in

Sintomi del dolore nei bambini

Può essere una sfida riconoscere i sintomi del dolore nei bambini. Stanno davvero soffrendo o sto reagendo in modo esagerato? Hanno davvero mal di testa quando il medico non riesce a trovare nulla di sbagliato?

Il dolore è un’esperienza altamente individuale e complessa. Quello che segue è il consiglio di esperti per leggere i sintomi del dolore nel tuo bambino.

Sintomi del dolore nei bambini

A differenza dei bambini più grandi, il pianto non è sempre un indicatore affidabile del dolore nei bambini. Questo perché piangere è il modo in cui un bambino esprime tutta una serie di bisogni. Ecco i segnali che indicano che un bambino potrebbe soffrire.

Cambiamenti nei modelli di pianto. Il pianto angosciato di un bambino a volte, ma non sempre, suona diverso dal pianto normale. Anche i cambiamenti nel comportamento del tuo bambino possono essere una soffiata. Ad esempio, il pianto che non può essere lenito con un biberon, il cambio del pannolino o le coccole potrebbero segnalare dolore. Inoltre, un bambino calmo che diventa insolitamente esigente potrebbe soffrire.

Piangere durante l’allattamento. Il bambino che piange durante l’allattamento potrebbe benissimo avere una dolorosa infezione all’orecchio .

Pianto prolungato e intenso, spesso alla stessa ora ogni giorno. Questo comportamento è comune con le coliche . Spesso inizia all’età di 2 settimane, raggiunge il picco a 6 settimane e poi diminuisce gradualmente.

Piangendo e tirando le gambe fino all’addome . Il tuo bambino potrebbe avere coliche o una grave condizione medica.

Ritiro. Il dolore cronico può indebolire l’energia di un bambino, facendolo diventare calmo, silenzioso e evitando il contatto visivo .

Sintomi del dolore nei bambini piccoli

Fortunatamente, a questa età, i bambini che soffrono possono parlare, se non altro per dire: “Owie, owie, owie!” Spesso afferreranno anche la parte che fa male. Tirare o sfregare l’orecchio è comune nei bambini piccoli e sebbene a volte possa indicare dolore all’orecchio , può essere un’abitudine. Sospetti un’infezione all’orecchio se tuo figlio ha avuto sintomi di raffreddore o febbre e inizia a tirare improvvisamente l’orecchio.

Sintomi del dolore nei bambini e negli adolescenti

Il dolore cronico o ricorrente è comune nei bambini e negli adolescenti. La ricerca ha dimostrato che dal 30% al 40% lamenta dolore almeno una volta alla settimana. Consultare il medico di tuo figlio  per determinare la causa e per ottenere un trattamento.

Dolore addominale acuto . Il dolore che si manifesta all’improvviso può essere causato da infezioni virali o da qualcosa di più grave come l’ appendicite . Se il dolore di tuo figlio sembra essere localizzato a destra dell’ombelico ed è accompagnato da nausea, vomito e desiderio di rimanere molto fermo, dovrebbe essere valutato per l’appendicite.

Mal di stomaco e mal di testa ricorrenti . Un mal di stomaco che va via dopo un movimento intestinale potrebbe segnalare un problema di stitichezza o, meno spesso, malattia infiammatoria intestinale . Il dolore addominale quotidiano senza nausea, vomito o diarrea potrebbe essere una forma speciale di emicrania o potrebbe rientrare nella categoria del dolore addominale ricorrente cronico, un disturbo comune ma frustrante nei bambini. Il mal di testa è spesso associato a una malattia virale. Ma quelli che si verificano frequentemente, spesso alla stessa ora del giorno o che accompagnano il ciclo mestruale di una ragazza, e causano nausea o sensibilità alla luce del bambino potrebbero essere emicranie. Dolori muscolari ricorrenti, di solito insieme a difficoltà ad addormentarsi o rimanere addormentati, potrebbero significare che tuo figlio è depresso o ansioso. Entrambe le condizioni sono spesso sottodiagnosticate nei bambini e sono noti per scatenare o aumentare il dolore.

Dolore toracico . Il dolore al petto che va e viene e può essere riprodotto premendo sul petto, può essere causato da tensione muscolare o infiammazione della cartilagine delle costole e spesso si verifica dopo che il bambino inizia un nuovo sport, aumenta l’ attività fisica o sperimenta tensione muscolare dovuta allo stress emotivo. Il dolore al petto a seguito di un infortunio potrebbe indicare una costola rotta o un polmone collassato . Il dolore toracico persistente è meno comune e potrebbe significare che tuo figlio ha l’asma o un’infezione, come la polmonite. Raramente il dolore al petto in bambini altrimenti sani è causato daproblemi cardiaci . Tuttavia, se il dolore al petto di tuo figlio è accompagnato da vertigini, mancanza di respiro o svenimento , soprattutto con l’ esercizio , portarli dal medico per una valutazione.

Rispondere ai bambini che soffrono

Sappi che anche se i medici non trovano alcuna causa fisica per il dolore in un bambino, qualcosa non va. Se il dolore si verifica solo nei giorni di scuola, guarda cosa sta succedendo in classe o nel cortile. Se il dolore è l’unica volta in cui tuo figlio attira la tua attenzione, ritagliati un momento speciale con tuo figlio ogni giorno: gioca. Fare una passeggiata. Leggi un libro prima di andare a letto.

Infine, non ignorare il dolore cronico nel tuo bambino. Tuo figlio potrebbe aver bisogno dell’aiuto di un team multidisciplinare per la gestione del dolore che potrebbe includere uno specialista della gestione del dolore pediatrico , uno psicologo , un infermiere o un infermiere professionista e un fisioterapista. Parla con il pediatra di tuo figlio.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Come posso prevenire il dolore alla pancia?

Come faccio a sapere se ho un’intossicazione alimentare?