in

Un piccolo aiuto qui: la salute dell’intestino

Jen Thomas è una giornalista e stratega dei media con sede a San Francisco. Quando non sogna nuovi posti da visitare e fotografare, può essere trovata nella Bay Area che lotta per combattere il suo Jack Russell Terrier cieco o sembra smarrita perché insiste nel camminare ovunque. Jen è anche una giocatrice di Ultimate Frisbee competitiva, una discreta scalatrice, una corridore inadempiente e un’aspirante performer aerea.

RISORSE SANITARIE
Pronto a parlare con il tuo medico di problemi di stomaco?

Possiamo aiutarti a preparare il tuo prossimo appuntamento. La nostra guida gratuita ti aiuterà a ricordare cosa condividere con il tuo medico, oltre a darti indicazioni su quali domande porre.

NUTRIZIONE

Probiotici 101: una semplice guida per principianti

Si dice che i batteri nel tuo corpo siano più numerosi delle cellule del tuo corpo con un rapporto di 10 a 1. Tuttavia, uno studio recente afferma che il rapporto è più vicino a 1 a 1 (1Fonte attendibile, 2 ).

Secondo queste stime, dentro di te vivono 39-300 trilioni di batteri. Qualunque sia la stima più accurata, è sicuramente un numero elevato.

Molti di questi batteri risiedono nel tuo intestino e la maggior parte è abbastanza innocua. Alcuni sono utili e un piccolo numero può causare malattie (3Fonte attendibile).

Avere i batteri intestinali giusti è stato collegato a numerosi benefici per la salute, inclusi i seguenti ( 4 , 5 ):

  • perdita di peso
  • migliore digestione
  • funzione immunitaria potenziata
  • pelle più sana
  • ridotto rischio di alcune malattie

I probiotici, che sono un certo tipo di batteri amici, forniscono benefici per la salute se mangiati.

Sono spesso presi come integratori che dovrebbero aiutare a colonizzare il tuo intestino con buoni microrganismi.

Questo articolo esamina i benefici per la salute dei probiotici.

Cosa sono i probiotici?

I probiotici sono microrganismi viventi che, se ingeriti, apportano benefici alla salute ( 6 ).

Tuttavia, la comunità scientifica spesso non è d’accordo su quali siano i benefici e su quali ceppi di batteri siano responsabili ( 7 ).

I probiotici sono generalmente batteri, ma alcuni tipi di lieviti possono anche funzionare come probiotici. Ci sono anche altri microrganismi nell’intestino che vengono studiati, inclusi virus, funghi, archaea ed elminti ( 8 ).

Puoi ottenere i probiotici dagli integratori, così come dagli alimenti preparati dalla fermentazione batterica.

Gli alimenti probiotici includono yogurt, kefir, crauti, tempeh e kimchi. I probiotici non devono essere confusi con i prebiotici, che sono carboidrati, spesso fibre alimentari, che aiutano a nutrire i batteri amici già presenti nell’intestino ( 9 ).

I prodotti che contengono sia prebiotici che probiotici sono indicati come simbiotici. I prodotti simbiotici di solito combinano batteri amici con del cibo da mangiare per i batteri (i prebiotici), tutto in un integratore (10Fonte attendibile).

I batteri probiotici più comuni sono Lactobacillus e Bifidobacteria . Altri tipi comuni sono Saccharomyces, Streptococcus, Enterococcus, Escherichia e Bacillus .

Ogni genere comprende specie diverse e ogni specie ha molti ceppi. Sulle etichette, vedrai i probiotici identificati dal loro ceppo specifico (che include il genere), la specie, la sottospecie se ce n’è una e un codice di ceppo lettera-numero ( 11 ).

Diversi probiotici sono stati trovati per affrontare diverse condizioni di salute. Pertanto, è essenziale scegliere il tipo o i tipi giusti di probiotici.

Alcuni integratori, noti come probiotici ad ampio spettro o multiprobiotici, combinano specie diverse nello stesso prodotto.

Sebbene le prove siano promettenti, sono necessarie ulteriori ricerche sui benefici per la salute dei probiotici. Alcuni ricercatori mettono in guardia sui possibili effetti negativi del “lato oscuro” dei probiotici e chiedono cautela e una regolamentazione rigorosa ( 12 , 13 ).

L’importanza dei microrganismi per il tuo intestino

La complessa comunità di microrganismi nell’intestino è chiamata flora intestinale, microbiota intestinale o microbioma intestinale ( 14 , 15 ).

Il microbiota intestinale comprende batteri, virus, funghi, archaea ed elminti, con i batteri che costituiscono la stragrande maggioranza. Il tuo intestino ospita un complesso ecosistema di 300-500 specie batteriche (16Fonte attendibile).

La maggior parte della flora intestinale si trova nel colon, o intestino crasso, che è l’ultima parte del tratto digestivo.

Sorprendentemente, le attività metaboliche della flora intestinale assomigliano a quelle di un organo. Per questo motivo, alcuni scienziati chiamano la flora intestinale “l’organo dimenticato” (17Fonte attendibile).

La tua flora intestinale svolge molte importanti funzioni per la salute. Produce vitamine, tra cui la vitamina K e alcune vitamine del gruppo B ( 18 ).

Trasforma anche le fibre in grassi a catena corta come butirrato, propionato e acetato, che alimentano la parete intestinale e svolgono molte funzioni metaboliche (19Fonte attendibile, 20Fonte attendibile).

Questi grassi stimolano anche il sistema immunitario e rafforzano la parete intestinale. Questo può aiutare a prevenire che sostanze indesiderate entrino nel tuo corpo e provochino una risposta immunitaria (21Fonte attendibile, 22Fonte attendibile).

La tua flora intestinale è molto sensibile alla tua dieta e gli studi dimostrano che una flora intestinale squilibrata è legata a numerose malattie (23Fonte attendibile, 24 ).

Si pensa che queste malattie includano l’obesità, il diabete di tipo 2, la sindrome metabolica, le malattie cardiache, il cancro del colon-retto, l’Alzheimer e la depressione ( 25 , 26 ,27Fonte attendibile, 28 ).

I probiotici e le fibre prebiotiche possono aiutare a correggere questo equilibrio, assicurando che il tuo “organo dimenticato” funzioni in modo ottimale ( 29 ).

Impatto sulla salute dell’apparato digerente

I probiotici sono ampiamente studiati per i loro effetti sulla salute dell’apparato digerente ( 30 ).

L’evidenza suggerisce che gli integratori probiotici possono aiutare a curare la diarrea associata agli antibiotici (31Fonte attendibile).

Quando le persone assumono antibiotici , soprattutto per lunghi periodi di tempo, spesso manifestano diarrea, anche molto tempo dopo che l’infezione è stata debellata.

Questo perché gli antibiotici uccidono molti dei batteri naturali nell’intestino, il che sposta l’equilibrio intestinale e consente ai batteri nocivi di prosperare.

I probiotici possono anche aiutare a combattere la sindrome dell’intestino irritabile (IBS) , un comune disturbo digestivo, riducendo gas, gonfiore , costipazione, diarrea e altri sintomi.

La ricerca sull’efficacia dell’integrazione di probiotici per il trattamento dell’IBS è mista. Una recente revisione ha riportato che sette degli studi hanno indicato un miglioramento dell’IBS con l’integrazione di probiotici, ma quattro no ( 32 ).

La ricerca indica che gli integratori probiotici multi-ceppo sembrano apportare la maggior parte del miglioramento dell’IBS, specialmente se assunti per più di 8 settimane.

Tuttavia, molto rimane sconosciuto sul trattamento probiotico per l’IBS. Domande come le seguenti devono ancora essere risolte ( 33 ):

  • Quali sintomi dell’IBS migliorano con i probiotici?
  • Quali probiotici, o miscele di probiotici, sono più efficaci?
  • Quali dosaggi e durate dei trattamenti probiotici sono i migliori?
  • I diversi tipi di IBS richiedono diversi trattamenti probiotici?

I ricercatori trovano promettenti i primi risultati del trattamento probiotico per l’IBS, ma affermano che sono necessari ulteriori ampi studi prima che gli operatori sanitari possano prescrivere con sicurezza trattamenti probiotici in modo coerente per l’IBS ( 34 ).

Alcuni studi rilevano anche i benefici dell’integrazione di probiotici contro le malattie infiammatorie intestinali, come il morbo di Crohn e la colite ulcerosa . Ancora una volta, i ricercatori affermano che sono necessarie ulteriori ricerche prima che il trattamento sia confermato per essere efficace (35Fonte attendibile).

I probiotici possono anche aiutare a combattere le infezioni da Helicobacter pylori , che sono uno dei principali responsabili delle ulcere e del cancro allo stomaco (36Fonte attendibile, 37Fonte attendibile, 38Fonte attendibile).

Se al momento hai problemi digestivi che non riesci a sconfiggere, un integratore probiotico potrebbe essere qualcosa da considerare. Tuttavia, assicurati di consultare prima il tuo medico.

Impatto sulla perdita di peso

Alcune ricerche indicano che le persone con obesità hanno batteri intestinali diversi da quelli che sono magri (39Fonte attendibile).

La ricerca mostra una connessione tra microbi intestinali e obesità sia nei neonati che negli adulti. Mostra anche che i cambiamenti microbici nell’intestino sono un fattore nello sviluppo dell’obesità da adulti ( 40 ).

Pertanto, molti scienziati ritengono che i batteri intestinali siano importanti nel determinare il peso corporeo (41Fonte attendibile, 42Fonte attendibile).

Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche, alcuni ceppi probiotici sembrano aiutare la perdita di peso ( 43 ).

Tuttavia, i ricercatori consigliano cautela nel correre a questa conclusione, osservando che ci sono ancora molte incognite.

Queste incognite includono ( 44 ):

  • i ceppi specifici di probiotici da utilizzare
  • il dosaggio e la durata del trattamento
  • gli effetti a lungo termine del trattamento
  • l’interazione di età, genere, condizioni di salute e stile di vita

In uno studio, 210 persone con obesità centrale, caratterizzata da un eccesso di grasso addominale , hanno assunto quotidianamente il probiotico Lactobacillus gasseri . I partecipanti hanno perso in media circa l’8,5% del grasso della pancia in 12 settimane (45Fonte attendibile).

Quando i partecipanti hanno smesso di assumere il probiotico, hanno recuperato il grasso della pancia entro 4 settimane.

L’evidenza suggerisce anche che Lactobacillus rhamnosus e Bifidobacterium lactis possono aiutare la perdita di peso e aiutare a prevenire l’obesità, anche se sono necessarie ulteriori ricerche (46Fonte attendibile).

L’ascesa degli psicobiotici

Negli ultimi dieci anni, la ricerca ha dimostrato che l’intestino e il cervello sono collegati in un sistema chiamato asse intestino-cervello. Questo asse collega il sistema nervoso centrale e quello enterico, il secondo dei quali regola la digestione (47Fonte attendibile).

Alcune ricerche mostrano che alcuni microbi nell’intestino possono influenzare il cervello attraverso questo asse sia in salute che in malattia. Questi batteri fanno parte di un campo emergente chiamato “psicobiotici” ( 48 , 49 ,50Fonte attendibile).

La ricerca indica che gli psicobiotici possono aiutare a trattare i disturbi cognitivi e neurologici, come l’ autismo , il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson ( 51 ).

Quali microbi sono e come interagiscono con il cervello è oggetto di molte ricerche attuali (52Fonte attendibile).

Alcuni ricercatori suggeriscono che, per alcune persone, l’integrazione con determinati ceppi di probiotici può essere preferibile all’assunzione di farmaci psicotropi per far fronte allo stress mentale, alla solitudine e al dolore che accompagnano l’attuale pandemia di COVID-19 ( 53 ).

Altri benefici per la salute

Ci sono molti altri vantaggi dei probiotici. Possono aiutare con le seguenti condizioni:

  • Infiammazione: i probiotici riducono l’infiammazione sistemica, una delle principali cause di molte malattie ( 54 ).
  • Depressione e ansia: i ceppi probiotici Lactobacillus helveticus e Bifidobacterium longum hanno dimostrato di ridurre i sintomi di ansia e depressione nelle persone con depressione clinica ( 55 ).
  • Colesterolo nel sangue: diversi probiotici hanno dimostrato di abbassare i livelli di colesterolo totale e LDL (cattivo) , sebbene la ricerca rimanga controversa ( 56 ).
  • Pressione sanguigna: i probiotici possono anche causare modeste riduzioni della pressione sanguigna (57Fonte attendibile).
  • Funzione immunitaria: diversi ceppi probiotici possono potenziare la funzione immunitaria, portando eventualmente a un ridotto rischio di infezioni, comprese quelle che causano il comune raffreddore (58Fonte attendibile, 59 ).
  • Salute della pelle: ci sono alcune prove che i probiotici possono essere utili per l’acne, la rosacea e l’eczema, così come per altri disturbi della pelle ( 60 ).
  • Anti età. Sebbene la ricerca sia estremamente limitata, ci sono prove che i probiotici hanno il potenziale per estendere la durata della vita aumentando la capacità delle cellule di replicarsi ( 61 ).

Questa è solo una piccola parte dei benefici dei probiotici, poiché gli studi in corso indicano un’ampia gamma di potenziali effetti sulla salute.

Ti invieremo le ultime novità sull’uso di erbe, integratori, yoga e altro per aiutarti a gestire la tua salute con rimedi naturali.

COVID-19 e probiotici

Alcuni ricercatori propongono che il miglioramento del microbioma intestinale tramite l’integrazione di probiotici e la dieta possa essere una strategia per combattere e curare un’infezione con il nuovo coronavirus SARS-CoV-2. Questa infezione può causare COVID-19, che sta per coronavirus malattia 2019 (62Fonte attendibile).

È noto che il COVID-19 danneggia la difesa immunitaria del corpo attraverso una “tempesta di citochine” di citochine infiammatorie eccessive. Si ritiene che questa sia la causa principale del deterioramento della salute e persino della morte ( 63 ).

Poiché è stato dimostrato che la flora intestinale rafforza il sistema immunitario e combatte l’infiammazione, i ricercatori ritengono che gli integratori probiotici possano aiutare ad accelerare il recupero dal coronavirus inibendo o limitando questa “tempesta di citochine” ( 64 ).

Inoltre, le persone con COVID-19 hanno riportato sintomi gastrointestinali, come diarrea, nausea, vomito, dolore addominale e perdita di appetito ( 65 ).

Alcuni ricercatori teorizzano che i probiotici potrebbero aiutare a prevenire il coronavirus bloccando il recettore dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE) dove il patogeno SARS-CoV-2 entra nel corpo per invadere le cellule gastrointestinali (66Fonte attendibile).

Un altro collegamento proposto tra COVID-19 e probiotici coinvolge quello che viene chiamato “asse intestino-polmone”. Questo è un sistema di comunicazione e interazione tra l’intestino e i tessuti polmonari, che avviene tramite microrganismi del microbioma umano ( 67 ).

È noto che gli squilibri della flora intestinale sono correlati a malattie polmonari e infezioni del tratto respiratorio. I ricercatori suggeriscono che la correzione di tali squilibri può promuovere una salute polmonare ottimale, che potrebbe aiutare a proteggersi da agenti patogeni come SARS-CoV-2 (68Fonte attendibile, 69Fonte attendibile).

Altre ricerche suggeriscono che l’integrazione di probiotici può promuovere l’attività antivirale in generale per migliorare la risposta immunitaria, polmonare e antinfiammatoria che potrebbe aiutare a eliminare l’infezione da SARS-CoV-2 ( 70 , 71 ).

Tutte queste ipotesi sono allo stadio teorico. I ricercatori affermano che sono necessari ulteriori studi per confermarli.

Uno studio consiglia cautela, suggerendo che non tutti i ceppi probiotici eserciteranno gli stessi effetti. Si chiede se l’integrazione di probiotici possa alterare il contenuto del microbioma intestinale abbastanza da combattere il COVID-19 ( 72 ).

Sicurezza ed effetti collaterali

I probiotici sono generalmente ben tollerati e considerati sicuri per la maggior parte delle persone. Tuttavia, le normative differiscono tra i probiotici, quindi devi essere cauto quando scegli un prodotto.

Scegliere i probiotici

Di fronte alla vasta selezione di probiotici ora disponibili, potresti sentirti sopraffatto. Non sei solo. La scelta può essere difficile.

Negli Stati Uniti, i probiotici sono generalmente venduti come ingredienti alimentari, farmaci o integratori alimentari. Sebbene la Food and Drug Administration (FDA) regoli ciascuno di questi in modi diversi, la maggior parte degli alimenti e degli integratori non richiede l’approvazione prima della commercializzazione (73Fonte attendibile).

Di conseguenza, alcune aziende approfittano del ronzio intorno ai probiotici per vendere integratori che etichettano come probiotici e fare affermazioni che non sono supportate da prove ( 74 ).

Le normative sui probiotici variano notevolmente in tutto il mondo, quindi ordinare online da altri paesi è rischioso. Prodotti alimentari, cosmetici e integratori non regolamentati sono facili da trovare all’estero, ma la loro sicurezza non è confermata.

La ricerca di aziende che seguono le migliori pratiche, come i test di terze parti, può aiutarti a trovare integratori di alta qualità .

La scelta migliore è quella di eseguire la tua scelta dal tuo medico o chiedere suggerimenti. Potrebbero essere in grado di consigliare prodotti che sanno essere sicuri ed efficaci.

Effetti collaterali dei probiotici

Nei primi giorni di assunzione di un integratore probiotico, potrebbero verificarsi effetti collaterali legati alla digestione, come gas e lieve disagio addominale ( 75 ).

Tuttavia, dopo esserti adattato, la tua digestione dovrebbe iniziare a migliorare.

Nelle persone con un sistema immunitario compromesso, compresi quelli con HIV, AIDS e molte altre condizioni, i probiotici possono portare a infezioni pericolose ( 76 ).

Se hai una condizione medica, consulta il tuo medico prima di assumere un integratore probiotico .

Sfide per i ricercatori

La scienza ha fatto enormi progressi negli ultimi due decenni verso la comprensione dei ruoli che i probiotici svolgono nella salute e nelle malattie umane. Tuttavia, la ricerca sui probiotici è agli inizi e c’è molto da imparare.

Nonostante studi diffusi, i ricercatori stanno ancora lavorando per identificare tutte le singole specie microbiche che vivono nel tuo intestino. Identificarli è fondamentale per capire come funzionano nella salute umana.

Ad esempio, i ricercatori nel 2019 hanno riferito di aver identificato quasi 2.000 specie batteriche intestinali precedentemente sconosciute. Questo è stato un passo importante verso la classificazione dei microbi che vivono nell’intestino umano (77Fonte attendibile).

Dopo aver identificato i microrganismi, la prossima sfida che i ricercatori devono affrontare è quella di associare le varie specie, sottospecie e ceppi di microbi ai loro effetti sulla salute umana, ed è qui che le cose si complicano ( 78 ).

Sebbene migliaia di studi abbiano valutato i benefici per la salute dei probiotici per molte condizioni cliniche, i risultati spesso si contraddicono a vicenda ( 79 , 80 ).

Uno dei motivi è che i metodi per l’elaborazione e l’analisi dei dati sui probiotici non sono coerenti in tutto il mondo. Ciò porta ad analisi di ricerca contrastanti dei dati pubblicati (81Fonte attendibile).

La standardizzazione della ricerca sui probiotici è impegnativa perché il corpo umano contiene un insieme ampio e diversificato di microrganismi, che varia da un paese all’altro e persino da individui nello stesso paese.

Inoltre, i ceppi batterici stessi sono in continua evoluzione, così come la salute e l’ambiente dei loro ospiti umani.

I ricercatori di probiotici affrontano il compito di classificare quelli che potrebbero essere trilioni di organismi in continua evoluzione in ambienti vari e in evoluzione.

È solo lo sviluppo dell’analisi computazionale dei genomi di gruppi collettivi di microbi (chiamati metagenomica) negli ultimi due decenni che rende possibile questo compito titanico ( 82 ).

Gli scienziati devono standardizzare una montagna di prove a volte contrastanti provenienti da migliaia di studi e quindi tradurre tali prove in chiare raccomandazioni per l’uso terapeutico dei probiotici (83Fonte attendibile).

La linea di fondo

Mantenere un intestino sano è qualcosa di più che assumere un integratore probiotico.

La dieta quotidiana e l’ esercizio fisico sono altrettanto importanti, poiché molti fattori dello stile di vita influenzano i batteri intestinali.

Tuttavia, gli integratori probiotici possono offrire una vasta gamma di benefici con pochi effetti collaterali. Pertanto, se sei interessato a migliorare la salute dell’intestino, potrebbe valere la pena provare.

Assicurati di parlare prima con il tuo medico per assicurarti di provare i ceppi giusti nelle giuste quantità ed evitare effetti collaterali .

Forse ti stai chiedendo se una condizione specifica che hai potrebbe trarre beneficio dai probiotici. In tal caso, potresti consultare le Linee guida globali della World Gastroenterology Organization . Elenca i probiotici, le condizioni e i dosaggi raccomandati.

Si consiglia sempre cautela quando si inizia con i probiotici. Assicurati di utilizzare un prodotto affidabile, inizia lentamente e ricevi buoni consigli da un professionista sanitario di fiducia.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Tendinite d’Achille

QA-Tabbed-FactBox

Torna su
close

Log In

Forgot password?

Forgot password?

Enter your account data and we will send you a link to reset your password.

Your password reset link appears to be invalid or expired.

Log in

Privacy Policy

To use social login you have to agree with the storage and handling of your data by this website.

Add to Collection

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.