in

15 scoperte della ricerca sulla salute intestinale che potrebbero cambiare tutto

Una nuova ricerca sul tuo microbioma, i batteri che vivono nell’intestino, sta cambiando il modo in cui gli esperti pensano alle malattie e alla salute.

Un nuovo modo di pensare alla salute

L’ultima frontiera della medicina potrebbe essere già dentro di noi? Una nuova ricerca come quella presentata al recente Gut Microbiota for Health World Summit, organizzato in parte dall’American Gastroenterological Association (AGA), sta illuminando come il microbioma intestinale possa essere la chiave segreta per sbloccare una migliore salute e prevenzione delle malattie. Ma cos’è esattamente il microbioma? “Il microbiota intestinale è una vasta comunità di batteri e altri organismi microscopici, inclusi funghi e virus, che vivono nel nostro intestino”, afferma il gastroenterologo pediatrico Geoffrey A. Preidis, MD, PhD, assistente professore al Baylor College of Medicine e Texas Children’s Ospedale e membro del comitato consultivo scientifico per l’ American Gastroenterological Association Center for Gut Microbiome Research & Education. “Ci sono più microbi nel nostro intestino che cellule umane nel nostro corpo! Ciascuno di questi microbi trasporta materiale genetico sotto forma di DNA e l’intera raccolta di DNA di questa comunità è chiamata microbioma “.

L’intestino è il nostro centro di controllo delle malattie?

Rispondendo ai segnali provenienti da noi e dall’ambiente esterno, i microbi intestinali producono sostanze che influiscono sulla nostra salute in tutto il nostro corpo, afferma il dott. Preidis. “Solo di recente abbiamo iniziato a capire quanto sia importante il microbioma per la salute e il benessere umano”, afferma. “Decine di malattie, tra cui obesità, denutrizione, diabete, malattie cardiovascolari, cancro e allergie, sono state collegate ad alterazioni del microbioma intestinale”. Ma in un enigma di pollo o uovo, è spesso difficile dire se i cambiamenti intestinali siano la causa o l’effetto di queste malattie. “Abbiamo ancora molto da imparare”, dice. Una cosa è chiara: “Quando mangiamo, non ci nutriamo solo di noi stessi: i microbi intestinali iniziano a banchettare anche prima che il nostro pasto possa essere assorbito dal nostro intestino”, dice il dott. Preidis. “Diversi tipi di microbi intestinali preferiscono cibi diversi, e i cambiamenti nella nostra dieta possono avere effetti rapidi e drammatici sul microbioma intestinale e sulla sua funzione “. Ecco alcune delle scoperte recenti più rivoluzionarie. E tieni gli occhi aperti13 segni che il tuo microbioma intestinale potrebbe essere nei guai .

La dieta può aiutare a prevenire l’infezione

Uno degli studi più importanti del Vertice mondiale ha mostrato come una dieta povera di grassi e ricca di fibre, rispetto a una dieta ricca di grassi, può aiutare a prevenire la pericolosa infezione da C. difficile . “Gli antibiotici sono in genere prescritti per eliminare i batteri nocivi che ci fanno ammalare, ma gli antibiotici causano danni collaterali, eliminando i batteri benefici allo stesso tempo”, afferma il dott. Preidis. “A volte, questo crea un’opportunità per la proliferazione di batteri pericolosi come il C. difficile “. Il nuovo studio suggerisce che una dieta sana può aiutare a contrastare questo effetto. Altre ricerche sul microbioma hanno dimostrato come una procedura di trapianto di feci chiamata trapianto di microbiota fecale (FMT) sia efficace nel trattamento di C. diff, ma alterare la dieta delle persone ad alto rischio può essere un’opzione ancora più semplice per prevenire l’infezione. Inizia con questi migliori alimenti probiotici per il tuo intestino .

I prebiotici possono prevenire gli effetti collaterali del trattamento con radiazioni

Un altro studio degno di nota del Vertice mondiale ha scoperto che un integratore prebiotico può aiutare i pazienti con cancro del sangue a evitare alcuni effetti collaterali delle radiazioni, come la perdita di peso e un’alimentazione ridotta, contribuendo a mantenere un ambiente intestinale più sano. “I prebiotici sono prodotti non viventi che influenzano il microbiota intestinale, facendo sì che le popolazioni benefiche di microbi fioriscano o aiutando questi microbi buoni a svolgere i loro compiti sani”, afferma il dott. Preidis. “Attualmente ci sono molti meno dati clinici a supporto dell’uso di prebiotici [rispetto ai probiotici , che sono batteri viventi], ma è probabile che questo cambi con il completamento di ulteriori ricerche”. Ulteriori informazioni sulla differenza tra probiotici e prebiotici .

La SM può essere causata da batteri intestinali

La malattia neurodegenerativa autoimmune sclerosi multipla (SM) attualmente non ha cura, ma gli scienziati sono più vicini a scoprirne la causa e questa scoperta potrebbe portare a nuove opzioni di trattamento. “Gli studi collegano la disbiosi – i tipi sbagliati di specie batteriche nell’intestino – con condizioni autoimmuni come la sclerosi multipla e malattie neurodegenerative”, afferma la biochimica Erika Angle, PhD, CEO della società di test del microbioma intestinale Ixcela . Uno studio recente dalla Svizzera ha rivelato come alcuni microbi intestinali nei pazienti con SM formino una proteina che aumenta le cellule immunitarie; queste cellule aggressive possono migrare al cervello e iniziare ad attaccare i nervi sani. Mirare a questa proteina può essere la chiave per arrestare gli effetti della SM.

Lupus legato a budella malsana

Si scopre che il disturbo autoimmune lupus può iniziare nell’intestino: un recente piccolo studio della New York University ha scoperto il primo collegamento tra batteri intestinali alterati e lupus, una condizione in cui il sistema immunitario danneggia varie parti del corpo tra cui pelle, articolazioni, reni o cuore. “Il nostro studio suggerisce fortemente che in alcuni pazienti, gli squilibri batterici possono causare il lupus e le sue riacutizzazioni della malattia associate”, ha detto in una dichiarazione l’ autore dello studio e immunologo Gregg Silverman, MD . “I nostri risultati indicano anche la fuoriuscita di batteri dall’intestino come possibile causa scatenante della malattia da parte del sistema immunitario”. Se studi più ampi confermano i risultati, nuovi trattamenti che utilizzano probiotici e cambiamenti nella dieta potrebbero portare speranza ai pazienti affetti da lupus. Assicurati di conoscerlisintomi di lupus che non dovresti mai ignorare .

Batteri intestinali e depressione

Sebbene gli scienziati stiano ricercando da anni un potenziale legame tra salute mentale e salute intestinale, il primo studio sulla popolazione è stato recentemente pubblicato e fa luce sui batteri specifici presenti negli esseri umani con depressione. Inoltre, lo studio ha studiato il modo in cui i batteri intestinali producono neurotrasmettitori che influenzano l’umore. “La produzione di sostanze chimiche cerebrali, come la serotonina, da parte delle cellule umane può essere amplificata o ridotta dai microbi intestinali”, afferma il dott. Preidis. “Più impariamo sulla connessione tra il cervello e il microbioma intestinale, più ci avvicineremo alla gestione dei disturbi della salute mentale con terapie mirate al microbioma”. La depressione non è sola: ecco altre 11 condizioni che possono iniziare con i batteri intestinali .

Trauma infantile legato a problemi intestinali

Ancora più inquietante, una recente ricerca della Columbia University ha collegato i traumi infantili a problemi intestinali e al potenziale di futuri problemi di salute mentale. I bambini con “interruzioni del caregiver”, come il ricovero in un orfanotrofio o in affidamento, avevano diversi microbiomi intestinali e diversi modelli di attività cerebrale rispetto ai bambini senza tale trauma. I bambini avevano anche più sintomi gastrointestinali come dolori di stomaco, costipazione e vomito. “Il nostro studio è tra i primi a collegare l’interruzione del microbioma gastrointestinale di un bambino innescata dalle avversità della prima infanzia con l’attività cerebrale nelle regioni associate alla salute emotiva”, ha detto in una dichiarazione l’ autore dello studio Bridget Callaghan. Ancora una volta, se i risultati dello studio vengono replicati, la dieta ei probiotici possono avere un ruolo da svolgere nel trattamento dei traumi infantili.

Nuova comprensione del “secondo cervello”

Sapevi che il tuo intestino contiene un altro cervello? Gli scienziati si riferiscono al sistema nervoso enterico (ENS), un insieme di cellule che rivestono il tratto gastrointestinale, come il “secondo cervello” perché agisce indipendentemente dal cervello e dal midollo spinale effettivi per rilevare, rispondere e “sentire” cosa sta succedendo nell’intestino. Per la prima volta, i ricercatori sono stati in grado di osservare l’attività neurale unica dell’ENS, che potrebbe aiutare a comprendere meglio la connessione cervello-intestino. “L’ENS e il microbioma sono strettamente intrecciati e si influenzano a vicenda; l’aggravamento nell’intestino può creare sintomi di ansia e depressione o viceversa “, afferma il dottor Angle. “La comunicazione tra questi due sistemi può essere notevolmente ostacolata quando ciascuno innesca l’altro, portando all’esacerbazione di condizioni come IBS, IBD, depressione e ansia”.

La carne rossa può essere dannosa per il tuo intestino

Probabilmente hai sentito dire che troppa carne rossa non fa bene al tuo cuore. Ora, uno studio ha evidenziato gli effetti negativi della carne rossa sull’intestino. “Tra le scoperte recenti più sorprendenti c’è ciò che accade quando alcuni batteri intestinali consumano sostanze nutritive che si trovano nella carne rossa e in altri prodotti animali”, afferma il dott. Preidis. “Questi batteri intestinali producono una sostanza chiamata TMAO [trimetilammina N-ossido], che può essere rilevata nel flusso sanguigno e può portare a malattie cardiovascolari come infarti e ictus”. Il dottor Angle sottolinea anche che i modi in cui la dieta influisce sul microbioma intestinale sono fondamentali per la salute generale. “Gli organismi che vivono nell’intestino utilizzano i sottoprodotti nutrizionali del cibo per produrre materiali digeriti che poi vanno a svolgere altri ruoli nel corpo”, dice. Tieni sempre gli occhi aperti per questi sintomi di salute che il tuo intestino sta cercando di dirti .

Un intestino sano può aiutare a combattere il cancro

La ricerca suggerisce anche che una buona dieta può aiutare a combattere altre malattie, incluso il cancro. In uno studio recentemente presentato alla riunione dell’American Association for Cancer Research, gli scienziati hanno scoperto che i pazienti affetti da melanoma che seguivano una dieta ricca di fibre avevano cinque volte più probabilità di rispondere a un trattamento immunoterapico. Altre ricerche avevano precedentemente suggerito che un microbioma intestinale diverso avrebbe portato a una risposta più favorevole al trattamento. “Immagina se potessi aumentare il numero di pazienti che traggono beneficio dall’immunoterapia attraverso qualcosa di semplice come i cambiamenti nella dieta, sarebbe notevole”, ha detto in una dichiarazione l’ autore dello studio Christine Spencer, PhD. “Questo studio indica che la dieta gioca un ruolo nella risposta all’immunoterapia tramite il microbioma intestinale e speriamo che questi risultati stimolino ulteriori studi su questo argomento nella comunità di ricerca sul cancro”.

I batteri intestinali potrebbero aiutare le vittime di ictus

L’intestino non ha un impatto solo sul cervello: sembra che anche il cervello abbia un impatto sull’intestino. Un recente studio sui topi ha dimostrato che gli ictus hanno alterato sfavorevolmente i loro batteri intestinali e il tessuto intestinale anche un mese dopo l’evento, il che potrebbe indebolire la nutrizione e compromettere il recupero dell’ictus. I batteri intestinali squilibrati potrebbero anche avere effetti negativi sulla funzione e sul comportamento del cervello in fase di recupero. “Se finisce per essere che l’intestino ha un’influenza sulla riparazione del cervello, forse i nostri trattamenti per l’ictus non dovrebbero essere focalizzati solo su ciò che possiamo fare per il cervello, forse dobbiamo pensare a cosa possiamo fare per il gut “, ha detto l’autore dello studio e studente laureato Allison Brichacek della West Virginia University School of Medicine in una dichiarazione .

La dieta può curare il diabete

C’è qualcosa che il microbioma intestinale non può trattare? Come spiega il dottor Preidis, i microbi intestinali producono acidi grassi a catena corta (SFCA) benefici quando scompongono alcune fibre, il che potrebbe aiutare le persone con diabete. “Recentemente, uno studio che ha arruolato pazienti diabetici ha scoperto che il consumo di una dieta contenente fibre appositamente progettata ha aumentato il numero di batteri intestinali produttori di SCFA e ha migliorato i segni del diabete”, afferma. Il rovescio della medaglia, “gli studi collegano bassi livelli di alcune molecole generate da batteri nell’intestino a fattori di rischio per condizioni come il diabete di tipo 2”, dice il dottor Angle. “Significa che se non hai i giusti tipi di batteri nell’intestino, potresti essere a rischio elevato di malattie gravi.”

I batteri intestinali potrebbero trattare la PCOS

Nessuno è sicuro di cosa causi la sindrome dell’ovaio policistico (PCOS), una condizione endocrina femminile caratterizzata da ormoni alterati e problemi riproduttivi, e non esiste una cura. Ricerche precedenti hanno scoperto che il microbioma intestinale è meno diversificato nelle donne affette da questa condizione; un nuovo studio suggerisce che i topi con PCOS che sono stati esposti a microbi intestinali sani hanno mostrato una riduzione dei sintomi. “I nostri nuovi risultati suggeriscono che l’alterazione del microbioma intestinale tramite terapie prebiotiche o probiotiche può essere una potenziale opzione di trattamento per la PCOS”, ha detto in una dichiarazione l’ autore dello studio Varykina Thackray, PhD, della University of California San Diego School of Medicine . “Sono necessarie ulteriori ricerche per capire come specifici batteri intestinali contribuiscono alla PCOS”. Diagnosticare la condizione può essere complicato: questi sono i8 segni di PCOS che ogni donna dovrebbe conoscere .

Gli antibiotici potrebbero cambiare i batteri intestinali in modo permanente

Sebbene a volte gli antibiotici siano necessari per combattere le infezioni, i medici sanno che possono eliminare anche i batteri buoni. Ma un recente studio del Regno Unito ha scoperto che questo stato di squilibrio nel microbioma, chiamato “disbiosi”, potrebbe durare almeno un anno, o forse anche permanentemente. “È importante che il microbioma sia equilibrato e non in uno stato di disbiosi”, afferma il dottor Angle. “La disbiosi può alterare ulteriormente l’equilibrio di microbi sani, spingendo le persone a uno stato di malsana”. Sebbene gli esatti effetti degli antibiotici sul microbioma intestinale non siano ancora noti, gli autori dello studio notano che questi risultati sollevano preoccupazioni sul loro uso.

I batteri intestinali possono proteggere dalle allergie alimentari

Alcuni batteri intestinali possono anche aiutare a prevenire o curare le allergie alimentari. Uno studio recente ha scoperto che i topi a cui erano stati somministrati microbi intestinali da neonati sani erano protetti contro una reazione allergica al latte vaccino; tuttavia, quelli trattati con microbi da bambini allergici hanno avuto una brutta reazione al latte. “Questo studio ci consente di definire una relazione causale e mostra che il microbiota stesso può determinare se si ottiene o meno una risposta allergica”, ha detto al sito web di UChicago Medicine l’autore dello studio Cathryn Nagler, PhD, dell’Università di Chicago . I risultati potrebbero aprire la strada a nuovi trattamenti di allergia alimentare che utilizzano determinati batteri intestinali. Inoltre, i probiotici potrebbero essere la tua migliore difesa contro le allergie primaverili .

Un microbioma sano potrebbe calmare l’infiammazione

Un altro studio del Summit mondiale ha trovato un percorso per spiegare come i batteri intestinali “buoni” aiutano a controllare l’infiammazione e combattere la malattia infiammatoria intestinale (IBD): i batteri sani supportano le proteine ​​che bloccano le cellule immunitarie iperattive: queste cellule attaccano i tessuti sani e creano l’infiammazione che innesca i sintomi . Inoltre: “Gli studi clinici che utilizzano i probiotici hanno riportato una varietà di effetti benefici per le persone con vari disturbi intestinali, inclusa la malattia infiammatoria intestinale”, afferma il dott. Preidis. Ma, “nonostante un crescente corpo di ricerca, la definizione di un ruolo preciso per i probiotici rimane difficile. Tuttavia, è probabile che un giorno i probiotici possano avere un ruolo ben definito nella gestione di alcuni disturbi intestinali “. Se stai cercando di iniziare un regime di probiotici ora, ecco i13 marchi di probiotici che i nutrizionisti si fidano di più .

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Trucchi per alleviare la stitichezza dei bambini che ogni genitore deve sapere

13 migliori alimenti per pulire il colon