in

Diarrea cronica: 8 cause principali e come trattarla

La diarrea cronica è quella in cui si verifica un aumento del numero di movimenti intestinali al giorno e l’ammorbidimento delle feci dura per un periodo maggiore o uguale a 4 settimane e, che può essere causata da infezioni microbiche, intolleranze alimentari, infiammazioni intestinali o uso di medicinali.

Per identificare la causa della diarrea cronica e iniziare un trattamento appropriato, la persona dovrebbe recarsi dal gastroenterologo o da un medico di base, in modo che vengano valutati i sintomi e richiesti esami che possano aiutare a identificare la causa, essendo generalmente indicato esame delle feci, colonscopia e analisi del sangue.

La diarrea cronica ha origine in conseguenza di un’irritazione del sistema gastrointestinale che può avere diverse cause, le principali sono:

1. Intolleranze o allergie alimentari

Alcune intolleranze come il lattosio o il glutine, o l’allergia alle proteine ​​del latte, possono causare irritazione e infiammazione dell’intestino e causare diarrea cronica, poiché la diagnosi di questo tipo di condizioni di solito richiede del tempo. Oltre a ciò, a seconda di quale sia la causa, possono insorgere altri sintomi associati alla diarrea.

Cosa fare: consultare il gastroenterologo per valutare i sintomi e ordinare test, come analisi del sangue, anticorpi IgE o anti-gliadina, test cutanei e test delle feci. Inoltre, può anche suggerire test di provocazione orale, che consistono nell’ingestione del cibo di cui si sospetta un’intolleranza o allergia e quindi nell’osservazione di eventuali sintomi. 

2. Infezioni intestinali

Alcune infezioni intestinali causate da parassiti come la giardiasi, l’amebiasi o l’ascariasi; così, come le infezioni da batteri e virus (principalmente rotavirus), possono causare diarrea cronica quando non vengono rilevati rapidamente. In generale, le infezioni intestinali spesso causano altri sintomi come dolore addominale, aumento del gas, febbre, vomito, tra gli altri. 

Cosa fare: il trattamento per le infezioni intestinali di solito consiste nel rimanere a riposo, ben idratati con siero fatto in casa o sieri per la reidratazione orale e seguire una dieta facilmente digeribile. Tuttavia, a seconda della causa, il medico può indicare l’uso di farmaci per il trattamento che possono includere l’uso di antiparassitari o antibiotici.

Per questo motivo, se i sintomi persistono per più di 3 giorni o c’è febbre alta o presenza di sangue nelle feci, è opportuno consultare un medico di base o un gastroenterologo per valutare i sintomi e indicare il trattamento più appropriato. Vedi il trattamento per le infezioni intestinali in modo più dettagliato .

Guarda nel video qui sotto come preparare il siero fatto in casa:

3. Sindrome dell’intestino irritabile

La sindrome dell’intestino irritabile è una malattia in cui si verifica l’infiammazione dei villi intestinali, che può causare l’insorgenza di diarrea cronica, eccesso di gas, dolore addominale e infiammazione. Questi sintomi sono di intensità variabile e possono comparire da un momento all’altro, persistere per un periodo e scomparire improvvisamente. 

Cosa fare: è importante in questi casi rivolgersi a un gastroenterologo in modo che attraverso l’osservazione dei sintomi e l’indicazione di alcuni esami come la colonscopia, la tomografia computerizzata e un esame delle feci, si possa identificare questa malattia. In generale il trattamento consiste nel seguire una dieta specifica a basso contenuto di grassi e zuccheri, e in alcuni casi il medico può indicare l’assunzione di alcuni farmaci. 

Impara in cosa consiste il trattamento . 

4. Uso di determinati farmaci

Esistono alcuni farmaci che possono alterare la flora batterica, la motilità intestinale e / o i villi intestinali, provocando un effetto lassativo e provocando come effetto collaterale la diarrea; o che se assunti in eccesso possono provocare questo tipo di disturbi gastrointestinali provocando tossicità.

Alcuni di questi farmaci sono antibiotici, alcuni antidepressivi, farmaci per il trattamento del cancro, antiacidi e inibitori della pompa protonica, come omeprazolo o lanzoprazolo, tra gli altri. 

Cosa fare: in caso di antibiotici, il modo migliore per combattere la diarrea è con l’assunzione di probiotici, un integratore acquistabile in farmacia e che contiene batteri che regolano la funzione intestinale. Per quanto riguarda altri farmaci, è meglio consultare il medico che lo ha prescritto e informarlo di questo effetto collaterale; nel frattempo seguire una dieta facilmente digeribile e rimanere idratati è molto importante per migliorare la diarrea.  

5. Malattie intestinali

Malattie dell’intestino, come il morbo di Crohn, la colite ulcerosa, l’enterite o la celiachia, possono anche causare diarrea cronica, perché producono infiammazione cronica nell’intestino causando questo e altri sintomi associati, a seconda di quale è la malattia presente.

Cosa fare: in questi casi si consiglia di recarsi dal gastroenterologo per effettuare una valutazione e indicare esami diagnostici per identificare la malattia e indicare il trattamento più appropriato. Inoltre, una volta ottenuta la diagnosi, è opportuno rivolgersi a un nutrizionista perché la dieta gioca un ruolo fondamentale nell’alleviare i sintomi associati a questo tipo di malattia.  

6. Malattie del pancreas

Nelle malattie del pancreas come l’insufficienza pancreatica, la pancreatite cronica o nei casi di cancro del pancreas, questo organo ha difficoltà a produrre o trasportare enzimi digestivi sufficienti per consentire la digestione del cibo nell’intestino e il suo successivo assorbimento. Ciò provoca cambiamenti principalmente nell’assorbimento dei grassi, provocando diarrea cronica con determinate caratteristiche in quanto è pastoso, lucido e con contenuto di grassi. 

Cosa fare: in questi casi è importante rivolgersi a un nutrizionista per mettere a punto un piano nutrizionale adeguato alle condizioni della persona, questo migliorerà l’assorbimento dei nutrienti, eviterà la perdita di peso e l’eventuale malnutrizione e allevierà il disagio causato da queste malattie di solito causa.

Inoltre, è possibile che sia necessaria l’integrazione di alcune vitamine e alcuni minerali, il cui assorbimento è influenzato dalla frequenza delle feci liquide; così come l’indicazione del medico della pancreatina, che è un farmaco che sostituisce gli enzimi digestivi e aiuta a migliorare la digestione e l’assorbimento del cibo, migliorando così la diarrea.  

7. Fibrosi cistica

Esistono alcune malattie genetiche che possono alterare i tessuti dell’apparato digerente, come la fibrosi cistica, una malattia che colpisce la produzione di secrezioni in vari organi, principalmente nei polmoni e nell’intestino, rendendoli molto spessi e viscoso, che può causare diarrea cronica alternata a costipazione. Inoltre, possono insorgere altri sintomi associati come una sensazione di mancanza di respiro, tosse persistente, frequenti infezioni polmonari, feci grasse e maleodoranti, cattiva digestione, perdita di peso, tra gli altri.

Cosa fare: in genere questa malattia genetica viene rilevata alla nascita tramite il test di screening neonatale, tuttavia può essere rilevata anche da altri test genetici che identificano la mutazione responsabile di questa malattia. Il trattamento della fibrosi cistica viene solitamente effettuato con l’ingestione di farmaci prescritti dal medico, fisioterapia respiratoria e supporto nutrizionale per controllare la malattia e migliorare la qualità della vita della persona. 

8. Cancro intestinale

Il cancro dell’intestino può causare sintomi come diarrea frequente, perdita di peso, dolore addominale, affaticamento e presenza di sangue nelle feci e può variare a seconda di dove si trova il cancro e della sua gravità. Guarda quali sono i segni e i sintomi del cancro intestinale .

Cosa fare: se la persona ha questi sintomi da più di 1 mese, ha più di 50 anni o una storia familiare di cancro intestinale, dovrebbe andare dal gastroenterologo. Il medico valuterà i sintomi e potrà ordinare test diagnostici, come un esame delle feci, una colonscopia e / o una TAC, per identificare il problema e iniziare un trattamento appropriato il prima possibile. 

Come viene eseguito il trattamento

Per trattare la diarrea cronica, inizialmente il medico può indicare modi per prevenire la disidratazione o la malnutrizione, fornendo indicazioni per aumentare l’assunzione di liquidi e mangiare quotidianamente. Quindi, il trattamento definitivo viene effettuato in base alla causa della diarrea, che può includere l’uso di farmaci come antibiotici o vermifughi per curare le infezioni, l’eliminazione di farmaci che possono avere un effetto lassativo o farmaci con effetti antinfiammatori per le malattie autoimmuni, per esempio.

Cosa mangiare in caso di diarrea cronica

Quando si ha la diarrea cronica, è importante consultare un nutrizionista, perché non solo adatterà la dieta alla malattia di base, ma valuterà anche la necessità di indicare l’assunzione di integratori alimentari per aiutare a mantenere o recuperare il peso, così come il apporto di vitamine e minerali, se necessario.

Tuttavia, la dieta deve essere facilmente digerita e assorbita e può includere:

  • Zuppe di verdure cotte e puree che non stimolano l’intestino come zucca, carote, zucchine, chayota, patate, patate dolci;
  • Banane verdi e frutta cotta o tostata come mela, pesca o pera;
  • Marmellata di riso o mais;
  • Riso cotto;
  • Carni bianche cotte o grigliate come pollo o tacchino;
  • Pesce cotto o alla griglia.

Inoltre, è fondamentale bere circa 2 litri di liquidi al giorno come acqua, the, acqua di cocco o succhi di frutta filtrati e bere sieri fatti in casa o sieri reidratanti orali che possono essere acquistati in farmacia. Questi sieri vanno assunti subito dopo ogni evacuazione, più o meno nella stessa quantità in cui si perdono liquidi, questo eviterà la perdita di sali minerali e la disidratazione.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

6 tè per curare la diarrea

Medicinali per la diarrea nei bambini