in

Emicrania e problemi gastrointestinali: esiste un collegamento?

Esiste un legame tra emicrania e problemi gastrointestinali?

Può esserci un collegamento. Nausea e vomito sono spesso associati ad attacchi di emicrania.

Nei bambini piccoli, diverse sindromi che causano sintomi gastrointestinali sono anche associate all’emicrania. Queste sindromi possono causare episodi di vomito (vomito ciclico), dolore addominale (emicrania addominale) e vertigini (vertigine parossistica benigna) e sono spesso indicate come sindromi periodiche infantili.

Sebbene queste sindromi di solito non siano accompagnate da mal di testa emicranico, sono considerate una forma di emicrania. In molti casi, le sindromi periodiche infantili evolvono in emicranie più avanti nella vita.

La ricerca ha dimostrato che le persone che soffrono regolarmente di sintomi gastrointestinali, come reflusso, diarrea, costipazione e nausea, hanno una maggiore prevalenza di mal di testa rispetto a coloro che non hanno sintomi gastrointestinali.

Questi studi suggeriscono che le persone che soffrono di frequenti mal di testa possono essere predisposte a problemi gastrointestinali. Anche le condizioni digestive, come la sindrome dell’intestino irritabile e la celiachia, possono essere collegate all’emicrania. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere queste connessioni.

Se provi nausea, vomito o diarrea con il mal di testa, parla con il tuo medico delle opzioni di trattamento. Il trattamento del mal di testa di solito allevia i sintomi gastrointestinali.

Tuttavia, in alcuni casi, può essere raccomandato un farmaco anti-nausea o anti-diarroico o l’uso di un farmaco antidolorifico non orale. Tieni presente che alcuni farmaci antidolorifici come l’aspirina, l’ibuprofene (Advil, Motrin IB, altri) e il naprossene sodico (Aleve) possono aumentare la nausea.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

10 sintomi della malattia di Crohn, dalla diarrea ad oltre

12 consigli per la preparazione della colonscopia da parte dei gastroenterologi per rendere l’intera cosa meno infernale