in

I batteri intestinali ti dicono quando tu o loro sei pieno

Con ogni nuova scoperta, i batteri intestinali sembrano svolgere un ruolo più integrale in ciò che significa essere umani. Un nuovo studio suggerisce che potrebbero essere i batteri intestinali a decidere quando è il momento di smettere di mangiare.

Penso dunque di essere, e penso di essere soddisfatto dopo un buon pasto. Ma, secondo una nuova ricerca, potrebbero essere gli organismi batterici che vivono nel mio intestino a decidere quando sono sazio.

Quando E. colihanno avuto abbastanza da mangiare, inviano un segnale simile a un ormone umano che dice al nostro cervello che abbiamo mangiato abbastanza.

Gli umani rispondono ai loro segnali quando decidiamo di essere pieni, pubblicato un nuovo studioFonte attendibile nella rivista Cell Metabolism suggerisce.

Ulteriori informazioni: cos’è il microbioma umano e perché è importante? »

La risposta dei batteri al cibo

Ricercatori francesi, guidati da Sergueï Fetissov, Ph.D., ricercatore presso l’Istituto per la ricerca e l’innovazione in biomedicina dell’Università di Rouen, hanno osservato come l’E. coli che vive nelle viscere dei ratti ha risposto dopo aver introdotto un liquido nutrizionale.

I ricercatori sapevano che l’E. coli, che costituisce circa l’1% dei batteri nell’intestino umano medio, produce una proteina chiamata ClpB che è simile a un ormone umano della sazietà.

I ricercatori hanno notato che i batteri usavano lo zucchero per moltiplicarsi. Dopo 20 minuti, la loro crescita si è stabilizzata e hanno prodotto più della proteina ClpB.

Può anche essere che i segnali batterici guidino il rilascio degli ormoni post-pasto GLP-1 e PYY. I batteri E. coli vivono nel colon. Lì entrano in stretto contatto con le cellule che producono gli ormoni post-pasto.

Le cellule hanno risposto in modo diverso alle proteine ​​E. Coliprodotti quando stavano attivamente proliferando e quelli che producevano quando la loro frenesia di crescita si era fermata.

Inoltre, quando i ricercatori hanno influenzato direttamente i parassiti batterici dei ratti, senza nutrire gli animali, i roditori hanno mangiato di meno.

“Questo lavoro è fondamentale per dimostrare che i batteri del colon partecipano a dire al cervello di smettere di mangiare”, ha detto Maria Gloria Dominguez-Bello, Ph.D., professore associato del Programma Microbioma Umano presso la New York University School of Medicine. Non era coinvolta nello studio francese. “Apre domande su quanti altri batteri hanno questa proteina che segnala anche la sazietà”.

Potrebbe anche iniziare a spiegare perché alcuni alimenti non attivano in modo affidabile il segnale “abbastanza” delle persone. Nello studio, l’E. coli ha prodotto più proteine ​​quando ha ottenuto uno sciroppo nutrizionale contenente proteine ​​rispetto a quando ha ottenuto zucchero puro.

Per saperne di più: Diabete e batteri intestinali »

Digestione diversa

Gli esseri umani si sentono anche più pieni 20 minuti dopo aver mangiato e si sentono più soddisfatti dopo aver mangiato proteine ​​o grassi. Queste somiglianze incuriosiscono i ricercatori del microbioma.

“Lo studio può anche implicare che gli alimenti che sono altamente digeribili dagli enzimi umani e assorbiti nell’intestino tenue (come gli alimenti trasformati), non portano a segnali di sazietà, mentre gli alimenti con componenti che bypassano la digestione umana e alimentano i batteri del colon (fibre ) può aumentare la sazietà”, ha detto Dominguez-Bello.

La ricerca è troppo preliminare per rispondere a domande aperte sulla relazione tra le popolazioni di batteri intestinali di un individuo e il loro peso, colesterolo e zucchero nel sangue.

“Le proteine ​​batteriche prodotte dopo la crescita indotta dai nutrienti possono essere un tipo di effettori molecolari, come abbiamo dimostrato nel nostro studio”, ha detto Fetissov. Ma «non possiamo escludere che possano essere coinvolti altri mediatori».

I ricercatori stanno anche pianificando di studiare come altri batteri rispondono a ciò che mangia l’ospite e se altre proteine ​​batteriche potrebbero essere coinvolte, ha detto Fetissov.

Tuttavia, lo studio inizia a delineare un’enorme terra incognita nella nostra attuale comprensione dei batteri intestinali benefici.

Numerosi studi hanno dimostrato che le persone obese e con squilibri metabolici hanno diversi tipi di batteri che vivono nelle loro vie digestive rispetto ai loro coetanei più magri e più sani. Ma gli scienziati non sanno ancora come o perché ciò accada.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Sì, la chetodiarrea è una cosa: come la dieta popolare può disturbare la digestione

Un “cocktail” di cacca di bambino può davvero migliorare la salute dell’intestino?