in

Botulismo: che cos’è e come possiamo prevenirlo?

Il botulismo è una grave malattia causata dalla tossina botulinica. La tossina provoca la paralisi. La paralisi inizia al viso e si diffonde agli arti. Se raggiunge i muscoli respiratori, può verificarsi insufficienza respiratoria.

La tossina è prodotta da Clostridium botulinum (C. botulinum) , un tipo di batterio.

Tutti i tipi di botulismo alla fine portano alla paralisi, quindi ogni caso di botulismo viene trattato come un’emergenza medica.

In passato, era spesso fatale, ma le antitossine hanno migliorato notevolmente le prospettive.

Nel 2015, gli Stati Uniti hanno visto la più grande epidemia di botulismo degli ultimi 40 anni. Derivava da patate in scatola in modo improprio che venivano condivise a un pasto potluck.

Sintomi

I segni ei sintomi dipendono dal tipo di botulismo.

Nel botulismo di origine alimentare, segni e sintomi includono nausea, vomito e diarrea seguiti da stitichezza e distensione addominale. Potrebbero esserci debolezza e difficoltà a respirare. I sintomi normalmente compaiono tra 18 e 36 ore dopo aver consumato il cibo contaminato, ma questo può variare tra 3 ore e 8 giorni.

Nel botulismo della ferita, i nervi che collegano il cervello alla colonna vertebrale, noti come nervi cranici, sperimentano i primi sintomi. Questo poi si diffonde al resto del corpo. Il periodo di incubazione va da 4 giorni a 2 settimane.

I segni ei sintomi neurologici del botulismo adulto, di origine alimentare e della ferita sono gli stessi, ma i sintomi del botulismo della ferita possono richiedere più tempo per apparire.

Il paziente può avere una visione doppia o offuscata, le palpebre possono abbassarsi, ci sarà debolezza facciale, secchezza delle fauci , disfagia o difficoltà a deglutire e difficoltà a parlare. I muscoli diventeranno deboli.

Successivamente, si verificherà la paralisi. Senza trattamento, i muscoli respiratori del paziente finiranno per paralizzarsi, provocando insufficienza respiratoria e morte.

Il paziente rimane cosciente durante questo processo.

Nel botulismo infantile, segni e sintomi possono includere :

  • stipsi
  • scarsa alimentazione
  • brutto carattere
  • sbavando eccessivo durante l’alimentazione
  • palpebre cascanti
  • espressione facciale piatta
  • letargia e svogliatezza
  • difficoltà respiratorie
  • riflessi lenti o impropri
  • debole pianto debolmente
  • debolezza e scarso tono muscolare
  • nessun riflesso del vomito
  • occhi sfocati
  • suzione debole

Il periodo di incubazione per il botulismo infantile varia da 3 giorni a 30 giorni .

Cause

La tossina botulinica, un veleno prodotto dal batterio Clostridium botulinum (C. botulinum) , è comune nel suolo ed è presente nell’acqua non trattata. Può sopravvivere in questi ambienti come spora resistente.

Il C. botulinum produce spore che possono sopravvivere in cibi scarsamente conservati o in scatola. Qui producono una tossina. Se consumato, anche quantità minime di tossina possono causare avvelenamenti gravi.

Esistono diversi tipi di botulismo.

Il botulismo di origine alimentare è causato dal consumo di alimenti contenenti la tossina botulinica.

Il botulismo della ferita può verificarsi se l’organismo entra in una ferita aperta e produce tossine all’interno della ferita. I consumatori di droghe iniettabili sono a rischio per questo tipo di botulismo.

Il botulismo infantile si verifica quando un bambino consuma i batteri o le loro spore e queste crescono nell’intestino. Il botulismo infantile negli Stati Uniti deriva principalmente dal consumo di miele o sciroppo di mais. Il batterio può anche trovarsi naturalmente nelle feci di un bambino.

La colonizzazione intestinale dell’adulto è una rara forma di botulismo che si verifica quando il batterio colonizza il tratto digestivo di un adulto.

Il botulismo latrogenico può verificarsi attraverso un sovradosaggio di tossina botulinica o botox . Casi di questa forma di botulismo si sono sviluppati in seguito alla somministrazione terapeutica di botox.

Prevenzione

Per ridurre il rischio di botulismo della ferita, si consiglia alle persone di cercare cure mediche urgenti per eventuali ferite infette e anche di evitare di iniettare droghe da strada.

Per garantire la sicurezza alimentare , è importante praticare una buona igiene alimentare.

  • Segui attentamente le istruzioni quando conservi il cibo a casa o evita di inscatolare il cibo a casa
  • Bollire i cibi lavorati in casa per almeno 10 minuti prima di mangiarli, anche se non sono evidenti segni di deterioramento degli alimenti
  • Non assaggiare cibi in scatola per vedere se sono ancora buoni. Getta via le lattine che si gonfiano, perdono o sembrano danneggiate
  • Tenere le patate cotte al cartoccio calde fino a quando non vengono mangiate
  • Non somministrare miele o sciroppo di mais ai bambini di età inferiore a 12 mesi
  • Assicurati che tutti i cibi siano ben cotti
  • Conserva gli oli infusi con aglio o erbe in frigorifero

L’ebollizione può distruggere sia la forma vegetativa, o non spore, del batterio, sia la tossina che produce.

Tuttavia, mentre l’ebollizione per 10 minuti può uccidere la tossina, per distruggere la forma di spore è necessario riscaldare ad almeno 248 gradi Fahrenheit, o 120 gradi Celsius, sotto pressione, per almeno 30 minuti in autoclave o pentola a pressione.

Questo perché le spore sono altamente resistenti agli ambienti difficili e possono rimanere vitali anche dopo diverse ore di normale ebollizione. Le spore possono essere uccise da temperature molto elevate come quelle utilizzate nelle conserve commerciali.

Le “Cinque chiavi per alimenti più sicuri” dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sottolineano l’importanza di:

  • mantenere pulito
  • separare cibo crudo e cotto
  • cucinare accuratamente
  • mantenere il cibo a temperature sicure
  • utilizzando acqua e materie prime sicure

Questo è importante quando le persone sono in viaggio, soprattutto in paesi in cui l’accesso all’acqua pulita, all’igiene e alle strutture di refrigerazione potrebbe essere limitato.

Il botulismo non può essere sempre prevenuto. La tossina può essere presente nella polvere domestica, anche dopo la pulizia. I genitori dovrebbero essere consapevoli di qualsiasi segno che un bambino sia malato e agire tempestivamente come appropriato.

Fonti di cibo

Gli alimenti più comunemente contaminati sono:

  • verdure in scatola
  • prosciutto e maiale stagionato
  • pesce crudo o affumicato
  • miele
  • sciroppo di mais

Ad esempio, cibi in scatola fatti in casa, pesce fermentato e selvaggina acquatica dell’Alaska possono essere fonti della tossina.

Il botulismo non cresce negli alimenti acidi con un pH di 4,5 o inferiore.

Diagnosi

La diagnosi di botulismo infantile viene confermata dopo aver testato le feci o un campione di clistere. Se il medico sospetta il botulismo, il trattamento con un antitossina deve iniziare immediatamente, senza attendere il ritorno dei risultati del test.

Se la storia del paziente e l’esame obiettivo suggeriscono il botulismo, un medico può prenderlo in considerazione, ma poiché altre condizioni condividono sintomi simili, sarà necessario un test per escluderli. Le condizioni con sintomi simili al botulismo includono ictus , miastenia grave e sindrome di Guillain-Barre.

I test diagnostici possono includere:

  • una scansione del cervello
  • esame del liquido cerebrospinale
  • elettromiografia
  • test del cloruro di edrofonio per la miastenia grave

Se la tossina viene identificata nel cibo, nello stomaco, nel vomito, nelle feci o nel contenuto intestinale, può essere fatta una diagnosi definitiva.

In casi molto acuti la tossina potrebbe essere rilevata nel sangue.

Trattamento

I pazienti con botulismo dovranno essere ricoverati in ospedale.

Ai neonati verrà somministrata Botulism Immune Globulin Intravenous-Human, nota anche come BIG-V o BabyBIG.

Quelli con problemi respiratori saranno su un ventilatore e potrebbero aver bisogno del ventilatore per settimane o mesi, oltre a un’assistenza infermieristica intensiva. Nel tempo, la paralisi può migliorare.

A un paziente con sospetta botulismo verranno immediatamente somministrate iniezioni di antitossine, anche prima che i risultati dei test diagnostici siano tornati.

Se l’infezione deriva da una ferita, la ferita deve essere trattata chirurgicamente. L’area intorno alla ferita viene rimossa, in un processo noto come debridement. Antibiotici possono anche essere prescritti per prevenire qualsiasi infezione secondaria.

Complicazioni

Nella maggior parte dei casi, il botulismo infantile non ha effetti a lungo termine. Secondo il NIH, meno dell’1% dei casi di neonati negli Stati Uniti è fatale. Circa 50 anni fa, la metà di tutti i pazienti con botulismo moriva, rispetto a tra il 3 e il 5 per cento di oggi.

L’insufficienza respiratoria causata dal botulismo può provocare la morte.

I pazienti con sintomi gravi possono aver bisogno di un respiratore e talvolta di cure mediche e infermieristiche intensive per diversi mesi. La stanchezza e la mancanza di respiro possono persistere per molti anni.

Altre malattie possono svilupparsi a causa delle condizioni del paziente e queste a volte sono fatali.

Una persona che sperimenta la paralisi può riprendersi dal botulismo con l’aiuto di antitossine, anticorpi che possono neutralizzare la tossina, ma le antitossine non cureranno alcuna paralisi che si è già verificata.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Dieta cheto e possibili problemi di stomaco

Cosa può causare un cambiamento nelle abitudini intestinali?