in

Questi sono gli alimenti che causano la maggior parte delle malattie, afferma il CDC

Se tutti i richiami di cibo legato alla produzione di questa estate ti hanno fatto dare l’occhio al tuo negozio di alimentari locale, è assolutamente giusto. Ma, secondo un nuovo rapporto dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), ci sono molti altri alimenti di cui dovresti essere più preoccupato.

Un nuovo rapporto di sorveglianza pubblicato dal CDC ha analizzato le cause dei focolai di malattie di origine alimentare tra il 2009 e il 2015.

I ricercatori hanno trovato 5.760 focolai che hanno causato 100.939 malattie, 5.699 ricoveri e 145 decessi negli Stati Uniti durante quel periodo. Tutti i 50 stati, il Distretto di Columbia e Porto Rico hanno segnalato focolai. (Un focolaio è definito come due o più casi di una malattia simile che si verifica dopo che le persone mangiano un cibo comune, dice il CDC. Quindi, se ti ammali dopo aver lasciato il tuo piatto di insalata di patate al caldo troppo a lungo, non lo fa “. t qualificarsi.)

Gli alimenti che sono stati più spesso coinvolti nelle epidemie erano:

  • Pesce (17 percento di tutti i focolai)
  • Latticini (11 percento di tutti i focolai)
  • Pollo (10 percento di tutti i focolai)

Ma alcuni cibi avevano maggiori probabilità di causare malattie legate all’epidemia. Quelli erano:

  • Pollo (12 percento dei casi)
  • Maiale (10 percento dei casi)
  • Verdure con semi (10 percento dei casi)

I ricercatori hanno trovato 5.760 focolai che hanno causato 100.939 malattie, 5.699 ricoveri e 145 decessi negli Stati Uniti durante quel periodo. Tutti i 50 stati, il Distretto di Columbia e Porto Rico hanno segnalato focolai. (Un focolaio è definito come due o più casi di una malattia simile che si verifica dopo che le persone mangiano un cibo comune, dice il CDC. Quindi, se ti ammali dopo aver lasciato il tuo piatto di insalata di patate al caldo troppo a lungo, non lo fa “. t qualificarsi.)

Gli alimenti che sono stati più spesso coinvolti nelle epidemie erano:

  • Pesce (17 percento di tutti i focolai)
  • Latticini (11 percento di tutti i focolai)
  • Pollo (10 percento di tutti i focolai)

Ma alcuni cibi avevano maggiori probabilità di causare malattie legate all’epidemia. Quelli erano:

  • Pollo (12 percento dei casi)
  • Maiale (10 percento dei casi)
  • Verdure con semi (10 percento dei casi)

Alcune malattie di origine alimentare sono più preoccupanti di altre. Ma il più comune di solito non è serio.

I ricercatori hanno anche scoperto che il norovirus era responsabile del 38% dei focolai, la salmonella era responsabile di un altro 30% e l’escherichia coli (STEC) che produceva la tossina shiga era implicato nel 6%. Altre cause (inclusi campylobacter, clostridium perfringens, tossina scombroide, ciguatossina, stafilococco aureus, vibrio parahaemolyticus e listeria monocytogenes) sono state tutte responsabili del 5% o meno di focolai.

Come SELF ha scritto in precedenza , il norovirus è una malattia contagiosa che colpisce il tratto gastrointestinale e tende a causare i classici sintomi di intossicazione alimentare , come vomito, nausea e diarrea che dura per circa tre giorni. Sebbene sia comune (specialmente in spazi ristretti come le navi da crociera), la maggior parte degli adulti sani è in grado di riprendersi da un’infezione da norovirus senza un trattamento approfondito: hanno solo bisogno di rimanere idratati e riposare di qualità.

Quando si tratta dei batteri che hanno maggiori probabilità di causare malattie gravi (inclusi ricoveri, decessi, malattie associate all’epidemia), i principali autori di reato sono stati listeria, salmonella e STEC. In effetti, la salmonella e la listeria hanno trovato la loro strada in molti alimenti che in passato non erano considerati un rischio, come cereali, cracker e arachidi, il che è particolarmente preoccupante, Darin Detwiler, Ph.D., direttore del Regulatory Il programma Affairs of Food and Food Industries presso la Northeastern University, dice a SELF.

Nella maggior parte degli adulti sani, molte malattie di origine alimentare sono fastidiose ma temporanee. Tuttavia, per coloro che hanno altri problemi di salute, possono essere incredibilmente gravi e persino mortali. Quelli più suscettibili sono le persone immunocompromesse, comprese le persone con HIV, coloro che sono sottoposti a chemioterapia, bambini molto piccoli il cui sistema immunitario non si è ancora sviluppato, donne incinte e anziani, l’esperta di sicurezza alimentare Felicia Wu, Ph.D ., un professore alla Michigan State University, dice a SELF.

Non dovresti farti prendere dal panico per questo rapporto, ma ci sono alcune cose da tenere a mente.

È interessante notare che il rapporto CDC ha rivelato che, nei casi in cui i funzionari sanitari potevano effettivamente individuare una fonte originale di un’epidemia, il 61% delle epidemie era riconducibile ai ristoranti, mentre solo il 12% è iniziato in case private. Tra questi ristoranti, i ristoranti in stile pranzo seduti erano il tipo di ristorante più comunemente segnalato dietro un’epidemia, seguiti da sale per catering o banchetti e scuole. I luoghi con il maggior numero di malattie per focolaio erano le scuole, mentre i ristoranti avevano il minor numero di malattie per focolaio.

“I risultati evidenziano la continua necessità di rispettare le linee guida che escludono i lavoratori alimentari malati e in recupero, vietano il contatto a mani nude con cibi pronti e garantiscono un lavaggio appropriato delle mani”, l’autore principale dello studio Daniel Dewey-Mattia, MPH, an epidemiologo della Divisione delle malattie di origine alimentare, idrica e ambientale del CDC, dice a SELF.

“Quando prepariamo il cibo a casa, abbiamo molto più controllo sulla sicurezza del cibo”, dice Wu. Sulla base dei risultati del rapporto, preparare il cibo a casa potrebbe davvero ridurre il rischio di contrarre una malattia di origine alimentare, dice. Quando si tratta di preparare i cibi a casa, è possibile utilizzare buone pratiche di sicurezza alimentare come lavarsi le mani prima di preparare il cibo, cuocere i cibi a una temperatura interna sicura e separare le carni crude e il pollame da cibi pronti come frutta e verdura. una grande differenza, dice Dewey-Mattia.

Quindi, non devi preoccuparti troppo delle malattie di origine alimentare, ma puoi essere intelligente nell’evitarle. “Proprio come diciamo ai nostri figli di guardare in entrambe le direzioni prima di attraversare la strada ogni volta … dobbiamo iniziare a parlare di sicurezza alimentare come se fosse qualcosa a cui dobbiamo dare la priorità ogni volta”, dice Detwiler. “Nessuno è immune.”

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

8 Errori sorprendenti sulla sicurezza alimentare che potresti commettere

Ecco 7 cose che possono causare bizzarre cacca verde