in

Reazione alla nuova Barbie “curvy”: OK ma non abbastanza

Gli esperti sui problemi di immagine corporea delle ragazze dicono che le nuove bambole Barbie di Mattel sono un passo nella giusta direzione, ma devono essere fatti altri cambiamenti nel nostro settore dei giocattoli.

È un bel primo passo, ma c’è ancora molto da fare.

Questa è stata la reazione di due esperti intervistati da Healthline alle ultime versioni della bambola Barbie rilasciate da Mattel.

“È eccellente nel concetto, ma non realizza alcun reale ampliamento di Barbie”, ha affermato la dott.ssa Ellen Rome, una pediatra che è a capo del Centro di medicina dell’adolescenza presso il Cleveland Clinic Children’s Hospital. “Anche la formosa Barbie è una figura impossibile da raggiungere per la maggior parte delle ragazze.”

“Riflette meglio la realtà ed è un impulso a rappresentare la realtà”, ha detto Harriet Brown, una professoressa di giornalismo di riviste che ha scritto sul peso e sull’immagine del corpo. “ma mi piacerebbe vedere enfatizzati diversi attributi.”

La nuova Barbie è stata svelata giovedì sui siti di giocattoli e sulla copertina della rivista Time .

La famosa bambola ora ha tre corpi: alto, minuto e sinuoso, che saranno venduti con i modelli originali. Le nuove bambole sono state messe in vendita online giovedì. Saranno introdotti nei negozi al dettaglio entro la fine dell’anno.

Il restyling era così segreto che i dirigenti della Mattel lo chiamarono in codice “Project Dawn” in modo che nemmeno le famiglie dei dipendenti ne venissero a conoscenza, secondo la rivista Time.

Segue l’introduzione nel 2015 di nuove tonalità della pelle e trame dei capelli.

Presentazione di Barbie “curvy”

In un articolo dell’edizione di questa settimana, la scrittrice di Time Eliana Dockterman afferma che è la versione curvy della Barbie di quest’anno che fornirà “il cambiamento più sorprendente” alla tradizionale Barbie tettona e dalla vita piccola introdotta 57 anni fa.

Dockterman, che ha avuto la possibilità di vedere le nuove bambole questo mese presso il quartier generale di Mattel nella contea di Los Angeles, ha affermato che la versione curvy ha “carne sulle cosce e una pancia sporgente e dietro”.

Nota che i vestiti realizzati per la tradizionale Barbie non si adatteranno alla versione curvy.

Rome ha detto che le piace il termine “curvy” perché è una connotazione più positiva, ma sente ancora l’etichetta curvy, e ancora di più, le bambole Barbie piccole e alte stanno mandando le ragazze su “un percorso verso il malcontento del corpo”.

Brown ha detto che non è sicura del motivo per cui gli attributi fisici delle bambole debbano essere nel titolo. Nota anche che bambole come Barbie sono solo un esempio del bombardamento culturale rivolto alle ragazze.

“Le bambole sono solo una parte della raffica di messaggi che le ragazze ricevono”, ha detto Brown.

Perché Mattel lo fa?

Dockterman scrive che le nuove versioni sono un “rischio enorme” per Mattel, ma che potrebbe valere la pena correre.

Mattel vende circa 1 miliardo di dollari in bambole Barbie e merchandising all’anno in 150 paesi. Tuttavia, le vendite di Barbie sono diminuite del 20% dal 2012 al 2014.

Inoltre, i concorrenti continuano a divorare il mercato. Lego ha introdotto una linea di giocattoli progettati per incoraggiare le ragazze a costruire. Hasbro ora ha il mercato delle principesse Disney, inclusa la popolare Elsa del film “Frozen”.

Barbie è stata presentata alla New York Toy Fair nel 1959 dalla creatrice Ruth Handler, che ha chiamato la bambola come sua figlia, Barbara.

Le vendite di bambole salirono alle stelle negli anni successivi, ma verso la metà degli anni ’60 gli attivisti per i diritti delle donne iniziarono a criticare il giocattolo per incoraggiare le ragazze a essere carine piuttosto che intelligenti.

I dirigenti della Mattel hanno risposto alle critiche sottolineando che Barbie è stata imprenditrice, astronauta e medico nel corso degli anni.

La Roma concorda sul fatto che una parte del marketing di Mattel sia stata una cosa positiva.

“Hanno fatto un ottimo lavoro nell’aiutare le ragazze a immaginare alcune carriere”, ha detto.

Tuttavia, lei e Brown vorrebbero che Mattel continuasse a rivedere Barbie.

“Sfido Mattel a proporre messaggi positivi che siano ancora più robusti”, ha detto Roma.

Brown estende questo invito a tutti i produttori di giocattoli.

“Tutto ciò che diversifica i giocattoli è una buona cosa”, ha detto, “ma una nuova Barbie non risolverà i nostri problemi di immagine corporea”.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

La pillola per la perdita di peso è stata approvata lo scorso aprile: perché non sarà disponibile fino a questo autunno?

I FANS alleviano il dolore da artrite, ma sono più duri sulla pancia del Celebrex