in

11 effetti collaterali comuni della chemioterapia, oltre a come alleviarli

In questa situazione impensabile, ogni piccolo aiuto.

Ottenere una diagnosi di cancro ha il potenziale per sconvolgere completamente il tuo mondo. Sebbene iniziare un trattamento come la chemioterapia possa essere rassicurante, può anche essere fonte di confusione e paura. La chemio ha lo scopo di distruggere le cellule tumorali in rapida crescita, ma può anche avere alcuni effetti collaterali duri e spiacevoli.

“[La chemioterapia] può uccidere le cellule tumorali, ma non può distinguere tra cellule tumorali e cellule normali e sane”, Marlon Saria, Ph.D., RN, infermiere ricercatore di pratica avanzata presso il John Wayne Cancer Institute presso Providence Saint John’s Health Center di Santa Monica, California, dice a SELF. Ciò significa che la chemio può mettere il tuo corpo all’inferno nel tentativo di salvarti la vita.

Mentre funzionano, i farmaci chemio prendono di mira le cellule a riproduzione rapida (come quelle di un tumore), quindi è più probabile che danneggino le cellule normali e sane nei follicoli piliferi, nella bocca , nel tratto digerente, nel sistema riproduttivo e nelle cellule che formano il sangue nel tuo midollo osseo, secondo l’ American Cancer Society (ACS). Possono anche influenzare le cellule in altre parti del corpo, come il cuore, i reni, la vescica, i polmoni e il sistema nervoso.

Tutto ciò sembra terrificante, ma non c’è alcuna garanzia che otterrai tutti questi effetti collaterali. Potresti averne molti, alcuni, pochi o nessuno, e ciascuno di essi può accadere in gradi diversi. I medici generalmente cercano di somministrare la chemio a livelli sufficientemente alti per curare il cancro mantenendo al minimo gli effetti collaterali, dice l’ ACS . Detto questo, è probabile che qualcuno che subisce la chemio sperimenterà una sorta di reazione fisica o mentale. Sapere quali effetti collaterali potrebbero essere in serbo se tu o una persona cara state sottoporti alla chemioterapia può aiutarti a sentirti più preparato. Ecco alcuni effetti collaterali della chemioterapia comuni da tenere a mente, oltre a cosa puoi fare per rendere l’esperienza della chemio un po ‘meno terribile.

1. Nausea e vomito

Alcuni tipi di farmaci chemioterapici hanno maggiori probabilità di causare nausea e vomito rispetto ad altri, motivo per cui i medici li classificano in base al loro potenziale emetogenico, il che significa quanto è probabile che provochino questi sintomi, afferma l’ ACS . Anche altri fattori giocano un ruolo importante, come la dose che si riceve e il modo in cui viene somministrata (il corpo assorbe i farmaci EV più rapidamente di quelli che si assumono per via orale, ad esempio).

Sebbene i medici stiano ancora determinando esattamente come si verificano la nausea e il vomito indotti dalla chemio, sembra che la chemioterapia possa innescare il cervello insieme ad alcune aree dell’esofago, dello stomaco, dell’intestino tenue e dell’intestino crasso in un modo che induce il malato a- sensazione di stomaco o vomito effettivo.

Se sei molto ansioso o nervoso, hai mai avuto cinetosi o nausea mattutina , o sei incline a vomitare quando sei malato, potresti avere maggiori probabilità di avere nausea e vomito quando ti sottoponi a chemio, dice l’ ACS . Avere fatto la chemio in passato aumenta anche il rischio a causa di un fenomeno noto come nausea e vomito anticipatori, che è una risposta condizionata in cui il tuo cervello accoppia la vista, i suoni e gli odori dell’area di trattamento con il vomito, quindi ti aspetti che tu Lo sperimenterò di nuovo. L’ ACS stima che circa una persona su tre avrà nausea anticipata, mentre una persona su 10 avrà vomito anticipato.

Discuti con il tuo medico del potenziale di nausea e vomito quando parli di chemioterapia. Possono stimare la quantità di questo effetto collaterale che potresti provare in base al farmaco che hanno in mente e possono prescrivere farmaci anti-nausea e anti-vomito per prevenire quella sensazione di malessere, Jack Jacoub, MD, medico oncologo e direttore medico di Il MemorialCare Cancer Institute presso l’Orange Coast Medical Center di Fountain Valley, in California, dice a SELF. Anche mangiare cibi secchi e salati come i cracker e fare piccoli pasti durante la giornata può aiutare, dice a SELF Janette Chirino, infermiera-professionista presso il Moffitt Cancer Center. La Mayo Clinic consiglia inoltre di bere piccole quantità di liquidi durante il giorno ed evitare anche gli odori sgradevoli.

2. Perdita di capelli

Probabilmente hai sentito parlare molto di questo effetto collaterale della chemioterapia, perché è comune. La chemio spesso danneggia le cellule che compongono i follicoli piliferi perché crescono rapidamente, proprio come le cellule tumorali. Questo può farti cadere i capelli sulla testa o su altre parti del corpo, come sopracciglia, ciglia, braccia, gambe e genitali, secondo l’ ACS . Diversi farmaci possono causare la caduta dei capelli in diverse parti del corpo, ed è in genere difficile prevedere se una persona che non ha mai fatto la chemio affronterà la caduta dei capelli.

Se sei preoccupato di perdere i capelli sulla testa, potresti provare la terapia del cappuccio freddo , che secondo quanto riferito funziona raffreddando il cuoio capelluto per restringere i vasi sanguigni, impedendo alla normale quantità di sangue (e medicina) di raggiungere i follicoli piliferi. La terapia del cappuccio freddo è promettente; la ricerca mostra che almeno la metà delle donne che usano la terapia con cappuccio freddo durante la chemio per il cancro al seno in stadio iniziale ha perso meno della metà dei capelli (questo può essere legato a fattori come il dosaggio della chemio e il tipo di farmaci, però). Ma ha effetti collaterali come mal di testa, dolore al cuoio capelluto, dolore al collo e alle spalle e brividi, e l’assicurazione spesso non copre il trattamento costoso.

3. Stanchezza

La fatica correlata al cancro è diversa dalla fatica quotidiana : il riposo non la fa sparire completamente, e anche fare piccole cose può essere estenuante, dice Saria. Quando si esegue un ciclo di chemio, la stanchezza di solito peggiora nei primi giorni e poi migliora fino al trattamento successivo, dice l’ ACS .

Ci sono molte ragioni per cui le persone sottoposte a chemio si sentono stanche, ma lo stress, la mancanza di sonno e altri effetti collaterali come nausea e vomito possono essere tutti fattori, dice Chirino. La chemio può anche uccidere le cellule che formano il sangue nel midollo osseo, il che può portare all’anemia , un’altra causa di affaticamento, dice Saria.

Potresti sentirti tentato di riposare il più possibile in risposta alla fatica, ma i sonnellini di maratona possono effettivamente aggravare il problema abbassando i livelli di energia e rendendo più difficile dormire la notte, dice l’ ACS . Invece, l’organizzazione consiglia di fare sonnellini di 30 o meno minuti durante il giorno.

E, anche se sembra controintuitivo (o semplicemente impossibile), i medici raccomandano di provare a rimanere il più attivo possibile durante la chemioterapia. “Meno attività genera più fatica”, dice il dott. Jacoub. “È un circolo vizioso.” L’ ACS raccomanda specificamente esercizi aerobici e di potenziamento della forza (con l’ok del medico, ovviamente), poiché possono migliorare il modo in cui funziona il tuo corpo, aiutarti a dormire e aiutarti a sentirti meglio ovunque. Prima di aggiungere nuove attività alla tua routine, parla con il tuo medico per assicurarti che sia sicuro. Possono anche avere altre raccomandazioni specifiche per combattere la fatica.

4. Costipazione

I farmaci antidolorifici, i cambiamenti nelle abitudini alimentari e l’essere meno attivi del solito durante la chemio possono far muovere le viscere meno spesso e rendere le feci più dure di quanto sei abituato, dice l’ ACS .

Il dottor Jacoub consiglia una strategia preventiva di mangiare cibi ricchi di fibre, rimanere idratati e cercare di essere fisicamente attivi. Se finisci per essere stitico , parla con il tuo medico delle altre opzioni per il sollievo, che possono includere cose come ammorbidenti delle feci in modo da non doverti sforzare troppo quando vai (il che può portare alle emorroidi).

5. Diarrea

Mentre la chemio può farti stitico, può anche costringerti all’altra estremità dello spettro della cacca. I farmaci chemio possono far muovere le viscere molto più spesso , provocando diarrea .

Se hai a che fare con la diarrea mentre sei in chemio, l’ ACS ha un intero elenco di cose che potresti prendere in considerazione di mangiare più o meno spesso per avvicinare la tua cacca alla normalità. È anche importante cercare di rimanere idratati durante questo periodo, dice Chirino: la diarrea rende più facile disidratarsi poiché stai perdendo liquidi così rapidamente.

6. Piaghe alla bocca

Le cellule sane in bocca possono crescere rapidamente, in modo simile alle cellule tumorali, dice la Mayo Clinic . Ciò significa che la chemioterapia potrebbe colpire accidentalmente e danneggiarli.

Quando le cellule della tua bocca sono danneggiate, è difficile per la tua bocca guarire da sola e combattere i germi, e questo può portare a ulcere alla bocca. Queste piaghe di solito si sviluppano pochi giorni dopo l’inizio del trattamento e scompaiono entro due o tre settimane dopo aver interrotto la chemio, dice la Mayo Clinic .

Per cercare di combatterlo, il medico potrebbe consigliarti di succhiare scaglie di ghiaccio o ghiaccioli durante il trattamento chemio. Non è del tutto chiaro il motivo per cui questo può aiutare, dice Saria, ma potrebbe avere qualcosa a che fare con il restringimento dei vasi sanguigni in bocca, limitando potenzialmente la quantità di farmaco che può farcela (proprio come con i cappucci freddi per la caduta dei capelli) .

Se sviluppi ulcere alla bocca, alcuni dei trattamenti per alleviare il dolore sono abbastanza simili a quelli a cui potresti rivolgerti per le afte . Il medico potrebbe suggerire di utilizzare farmaci chiamati agenti di rivestimento che creano un film che protegge le piaghe, dice la Mayo Clinic . Questo potrebbe aiutare a scongiurare il dolore che normalmente provi quando mangi o bevi. Il tuo medico può anche indicarti gli antidolorifici topici che puoi applicare sulle piaghe per ridurre il dolore. Evitare cibi acidi e piccanti e usare un collutorio di ¼ di cucchiaino di sale con una tazza d’acqua può anche aiutare ad alleviare i sintomi, dice Chirino.

7. Cambiamenti di appetito e perdita di peso

La chemioterapia può rendere il cibo dal sapore amaro o metallico , il che non ti farà venire voglia di sederti per un pasto abbondante. Inoltre, effetti collaterali come nausea, vomito e ulcere alla bocca potrebbero scoraggiarti ancora di più. Questo appetito ridotto può provocare una perdita di peso involontaria , che alla fine può farti sentire debole e come se le attività quotidiane fossero una lotta.

Il tuo team medico può aiutarti a capire il modo migliore per affrontare un appetito ridotto o una perdita di peso involontaria. I loro suggerimenti possono includere cose come mangiare pasti piccoli e frequenti invece di cercare di averne di più grandi, concentrarsi su cibi ipercalorici semplici da mangiare come yogurt o frappè e provare integratori alimentari liquidi sotto la loro guida. L’obiettivo è aiutarti a mantenere il peso più sano possibile senza costringerti a mangiare in un modo che è davvero scomodo, quindi tienilo a mente mentre discuti le tue opzioni.

8. Eccessivi lividi e sanguinamento

La chemioterapia può aumentare il rischio di lividi e sanguinamento, e c’è una ragione molto specifica per cui: i farmaci coinvolti possono ridurre il numero di piastrine, che sono cellule che aiutano la coagulazione del sangue, afferma il National Cancer Institute (NCI). Quando il numero delle piastrine è basso, potresti ammaccare o sanguinare troppo facilmente, il che può essere un effetto collaterale davvero scomodo o addirittura spaventoso. Potresti anche sviluppare trombocitopenia, che è una condizione che causa la formazione di minuscole macchie viola o rosse sulla pelle, afferma l’ NCI .

Sebbene alcune emorragie e lividi possano essere inevitabili, puoi fare alcuni passaggi per ridurre le probabilità che si verifichino spesso. L’ NCI raccomanda specificamente di evitare farmaci da banco che contengono aspirina o ibuprofene (questi possono aumentare il rischio di sanguinamento), lavarsi i denti delicatamente con uno spazzolino morbido per evitare gengive sanguinanti , indossare sempre scarpe in modo da non tagliarsi accidentalmente , usando un rasoio elettrico invece di un rasoio e facendo molta attenzione quando usi oggetti appuntiti, tra le altre strategie.

Se inizi a sanguinare per qualche motivo, l’ NCI consiglia di premere con decisione sull’area con un panno pulito e di applicare pressione fino a quando l’emorragia non si ferma. (Ecco ulteriori informazioni su come fermare esattamente un taglio dall’emorragia .) Per quanto riguarda i lividi , puoi provare ad applicare ghiaccio o un impacco freddo sull’area non appena l’hai ferito, poiché il freddo potrebbe aiutare i vasi sanguigni danneggiati a restringersi così non rilasci più sangue sotto la pelle (sì, è questo che causa un livido).

9. Dolore, formicolio e altri problemi ai nervi

Alcuni farmaci chemioterapici possono causare qualcosa di noto come neuropatia periferica. Questi sintomi si verificano quando c’è un danno ai nervi che controllano le sensazioni e i movimenti di braccia e gambe, dice l’ ACS . I segni di neuropatia periferica indotta da chemio includono dolore (questo può essere sempre presente o una sensazione lancinante o lancinante che va e viene), bruciore, formicolio, intorpidimento, problemi di equilibrio ed essere più sensibili al tatto. Queste sensazioni possono iniziare nelle dita dei piedi, ma passare alle caviglie e alle gambe o dalle dita alle mani e alle braccia.

Non esiste un modo sicuro per prevenire la neuropatia periferica indotta dalla chemio. (Il medico potrebbe essere in grado di fare alcune cose per ridurre il rischio , come somministrare dosi più piccole di chemio invece di una dose grande o somministrare la dose per un periodo di tempo più lungo. Alcune persone mettono sacchi di ghiaccio sulle mani e sui piedi mentre si assumono determinati farmaci chemioterapici.) Se lo si sviluppa, il medico può raccomandare steroidi, creme anestetizzanti, farmaci antiepilettici o, nei casi più gravi, oppioidi o narcotici, dice l’ ACS .

10. Problemi di pelle come secchezza e prurito

La chemio può danneggiare le cellule della pelle in un modo che le rende secche, osserva NCI . Inoltre, la disidratazione dovuta a problemi come vomito, diarrea e non bere abbastanza liquidi può causare secchezza, dice Saria, così come una cattiva alimentazione che può venire con cambiamenti dell’appetito. La pelle secca, a sua volta, può causare prurito e aumentare le probabilità che la pelle si screpoli, il che è un problema se hai a che fare con sanguinamento facile e globuli bianchi abbassati per combattere le infezioni.

Per cercare di ridurre le possibilità che ciò accada, cerca di assumere abbastanza liquidi e cibi sani ogni giorno e parla con il tuo medico se stai lottando con questo o con diarrea e vomito. Se la tua pelle inizia a sentirsi secca, l’ NCI consiglia di usare saponi e creme delicati, lavare con acqua tiepida (non calda), applicare una crema idratante dopo la doccia e in generale proteggere la pelle dagli elementi. Dovresti assolutamente discutere quali altre misure puoi prendere con il tuo medico, insieme a se hanno qualche consiglio per i prodotti per la cura della pelle da usare durante la chemio .

11. Cambiamenti dell’umore e del pensiero

Il cancro fa schifo e ha perfettamente senso che la chemio possa provocare alcuni cambiamenti di umore, tra cui ansia e depressione . “Questo è comune, ed è spesso dovuto alla diagnosi”, dice il dottor Jacoub, spiegando che il cancro può ovviamente farti sentire come se avessi perso il controllo sulla tua vita, il che è comprensibilmente sconvolgente. Inoltre, anche gli effetti collaterali come la fatica possono essere un fattore importante qui. Ma a volte il cancro effettivo o il suo trattamento possono avere un effetto diretto anche sulla tua cognizione. Questo è spesso chiamato ” cervello chemio ” e sebbene gli esperti non sappiano esattamente cosa causa questa nuvolosità mentale, è una cosa molto reale che accade ad alcune persone.

Se hai a che fare con problemi come ansia o depressione , è importante parlare dei tuoi sentimenti piuttosto che reprimerli, anche se questo è il tuo istinto naturale, dice il dottor Jacoub. Raccomanda di cercare gruppi di terapia presso il tuo centro oncologico per il supporto o di cercare un professionista della salute mentale per la terapia individuale. E se la chemio cerebrale è più il tuo problema, ancora una volta, lavora per sentirti a tuo agio nello spiegarlo alle persone: è un problema completamente legittimo. Puoi anche provare ad adottare tattiche come essere più organizzato di quanto avresti mai pensato possibile, evitare il multitasking e tenere traccia dei tuoi problemi di memoria o cognizione in modo da poter chiedere aiuto al tuo medico con quegli scenari specifici.

La chemioterapia è tutt’altro che facile. Ma conoscere gli effetti collaterali può rendere più facile gestirli o addirittura prevenirli in primo luogo.

È essenziale avere conversazioni regolari e oneste con il medico e il team medico sui sintomi. Il loro obiettivo è farti superare tutto questo nel modo più comodo e sano possibile e possono aiutarti solo se sanno esattamente cosa stai passando.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Capire la sindrome del vomito ciclico

10 sintomi della malattia di Crohn, dalla diarrea ad oltre