in

8 Errori sorprendenti sulla sicurezza alimentare che potresti commettere

Il cibo dovrebbe essere fonte di gioia, non di malattia.

Quando ti prendi il tempo per preparare un pasto, probabilmente ti aspetti che il tuo cibo ti nutra invece di farti ammalare. Ma le malattie di origine alimentare dovute a batteri nocivi, virus, parassiti, tossine e sostanze chimiche sono sorprendentemente comuni. Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) stima che circa 48 milioni di persone sperimentano una malattia di origine alimentare ogni anno negli Stati Uniti. È un sacco di usura sui servizi igienici in tutta la nazione.

Non sono solo i ristoranti oi prodotti dei supermercati a causare il problema. Cucinare a casa è anche una delle principali fonti di malattie di origine alimentare , dice a SELF Philip M. Tierno , Ph.D., professore clinico di microbiologia e patologia presso la NYU Langone Health e autore del libro The Secret Life of Germs .
Alcune delle basi per la manipolazione sicura del cibo possono sembrare ovvie, ma gli esperti dicono che ci sono molti errori di sicurezza alimentare che le persone non si rendono conto di fare. Eccone alcuni che potrebbero sorprendervi.

1. Lasciate scongelare la carne cruda o il pollame congelati sul bancone.

I batteri crescono rapidamente a temperatura ambiente, secondo FoodSafety.gov . Inoltre, poiché il cibo si scongela in modo non uniforme, i batteri iniziano a crescere sulle porzioni scongelate anche se altre parti del cibo sembrano ancora congelate. Quei batteri possono farti ammalare e contaminare altri oggetti nella tua cucina, dice Tierno.

Quando è necessario scongelare alimenti deperibili, il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) consiglia queste opzioni:

  • Scongelare in frigorifero. Dovrai pianificare in anticipo questo metodo, che può richiedere alcuni giorni. Ad esempio, un articolo di grandi dimensioni come un tacchino richiede almeno 24 ore intere per 5 libbre di peso se il frigorifero è impostato a 40 gradi. Una volta scongelati, cibi come carne macinata o tacchino dovrebbero rimanere a posto in frigorifero per un giorno o due in più prima di iniziare a cucinare.
  • Scongelare in acqua fredda. Questa è un’opzione più rapida, ma richiede più lavoro e richiede che il cibo congelato sia in un sacchetto a tenuta stagna. Immergi l’oggetto in acqua fredda, quindi cambia l’acqua ogni 30 minuti. Una libbra di carne, pollame o pesce può richiedere un’ora o meno, ma i pacchetti più grandi richiedono più tempo. Dopo lo scongelamento, cuocere subito il cibo.
  • Scongelare nel microonde. È sicuro scongelare il cibo crudo nel microonde, ma devi cucinarlo immediatamente una volta scongelato.

L’ USDA riferisce che è anche sicuro saltare direttamente alla cucina. Tutti gli chef casalinghi là fuori dovrebbero tenere a mente che un alimento congelato impiega circa il 50% in più per cucinare rispetto a quando non è congelato, e questo potrebbe non essere il piano migliore per la tua ricetta. Ad esempio, il National Center for Home Food Preservation osserva che se hai intenzione di impanare e friggere carne, pollame o frutti di mare, vorrai che sia almeno parzialmente scongelato per una più facile manipolazione.

2. Lavate il pollame crudo prima di cuocerlo.

In un sondaggio del 2015 rappresentativo a livello nazionale su 1.504 persone pubblicato sul Journal of Food Protection , quasi il 70% dei consumatori ha riferito di sciacquare o lavare il pollame crudo. Se lo fai, dovresti smetterla.

Il pollame crudo spesso trasporta il batterio che causa la malattia Campylobacter e può anche essere contaminato da altri patogeni come Salmonella e Clostridium perfringens, secondo il CDC . Dare uno scrub al tuo pollame crudo non elimina questi agenti patogeni. Al contrario: rischierai di spargere quegli stessi agenti patogeni in altre aree, rendendoti più vulnerabile alle malattie di origine alimentare. “I succhi della carne possono contaminare il lavello e il bancone, così come le mani”, spiega Tierno.

3. Non presti attenzione ai richiami di cibo.

“La sfida è che le persone, una, non sentono parlare del richiamo, o due, se lo fanno, presumono che non sia vicino a loro”, Barbara Kowalcyk , Ph.D., assistente professore di scienza e tecnologia alimentare presso l’Ohio State University e cofondatore del Center for Foodborne Illness Research and Prevention , dice a SELF.

Per ottenere automatici alimenti richiamo notifiche, iscriviti alla Foodsafety.gov feed RSS o Recalls.gov notifiche e-mail.

Una volta che conosci un richiamo, segui queste tre regole:

  • Non dare per scontato che la tua area non sia interessata: le aziende potrebbero dire da dove proviene il cibo e offrire informazioni di identificazione come un codice prodotto da cercare sulla confezione, ma non sono obbligate a condividere dove è stato venduto esattamente un prodotto contaminato, Kowalcyk spiega. Ciò significa che sta a te controllare se un richiamo potrebbe corrispondere a qualsiasi articolo nella tua casa.
  • Non ignorare un richiamo solo perché è “volontario”: come osserva Kowalcyk, la maggior parte dei richiami di cibo sono volontari. Ciò non significa che non siano seri. “È davvero importante prestare attenzione perché emettono quei richiami quando sanno che c’è stata una contaminazione o quando pensano che ci sia un rischio sostanziale che le persone si ammalino”, dice Kowalcyk.
  • Getta subito il prodotto: non provare a cucinarlo, poiché potresti contaminare altri oggetti nella tua cucina. “Scartalo e lavati le mani di conseguenza e le superfici che potrebbe aver toccato, anche se è un involucro esterno”, consiglia Tierno.

4. Non lavi frutta e verdura con la buccia non commestibile.

Che si tratti di un avocado o di una mela , dovresti lavare tutti i prodotti prima di mangiarli o cucinarli, consiglia Tierno. Se pensi di poter saltare il lavaggio di frutta e verdura quando non mangi la pelle, ripensaci. La FDA raccomanda di lavare tutti i prodotti prima di tagliarli o sbucciarli in modo da non trasferire agenti patogeni o sporco dalla pelle alla polpa. (L’unica vera eccezione sono i prodotti prelavati.)

La contaminazione su bucce di frutta e verdura è una vera preoccupazione. Ad esempio, un recente rapporto della FDA ha rilevato il batterio Listeria monocytogenes sulle pelli di oltre il 17% delle 361 pelli di avocado testate. Secondo il CDC, mangiare cibi contaminati da Listeria può causare listeriosi, una malattia grave e potenzialmente fatale .

Lavare frutta e verdura è un modo semplice per ridurre il numero di potenziali agenti patogeni che consumi. L’acqua corrente è ottima, non è necessario il sapone . I prodotti dalla pelle dura, come gli avocado, possono anche essere strofinati con un pennello.

5. Non usi un termometro per carne.

Se di solito cerchi macchie rosa nella tua carne per verificare la prontezza, è tempo di un approccio più sicuro. “Il colore non è una buona indicazione di cottura”, dice Kowalcyk. (Lo stesso vale per l’odore o l’assaggio del cibo per vedere se è ancora buono. Non si può dire di vista o olfatto se il cibo è sicuro.)

Per articoli come carne e pollame, Kowalcyk consiglia di utilizzare un termometro digitale per carne sensibile alla punta. “Se non è un termometro sensibile alla punta, è necessario portarlo a una certa profondità prima che possa registrare correttamente la temperatura”, spiega.

Foodsafety.gov mantiene un elenco di temperature minime di cottura sicure. Ad esempio, il pollame dovrebbe essere cotto a una temperatura interna di 165 gradi Fahrenheit. Una bistecca fresca può essere cotta a 145 gradi, con un tempo di riposo di tre minuti. È fondamentale includere i tempi di riposo quando indicati poiché il calore continua a distruggere gli agenti patogeni.

Ricorda, quelle temperature sono minime. Puoi cuocere a una temperatura interna più alta per maggiore cautela. Tierno consiglia 180 gradi per il pollame, compreso il tacchino, e 170 gradi per manzo, maiale e agnello.

6. Si salta il lavaggio delle mani e la sanificazione delle superfici tra le fasi di preparazione del cibo.

Potresti pensare che sia buon senso lavarti le mani prima di iniziare a preparare il cibo , ma ti ricordi di lavarle di nuovo dopo aver, ad esempio, aperto una confezione di pollo crudo? Sì, è un passaggio extra (potenzialmente fastidioso) quando stai cercando di eseguire magie culinarie, ma dovresti davvero lavarti le mani ogni volta che entri in contatto con carne cruda o pollame. “L’intero concetto qui è quello di prevenire la contaminazione incrociata”, spiega Tierno.

Per lavarsi le mani in modo efficace , è necessario strofinarle insieme a acqua e sapone per almeno 20 secondi (canticchiare due volte “Happy Birthday” fino in fondo, suggerisce Tierno). Ricorda di metterti tra le dita e pulisci sotto le unghie facendole scorrere sui palmi insaponati.

È anche importante evitare che qualsiasi superficie toccata dalla carne cruda possa contaminare altri oggetti. Ad esempio, un piatto che porta carne cruda a una griglia non dovrebbe riportare indietro la carne cotta.

Per disinfettare le superfici di preparazione degli alimenti, puoi pulire aree come i banconi con acqua calda e sapone dopo aver finito di cucinare ogni alimento. Tierno consiglia di pulire anche i piani di lavoro e il lavello con una soluzione di candeggina. Foodsafety.gov riferisce che è possibile creare una soluzione per la sanificazione mescolando un cucchiaio di candeggina a base di cloro liquido inodore in un litro di acqua.

Infine, sostituisci o igienizza spesso le spugne e i panni per la pulizia , poiché possono ospitare batteri.

7. Non tenere la carne cruda separata dagli altri alimenti.

Evitare la contaminazione incrociata in realtà inizia al supermercato. Uno studio del 2018 sul Journal of Food Protection ha campionato 402 tamponi da confezioni di carne, scoprendo che i batteri dei prodotti di pollame crudo possono trasferirsi nella confezione tramite succo di carne, quindi teoricamente vengono trasferiti in giro per casa quando lo tocchi. Parla di schifo.

Quando fa la spesa, Kowalcyk usa un sacchetto di plastica come un guanto per raccogliere i pacchetti di carne cruda, tirando il sacchetto di plastica su di essi in modo che i pacchetti siano chiusi. Dal momento che evita di toccare l’esterno del pacco e il pacco non tocca altri generi alimentari, questo riduce il rischio di contaminazione incrociata.

Tieni a mente la contaminazione incrociata anche quando disimballi la spesa; lo studio del 2018 Journal of Food Protection ha suggerito che le abitudini di conservazione degli alimenti delle persone (come mettere un pacchetto di carne sul bancone della cucina senza un sacchetto protettivo) potrebbero contribuire alla contaminazione incrociata anche quando maneggiano la carne in sicurezza nel negozio di alimentari. Nel tuo frigorifero, Kowalcyk dice: “Dovresti tenere il cibo pronto da mangiare separato da uova crude, carne cruda, frutti di mare crudi, questo genere di cose”.

Non dimenticare di lavarti le mani dopo la spesa, Tierno dice: “L’idea è di ridurre i numeri [patogeni]. Meno si intromette nel tuo corpo, minori sono le possibilità che ti ammali. “

8. Lasci il cibo fuori troppo a lungo dopo aver cucinato o mangiato.

Quel delizioso stordimento post-cibo che si instaura dopo un buon pasto può fare di mettere via gli avanzi l’ultima cosa che hai in mente. Ma se vuoi concederti la gioia degli avanzi senza che il tradimento di loro ti faccia ammalare, refrigerare il cibo al più presto.

“Il cibo non dovrebbe mai essere lasciato fuori per più di due ore, quindi, anche se viene messo in frigorifero e lo si tira fuori il giorno successivo, il cibo deve essere riscaldato in modo che sia abbastanza caldo da uccidere gli organismi che potrebbero essere cresciuti lì “, dice Tierno. Foodsafety.gov consiglia di riscaldare gli avanzi a una temperatura interna minima di 165 gradi.

Questo è importante anche perché i batteri possono proliferare rapidamente quando il cibo si raffredda subito dopo la cottura. Se non sei in grado di mantenere il cibo caldo ad almeno 140 gradi Fahrenheit dopo la cottura prima di metterlo in frigorifero, refrigerarlo immediatamente è una buona idea.

Se continui a soffrire di una malattia di origine alimentare nonostante i tuoi migliori sforzi, ecco come gestirla.

“La maggior parte delle malattie di origine alimentare causerà una combinazione di nausea, vomito, diarrea, dolore addominale e talvolta febbre” , dice Amesh Adalja , MD, specialista in malattie infettive certificato dal consiglio e studioso senior presso il John Hopkins Center for Health Security SE STESSO. Questi sintomi possono essere più gravi nelle persone che hanno riserve inferiori per combattere la malattia, comprese le persone molto giovani o anziane, le persone che hanno un sistema immunitario compromesso e le persone in gravidanza , dice il dottor Adalja.

Gli agenti patogeni più comuni che causano intossicazione alimentare in genere iniziano a farti ammalare da otto ore a cinque giorni dopo averli ingeriti, ma a volte possono essere necessarie settimane per ammalarsi. Ciò può rendere più difficile individuare l’autore del reato. Dopo che i sintomi iniziano, in genere si riducono entro 48 ore, secondo la Mayo Clinic .

Finché riesci a trattenere i liquidi e i tuoi sintomi migliorano nel corso di alcune ore o giorni, va bene prendersi cura della tua malattia di origine alimentare a casa, dice il dottor Adalja. La Mayo Clinic consiglia di bere lentamente piccole quantità di liquido per mantenere l’idratazione, ma evitare di provocare nausea e riposare. Alla fine reintroduci cibi insipidi nel tuo sistema quando pensi di poterli gestire.

Se i sintomi persistono per più di due o tre giorni, è tempo di consultare un medico. Parliamo di diarrea o vomito incessanti , vertigini, febbre alta che non risponde al paracetamolo o all’ibuprofene, oppure siamo così stanchi che non puoi alzarti dal letto. E se hai a che fare con gravi segni di intossicazione alimentare come crampi addominali intensamente dolorosi, diarrea sanguinolenta o segni di una malattia potenzialmente letale , il botulismo (visione doppia, linguaggio confuso, debolezza muscolare e altro), dovresti cercare una valutazione medica di emergenza e trattamento.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Ecco i sintomi di E. Coli a cui prestare attenzione, nel caso in cui tu abbia mangiato recentemente lattuga romana contaminata

Questi sono gli alimenti che causano la maggior parte delle malattie, afferma il CDC