa di diarrea e / o vomito, consulta un medico.

Per ora, il CDC raccomanda di evitare tutti i tipi di romaine dalla regione di coltivazione di Yuma, in Arizona.

Se stai mangiando fuori, il CDC suggerisce di confermare dove il ristorante ha preso la loro romaine. Se non puoi ottenere informazioni sulla fonte della lattuga romana per confermare che non proviene da Yuma, non mangiarla.

Oltre a questo consiglio, seguire le regole di sicurezza alimentare di base può aiutare a prevenire un’infezione. Ciò include lavarsi le mani frequentemente, soprattutto dopo essere andati in bagno o aver cambiato i pannolini, prima e dopo aver preparato o mangiato cibo e dopo il contatto con animali o il loro ambiente. Usa un disinfettante per le mani se acqua e sapone non sono disponibili.

È anche importante congelare o refrigerare rapidamente gli alimenti deperibili e separare i cibi crudi (come la carne cruda), incluso l’utilizzo di taglieri separati, da quelli pronti per il consumo, per evitare di diffondere una possibile infezione da un alimento all’altro.

Quindi, sfortunatamente, è nel tuo interesse evitare per ora la lattuga romana tritata e optare per un’altra delle tue verdure preferite. La tua insalata potrebbe probabilmente dare una scossa, comunque.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

La diarrea è davvero un segno di gravidanza precoce?

8 Errori sorprendenti sulla sicurezza alimentare che potresti commettere