in

Comprensione del dolore pelvico cronico nelle donne

Il dolore pelvico cronico può essere un sintomo di un’altra malattia o una condizione a sé stante. Scopri come viene diagnosticata e trattata questa dolorosa condizione.

Panoramica

Il dolore pelvico cronico è un dolore nell’area sotto l’ombelico e tra i fianchi che dura sei mesi o più.

Il dolore pelvico cronico può avere molteplici cause. Può essere un sintomo di un’altra malattia o può essere una condizione a sé stante.

Se il dolore pelvico cronico sembra essere causato da un altro problema medico, trattare quel problema potrebbe essere sufficiente per eliminare il dolore.

Tuttavia, in molti casi non è possibile identificare una singola causa del dolore pelvico cronico. In tal caso, l’obiettivo del trattamento è ridurre il dolore e altri sintomi e migliorare la qualità della vita.

Sintomi

Quando ti viene chiesto di localizzare il tuo dolore, potresti passare la mano sull’intera area pelvica anziché indicare un singolo punto. Potresti descrivere il tuo dolore pelvico cronico in uno o più dei seguenti modi:

  • Dolore grave e costante
  • Dolore che va e viene (intermittente)
  • Dolore sordo
  • Dolori acuti o crampi
  • Pressione o pesantezza nel profondo del bacino

Inoltre, potresti riscontrare:

  • Dolore durante il rapporto
  • Dolore durante il movimento intestinale o la minzione
  • Dolore quando ti siedi per lunghi periodi di tempo

Il tuo disagio può intensificarsi dopo essere rimasto in piedi per lunghi periodi e può essere alleviato quando ti corichi. Il dolore può essere lieve e fastidioso, oppure può essere così grave che ti manca il lavoro, non riesci a dormire e non puoi fare esercizio.

Quando vedere un dottore

Con qualsiasi problema di dolore cronico, può essere difficile sapere quando dovresti andare dal medico. In generale, fissa un appuntamento con il tuo medico se il dolore pelvico disturba la tua vita quotidiana o se i tuoi sintomi sembrano peggiorare.

Cause

Il dolore pelvico cronico è una condizione complessa che può avere molteplici cause. A volte, un singolo disturbo può essere identificato come causa.

In altri casi, tuttavia, il dolore può essere il risultato di diverse condizioni mediche. Ad esempio, una donna potrebbe avere endometriosi e cistite interstiziale, che contribuiscono entrambe al dolore pelvico cronico.

Alcune cause di dolore pelvico cronico includono:

  • Endometriosi. Questa è una condizione in cui il tessuto dal rivestimento dell’utero (utero) cresce al di fuori dell’utero. Questi depositi di tessuto rispondono al tuo ciclo mestruale, proprio come fa il tuo rivestimento uterino: ispessirsi, rompersi e sanguinare ogni mese quando i livelli ormonali aumentano e diminuiscono. Poiché sta accadendo al di fuori del tuo utero, il sangue e il tessuto non possono uscire dal tuo corpo attraverso la tua vagina. Invece, rimangono nell’addome, dove possono causare cisti dolorose e bande fibrose di tessuto cicatriziale (aderenze).
  • Problemi muscoloscheletrici. Condizioni che interessano ossa, articolazioni e tessuti connettivi (sistema muscolo-scheletrico), come fibromialgia, tensione muscolare del pavimento pelvico, infiammazione dell’articolazione pubica (sinfisi pubica) o ernia, possono portare a dolori pelvici ricorrenti.
  • Malattia infiammatoria pelvica cronica. Ciò può verificarsi se un’infezione a lungo termine, spesso trasmessa sessualmente, provoca cicatrici che coinvolgono i tuoi organi pelvici.
  • Residuo ovarico. Dopo la rimozione chirurgica dell’utero, delle ovaie e delle tube di Falloppio, un piccolo pezzo di ovaia può rimanere accidentalmente all’interno e successivamente sviluppare cisti dolorose.
  • Fibromi. Queste escrescenze uterine non cancerose possono causare pressione o una sensazione di pesantezza nell’addome inferiore. Raramente causano dolore acuto a meno che non vengano privati ​​di un apporto di sangue e inizino a morire (degenerare).
  • Sindrome dell’intestino irritabile. I sintomi associati alla sindrome dell’intestino irritabile – gonfiore, costipazione o diarrea – possono essere fonte di dolore e pressione pelvica.
  • Sindrome della vescica dolorosa (cistite interstiziale). Questa condizione è associata a dolore ricorrente alla vescica e ad una frequente necessità di urinare. Potresti provare dolore pelvico mentre la vescica si riempie, che può migliorare temporaneamente dopo aver svuotato la vescica.
  • Sindrome da congestione pelvica. Alcuni medici ritengono che le vene allargate di tipo varicoso attorno all’utero e alle ovaie possano provocare dolore pelvico. Tuttavia, altri medici sono molto meno certi che la sindrome da congestione pelvica sia una causa di dolore pelvico perché la maggior parte delle donne con vene ingrossate nella pelvi non ha dolore associato.
  • Fattori psicologici. La depressione, lo stress cronico o una storia di abuso sessuale o fisico possono aumentare il rischio di dolore pelvico cronico. L’angoscia emotiva peggiora il dolore e convivere con il dolore cronico contribuisce all’angoscia emotiva. Questi due fattori spesso diventano un circolo vizioso.

Diagnosi

Capire cosa sta causando il tuo dolore pelvico cronico spesso implica un processo di eliminazione perché molti disturbi diversi possono causare dolore pelvico.

Oltre a un colloquio dettagliato sul tuo dolore, sulla tua storia clinica personale e sulla tua storia familiare, il tuo medico potrebbe chiederti di tenere un diario del tuo dolore e di altri sintomi.

I test o gli esami che il medico potrebbe suggerire includono:

  • Esame pelvico. Questo può rivelare segni di infezione, escrescenze anormali o muscoli del pavimento pelvico tesi. Il tuo medico controlla le aree di tenerezza. Informa il tuo medico se avverti disagio durante questo esame, soprattutto se il dolore è simile a quello che hai provato.
  • Test di laboratorio. Durante l’esame pelvico, il medico può ordinare ai laboratori di verificare la presenza di infezioni, come la clamidia o la gonorrea. Il medico può anche prescriverti un esame del sangue per controllare la conta delle cellule del sangue e un’analisi delle urine per verificare la presenza di un’infezione del tratto urinario.
  • Ultrasuoni. Questo test utilizza onde sonore ad alta frequenza per produrre immagini precise delle strutture all’interno del tuo corpo. Questa procedura è particolarmente utile per rilevare masse o cisti nelle ovaie, nell’utero o nelle tube di Falloppio.
  • Altri test di imaging. Il medico può raccomandare radiografie addominali, scansioni di tomografia computerizzata (TC) o risonanza magnetica per immagini (MRI) per aiutare a rilevare strutture o escrescenze anormali.
  • Laparoscopia. Durante questa procedura chirurgica, il medico esegue una piccola incisione nell’addome e inserisce un tubo sottile collegato a una piccola telecamera (laparoscopio). Il laparoscopio consente al medico di visualizzare gli organi pelvici e verificare la presenza di tessuti anormali o segni di infezione. Questa procedura è particolarmente utile per rilevare l’endometriosi e la malattia infiammatoria pelvica cronica.

Trovare la causa alla base del dolore pelvico cronico può essere un processo lungo e, in alcuni casi, una spiegazione chiara potrebbe non essere mai trovata.

Con pazienza e comunicazione aperta, tuttavia, tu e il tuo medico potete sviluppare un piano di trattamento che vi aiuti a vivere una vita piena con il minimo disagio.

Trattamento

L’obiettivo del trattamento è ridurre i sintomi e migliorare la qualità della vita.

Se il medico può individuare una causa specifica, il trattamento si concentrerà su quella causa. Tuttavia, se non è possibile identificare una causa, il trattamento si concentrerà sulla gestione del dolore e di altri sintomi. Per molte donne, l’approccio ottimale prevede una combinazione di trattamenti.

Farmaci

A seconda della causa, il medico può raccomandare una serie di farmaci per trattare la tua condizione, come:

  • Antidolorifici. Rimedi antidolorifici da banco, come l’aspirina, l’ibuprofene (Advil, Motrin IB, altri) o il paracetamolo (Tylenol, altri), possono fornire un parziale sollievo dal dolore pelvico. A volte può essere necessario un analgesico su prescrizione. I soli farmaci antidolorifici, tuttavia, raramente risolvono il problema del dolore cronico.
  • Trattamenti ormonali. Alcune donne scoprono che i giorni in cui hanno dolore pelvico possono coincidere con una particolare fase del loro ciclo mestruale e con i cambiamenti ormonali che controllano l’ovulazione e le mestruazioni. In questo caso, le pillole anticoncezionali o altri farmaci ormonali possono aiutare ad alleviare il dolore pelvico.
  • Antibiotici. Se la causa del dolore è un’infezione, il medico potrebbe prescriverle degli antibiotici.
  • Antidepressivi. Alcuni tipi di antidepressivi possono essere utili per il dolore cronico. Gli antidepressivi triciclici, come l’amitriptilina, la nortriptilina (Pamelor) e altri, sembrano avere effetti antidolorifici e antidepressivi. Possono aiutare a migliorare il dolore pelvico cronico anche nelle donne che non soffrono di depressione.

Altre terapie

Il medico può raccomandare terapie o procedure specifiche come parte del trattamento per il dolore pelvico cronico. Questi possono includere:

  • Fisioterapia. Esercizi di stretching, massaggi e altre tecniche di rilassamento possono migliorare il dolore pelvico cronico. Un fisioterapista può assisterti con queste terapie e aiutarti a sviluppare strategie per affrontare il dolore. A volte i fisioterapisti prendono di mira specifici punti di dolore utilizzando uno strumento medico chiamato stimolazione elettrica transcutanea del nervo (TENS). La TENS fornisce impulsi elettrici alle vie nervose vicine. I fisioterapisti possono anche utilizzare una tecnica psicologica chiamata biofeedback, che ti aiuta a identificare le aree di muscoli tesi in modo da poter imparare a rilassare quelle aree.
  • Neurostimolazione (stimolazione del midollo spinale). Questo trattamento prevede l’impianto di un dispositivo che blocca le vie nervose in modo che il segnale del dolore non possa raggiungere il cervello. Può essere utile, a seconda della causa del dolore pelvico.
  • Iniezioni di punti trigger. Se il medico rileva punti specifici in cui provi dolore, potresti trarre beneficio dall’iniezione di un medicinale paralizzante in quei punti dolorosi (punti trigger). Il medicinale, di solito un anestetico locale a lunga durata d’azione, può bloccare il dolore e alleviare il disagio.
  • Psicoterapia. Se il tuo dolore può essere intrecciato con la depressione, l’abuso sessuale, un disturbo della personalità, un matrimonio travagliato o una crisi familiare, potresti trovare utile parlare con uno psicologo o uno psichiatra. Esistono diversi tipi di psicoterapia, come la terapia cognitivo comportamentale e il biofeedback. Indipendentemente dalla causa alla base del tuo dolore, la psicoterapia può aiutarti a sviluppare strategie per affrontare il dolore.

Chirurgia

Per correggere un problema sottostante che causa dolore pelvico cronico, il medico può raccomandare una procedura chirurgica, come ad esempio:

  • Chirurgia laparoscopica. In caso di endometriosi, i medici possono rimuovere le aderenze o il tessuto endometriale utilizzando la chirurgia laparoscopica. Durante la chirurgia laparoscopica, il chirurgo inserisce uno strumento di visualizzazione sottile (laparoscopio) attraverso una piccola incisione vicino all’ombelico e inserisce strumenti per rimuovere il tessuto endometriale attraverso una o più piccole incisioni aggiuntive.
  • Isterectomia. In rari casi complicati, i medici possono raccomandare la rimozione dell’utero (isterectomia), delle tube di Falloppio (salpingectomia) o delle ovaie (ovariectomia). Ci sono importanti conseguenze per la salute nell’avere questa procedura. Il medico discuterà in dettaglio i benefici e i rischi prima di raccomandare questa opzione.

Programmi di riabilitazione dal dolore

Potrebbe essere necessario provare una combinazione di approcci terapeutici prima di trovare ciò che funziona meglio per te. Se appropriato, potresti prendere in considerazione l’idea di entrare in un programma di riabilitazione dal dolore.

Agopuntura

Prove limitate suggeriscono che l’agopuntura può essere utile per alcune cause di dolore pelvico.

Durante il trattamento di agopuntura, un medico inserisce piccoli aghi nella pelle in punti precisi. Il sollievo dal dolore può derivare dal rilascio di endorfine, gli antidolorifici naturali del tuo corpo, ma questa è solo una delle tante teorie su come funziona l’agopuntura. L’agopuntura è generalmente considerata un trattamento sicuro.

Parla con il tuo medico se stai pensando di provare una terapia complementare o alternativa.

Prepararsi per un appuntamento

È probabile che inizi vedendo il tuo medico di famiglia o un medico specializzato in condizioni che interessano il tratto riproduttivo femminile (ginecologo).

A seconda della causa sospetta del tuo dolore, lui o lei può indirizzarti a uno specialista del sistema digerente (gastroenterologo), uno specialista urinario e ginecologico (uroginecologo) o uno specialista in dolori muscoloscheletrici (fisiatra o fisioterapista).

Cosa puoi fare

Per preparare il tuo appuntamento:

  • Fai un elenco di tutti i segni e sintomi che stai riscontrando. Includere quelli che potrebbero sembrare estranei al motivo dell’appuntamento.
  • Prendi nota delle informazioni mediche chiave. Includere eventuali stress importanti o recenti cambiamenti di vita.
  • Fai un elenco di tutti i farmaci e delle dosi. Includere farmaci, vitamine o altri integratori su prescrizione e senza ricetta medica che stai assumendo.
  • Considera l’idea di portare con te un familiare o un amico. A volte può essere difficile ricordare tutte le informazioni fornite durante un appuntamento. Qualcuno che viene con te potrebbe ricordare qualcosa che ti sei perso o dimenticato.
  • Prepara le domande. Il tuo tempo con il tuo medico è limitato, quindi preparare un elenco di domande può aiutarti a sfruttare al meglio il tuo tempo insieme.

Alcune domande fondamentali da porre al medico includono:

  • Quali sono le possibili cause dei miei sintomi o della mia condizione?
  • Quali test mi consigliate?
  • Se questi test non individuano la causa dei miei sintomi, quali test aggiuntivi potrebbero essere necessari?
  • Quale approccio consiglieresti se non riusciamo a individuare una causa sottostante?
  • Quali tipi di trattamenti hanno maggiori probabilità di migliorare i miei sintomi?
  • Quanto tempo avrò bisogno di essere trattato?
  • Quanto tempo ci vorrà per sentirmi meglio?
  • Ci sono restrizioni che devo seguire?
  • Dovrei vedere uno specialista?
  • Esiste un’alternativa generica al medicinale che stai prescrivendo?
  • Ci sono opuscoli o altro materiale stampato che posso avere? Quali siti web consigliate?

Oltre alle domande che hai preparato in anticipo, non esitare a fare domande durante il tuo appuntamento in qualsiasi momento in cui non capisci qualcosa.

Cosa aspettarsi dal proprio medico

Il tuo medico probabilmente ti farà una serie di domande. Essere pronti a rispondere potrebbe lasciare più tempo per esaminare i punti che desideri chiarire. Il medico potrebbe chiedere:

  • Quando hai iniziato a provare dolore pelvico per la prima volta?
  • Il tuo dolore è cambiato o si è diffuso nel tempo?
  • Quanto spesso soffri di dolore pelvico?
  • Quanto è grave il tuo dolore e quanto dura?
  • Dove si trova il tuo dolore? Si verifica sempre in un posto?
  • Come descriveresti il ​​tuo dolore?
  • Il tuo dolore arriva a ondate o è costante?
  • Senti dolore durante la minzione o un movimento intestinale?
  • Il tuo ciclo mestruale influisce sul dolore?
  • C’è qualcosa che migliora o peggiora il tuo dolore?
  • Il tuo dolore limita la tua capacità di funzionare?
  • Di recente ti sei sentito giù, depresso o senza speranza?
  • Hai mai subito un intervento chirurgico pelvico?
  • Sei mai stata incinta?
  • Sei mai stato trattato per un’infezione del tratto urinario o vaginale?
  • Sei mai stato toccato contro la tua volontà?
  • Quali trattamenti hai provato finora per questa condizione? Come hanno funzionato?
  • Sei attualmente in cura o sei stato recentemente trattato per altre condizioni mediche?

Stile di vita e rimedi casalinghi

Il dolore cronico può avere un impatto importante sulla tua vita quotidiana. Quando provi dolore, potresti avere problemi a dormire, fare esercizio o svolgere attività fisiche.

Il dolore cronico può anche causare ansia e stress, che a loro volta possono peggiorare il dolore.

Le tecniche di rilassamento possono aiutare a rilasciare la tensione, ridurre il dolore, calmare le emozioni e indurre il sonno. Molte tecniche possono essere apprese da soli, come la meditazione e la respirazione profonda.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Capire l’endometriosi

Questo è ciò che lo sforzo di fare la cacca in realtà fa al tuo sedere