in

Anche i bambini e gli adolescenti hanno a che fare con l’IBS

Un nuovo dispositivo si aggiunge alle opzioni di trattamento per i bambini con dolore addominale

A volte, il dolore alla pancia di tuo figlio è solo un mal di stomaco normale . Ma se quel dolore va e viene e poi si ripresenta, ripetutamente, insieme ad altri sintomi digestivi, potrebbe essere un segno di qualcosa di più.

Un numero crescente di bambini sta sviluppando la sindrome dell’intestino irritabile, un disturbo gastrointestinale che causa dolore o disagio, gonfiore, gas e diarrea o stitichezza. È una forma di ipersensibilità dello stomaco o dell’intestino che può scatenare i sintomi e viene diagnosticata dopo che è stato eseguito un controllo medico e tutti i test risultano negativi.

“È abbastanza comune e si presenta in diverse forme”, afferma il gastroenterologo pediatrico Sophia Patel, MD .

Uno studio stima che ben il 6% degli studenti delle scuole medie e il 14% degli studenti delle scuole superiori hanno sintomi indicativi di IBS.

Per alcuni bambini, quei sintomi sono solo un fastidio. Per altri, sono dirompenti.

“L’IBS può influire sulla qualità della vita, sul funzionamento quotidiano e sulla possibilità di frequentare la scuola, praticare sport e uscire con gli amici”, afferma il dott. Patel.

La buona notizia è che la maggior parte dei bambini con IBS continua a crescere e svilupparsi normalmente e può trovare almeno un po ‘di sollievo con la gamma di opzioni di trattamento attualmente disponibili. L’altra buona notizia è che la gamma di opzioni sta crescendo.

IBS: una noce difficile da rompere

Il dolore digestivo può manifestarsi a qualsiasi età, ma la dottoressa Patel dice di vedere la sindrome dell’intestino irritabile diagnosticato nei bambini che iniziano spesso intorno ai 7 o 8 anni. Questo è in genere il punto in cui sono in grado di descrivere chiaramente ciò che provano, ma alcuni pazienti si presentano prima o più tardi.

IBS è quello che viene chiamato un disturbo funzionale (non una malattia). Ciò significa che le viscere non funzionano correttamente, ma non ci sono danni evidenti come ci sarebbero in una persona con, ad esempio, il morbo di Crohn o la colite ulcerosa.

Questo rende difficile la diagnosi. Non esiste un singolo test per la sindrome dell’intestino irritabile, quindi una diagnosi si basa sulla storia e sui sintomi del paziente. E poiché i sintomi digestivi generali potrebbero indicare una serie di condizioni diverse, un bambino dovrà probabilmente sottoporsi a test per escludere altre potenziali cause.

Il trattamento non è valido per tutti

Non esiste una cura per l’IBS, ma il Dr. Patel dice che molti bambini sono in grado di migliorare i loro sintomi mangiando più fibre o seguendo una dieta a basso contenuto di FODMAP ed evitando “cibi trigger”.

“Se riusciamo a individuare i trigger, potremmo essere in grado di migliorare i loro sintomi senza nemmeno provare i farmaci”, spiega.

Un’altra cosa che può aiutare è la terapia comportamentale con uno psicologo. Attraverso la terapia, i bambini imparano le abilità per gestire lo stress (che può aggravare i loro sintomi) e far fronte al loro dolore.

Se i cambiamenti dello stile di vita da soli non sono sufficienti per aiutare i bambini a controllare i loro sintomi, un medico può prescrivere farmaci antispasmodici o riduttori di acidità, oltre ad altri farmaci. Alcuni pazienti trovano anche utili i probiotici, dice la dott.ssa Patel, ma avverte che gli studi non hanno costantemente dimostrato che sono efficaci.

IB-Stim: una nuova opzione di trattamento

In futuro, i medici potrebbero anche essere in grado di prescrivere un dispositivo chiamato IB-Stim che è stato recentemente approvato dalla Food and Drug Administration statunitense per il trattamento del dolore addominale cronico nei bambini di età compresa tra 11 e 18 anni.

È un piccolo dispositivo alimentato a batteria che viene indossato intorno all’orecchio. Fornisce impulsi elettrici ai nervi dell’orecchio associati al dolore di elaborazione.

Questo tipo di stimolazione nervosa è stato a lungo utilizzato per altri tipi di dolore, ma questa è la prima volta che un dispositivo è stato approvato specificamente per l’IBS.

Il dispositivo deve essere sostituito ogni cinque giorni, ma i bambini possono continuare a usarlo e sostituirlo fino a tre settimane consecutive per alleviare il dolore.

In uno studio che ha testato il dispositivo contro un dispositivo fittizio in 50 pazienti, il 52% di coloro che hanno ricevuto il dispositivo ha riportato una diminuzione del 30% o più del dolore abituale dopo tre settimane di trattamento.

“Sembra che i dati siano promettenti, ma devono essere approfonditi”, afferma il dott. Patel, che non è stato coinvolto nello studio. “Se non è invasivo e non causerà effetti collaterali gravi, potrebbe valere la pena provare, ma se funziona probabilmente dipende dal paziente.”

Suggerimenti per i genitori

Se tuo figlio ha dolori allo stomaco ricorrenti, il dottor Patel consiglia di assicurarsi di avere un esame completo da parte di un gastroenterologo pediatrico per assicurarsi che non ci siano segnali di allarme che indicano un problema più serio.

Raccomanda inoltre di mantenere un buon rapporto attivo con un gastroenterologo. “Avere quel rapporto ti aiuterà a rimanere aggiornato su alcune di queste nuove terapie e raccomandazioni delle nostre società nazionali”, dice, “ed è bene essere certi che tutti siano sulla stessa pagina”.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Dentizione 101: 4 modi approvati dal pediatra per lenire un bambino in fase di dentizione

Come affrontare le ragadi anali