in

Capire l’endometriosi

Endometriosi: scopri cos’è l’endometriosi e i possibili trattamenti per questa condizione che può causare dolore e possibile infertilità nelle donne.

Panoramica

L’endometriosi (en-doe-me-tree-O-sis) è un disturbo spesso doloroso in cui il tessuto che normalmente riveste l’interno dell’utero, l’endometrio, cresce all’esterno dell’utero. L’endometriosi coinvolge più comunemente le ovaie, le tube di Falloppio e il tessuto che riveste il bacino. Raramente, il tessuto endometriale può diffondersi oltre gli organi pelvici.

Con l’endometriosi, il tessuto endometriale spostato continua ad agire normalmente: si ispessisce, si rompe e sanguina ad ogni ciclo mestruale. Poiché questo tessuto spostato non ha modo di uscire dal corpo, rimane intrappolato. Quando l’endometriosi coinvolge le ovaie, possono formarsi cisti chiamate endometriomi. Il tessuto circostante può irritarsi, sviluppando alla fine tessuto cicatriziale e aderenze: bande anormali di tessuto fibroso che possono far aderire i tessuti e gli organi pelvici.

L’endometriosi può causare dolore, a volte grave, soprattutto durante il ciclo. Possono svilupparsi anche problemi di fertilità. Fortunatamente, sono disponibili trattamenti efficaci.

Sintomi

Il sintomo principale dell’endometriosi è il dolore pelvico, spesso associato al ciclo mestruale. Sebbene molte donne soffrano di crampi durante il loro periodo mestruale, le donne con endometriosi descrivono tipicamente un dolore mestruale che è di gran lunga peggiore del solito. Tendono anche a segnalare che il dolore aumenta nel tempo.

Segni e sintomi comuni dell’endometriosi possono includere:

  • Periodi dolorosi (dismenorrea). Dolore pelvico e crampi possono iniziare prima del ciclo e prolungarsi per diversi giorni nel ciclo. Potresti anche avere dolori lombari e addominali.
  • Dolore durante il rapporto. Il dolore durante o dopo il sesso è comune con l’endometriosi.
  • Dolore con movimenti intestinali o minzione. È molto probabile che tu manifesti questi sintomi durante il ciclo.
  • Sanguinamento eccessivo. Potrebbero verificarsi occasionali periodi pesanti (menorragia) o sanguinamento tra i periodi (menometrorragia).
  • Infertilità. L’endometriosi viene diagnosticata per la prima volta in alcune donne che cercano un trattamento per l’infertilità.
  • Altri sintomi. Potresti anche provare affaticamento, diarrea, costipazione, gonfiore o nausea, specialmente durante i periodi mestruali.

La gravità del dolore non è necessariamente un indicatore affidabile dell’entità della condizione. Alcune donne con endometriosi lieve hanno dolore intenso, mentre altre con endometriosi avanzata possono avere poco dolore o addirittura nessun dolore.

L’endometriosi viene talvolta scambiata per altre condizioni che possono causare dolore pelvico, come la malattia infiammatoria pelvica (PID) o le cisti ovariche. Può essere confuso con la sindrome dell’intestino irritabile (IBS), una condizione che causa attacchi di diarrea, costipazione e crampi addominali. L’IBS può accompagnare l’endometriosi, che può complicare la diagnosi.

Quando vedere un dottore

Rivolgiti al medico se hai segni e sintomi che possono indicare l’endometriosi.

L’endometriosi può essere una condizione difficile da gestire. Una diagnosi precoce, un team medico multidisciplinare e una comprensione della diagnosi possono portare a una migliore gestione dei sintomi.

Cause

Sebbene la causa esatta dell’endometriosi non sia certa, le possibili spiegazioni includono:

  • Mestruazioni retrograde. Durante le mestruazioni retrograde, il sangue mestruale contenente cellule endometriali scorre indietro attraverso le tube di Falloppio e nella cavità pelvica invece che fuori dal corpo. Queste cellule endometriali spostate si attaccano alle pareti pelviche e alle superfici degli organi pelvici, dove crescono e continuano ad ispessirsi e sanguinare nel corso di ogni ciclo mestruale.
  • Trasformazione delle cellule peritoneali. Nella cosiddetta “teoria dell’induzione”, gli esperti propongono che gli ormoni oi fattori immunitari promuovano la trasformazione delle cellule peritoneali – cellule che rivestono il lato interno dell’addome – in cellule endometriali.
  • Trasformazione delle cellule embrionali. Ormoni come gli estrogeni possono trasformare le cellule embrionali – cellule nelle prime fasi di sviluppo – in impianti di cellule endometriali durante la pubertà.
  • Impianto di cicatrici chirurgiche. Dopo un intervento chirurgico, come un’isterectomia o un taglio cesareo, le cellule endometriali possono attaccarsi a un’incisione chirurgica.
  • Trasporto di cellule endometriali. I vasi sanguigni o il sistema del fluido tissutale (linfatico) possono trasportare le cellule endometriali ad altre parti del corpo.
  • Disturbo del sistema immunitario. È possibile che un problema con il sistema immunitario possa rendere il corpo incapace di riconoscere e distruggere il tessuto endometriale che cresce al di fuori dell’utero.

Fattori di rischio

Diversi fattori ti mettono a maggior rischio di sviluppare endometriosi, come ad esempio:

  • Non partorire mai
  • Iniziare il ciclo in tenera età
  • Andare in menopausa in età avanzata
  • Cicli mestruali brevi, ad esempio meno di 27 giorni
  • Avere livelli più elevati di estrogeni nel corpo o una maggiore esposizione per tutta la vita agli estrogeni prodotti dal corpo
  • Indice di massa corporea basso
  • Consumo di alcool
  • Uno o più parenti (madre, zia o sorella) con endometriosi
  • Qualsiasi condizione medica che impedisce il normale passaggio del flusso mestruale fuori dal corpo
  • Anomalie uterine

L’endometriosi di solito si sviluppa diversi anni dopo l’inizio delle mestruazioni (menarca). Segni e sintomi dell’endometriosi terminano temporaneamente con la gravidanza e terminano definitivamente con la menopausa, a meno che tu non stia prendendo estrogeni.

Complicazioni

Infertilità

La principale complicanza dell’endometriosi è la ridotta fertilità. Circa un terzo o la metà delle donne con endometriosi ha difficoltà a rimanere incinta.

Affinché si verifichi una gravidanza, un ovulo deve essere rilasciato da un’ovaia, viaggiare attraverso la vicina tuba di Falloppio, essere fecondato da uno spermatozoo e attaccarsi alla parete uterina per iniziare lo sviluppo. L’endometriosi può ostruire il tubo e impedire l’unione dell’uovo e dello sperma. Ma la condizione sembra anche influenzare la fertilità in modi meno diretti, come il danno allo sperma o all’uovo.

Anche così, molte donne con endometriosi da lieve a moderata possono ancora concepire e portare a termine una gravidanza. A volte i medici consigliano alle donne con endometriosi di non ritardare la nascita dei figli perché la condizione può peggiorare nel tempo.

Cancro ovarico

Il cancro ovarico si verifica a tassi più alti del previsto nelle donne con endometriosi. Ma il rischio complessivo di cancro ovarico per tutta la vita è basso all’inizio. Alcuni studi suggeriscono che l’endometriosi aumenta tale rischio, ma è ancora relativamente basso. Sebbene raro, un altro tipo di cancro – l’adenocarcinoma associato all’endometriosi – può svilupparsi più tardi nella vita nelle donne che hanno avuto l’endometriosi.

Diagnosi

Per diagnosticare l’endometriosi e altre condizioni che possono causare dolore pelvico, il medico ti chiederà di descrivere i sintomi, inclusa la posizione del dolore e quando si verifica.

I test per verificare la presenza di indizi fisici di endometriosi includono:

  • Esame pelvico. Durante un esame pelvico, il medico rileva manualmente (palpa) le aree del bacino alla ricerca di anomalie, come cisti sugli organi riproduttivi o cicatrici dietro l’utero. Spesso non è possibile sentire piccole aree di endometriosi, a meno che non abbiano causato la formazione di una cisti.
  • Ultrasuoni. Questo test utilizza onde sonore ad alta frequenza per creare immagini dell’interno del tuo corpo. Per acquisire le immagini, un dispositivo chiamato trasduttore viene premuto contro l’addome o inserito nella vagina (ecografia transvaginale). Entrambi i tipi di ecografia possono essere eseguiti per ottenere la migliore visualizzazione degli organi riproduttivi. L’ecografia non dirà in modo definitivo al medico se si soffre di endometriosi, ma può identificare le cisti associate all’endometriosi (endometriomi).
  • Laparoscopia. La gestione medica viene solitamente tentata per prima. Ma per essere certo di avere l’endometriosi, il medico può indirizzarti a un chirurgo per guardare all’interno dell’addome alla ricerca di segni di endometriosi usando una procedura chirurgica chiamata laparoscopia.Mentre sei in anestesia generale, il chirurgo esegue una piccola incisione vicino all’ombelico e inserisce uno strumento di visualizzazione sottile (laparoscopio), cercando il tessuto endometriale all’esterno dell’utero. Lui o lei può prelevare campioni di tessuto (biopsia). La laparoscopia può fornire informazioni sulla posizione, l’estensione e le dimensioni degli impianti endometriali per aiutare a determinare le migliori opzioni di trattamento.

Trattamento

Il trattamento per l’endometriosi è di solito con farmaci o interventi chirurgici. L’approccio scelto da te e dal tuo medico dipenderà dalla gravità dei tuoi segni e sintomi e dalla tua speranza di rimanere incinta.

In generale, i medici raccomandano di provare prima gli approcci di trattamento conservativo, optando per la chirurgia come ultima risorsa.

Farmaci antidolorifici

Il medico può raccomandare di prendere un analgesico da banco, come i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) ibuprofene (Advil, Motrin IB, altri) o naprossene (Aleve, altri), per alleviare i dolorosi crampi mestruali .

Se ritieni che l’assunzione della dose massima di questi farmaci non dia un sollievo completo, potresti dover provare un altro approccio per gestire i tuoi segni e sintomi.

Terapia ormonale

Gli ormoni supplementari sono talvolta efficaci nel ridurre o eliminare il dolore dell’endometriosi. L’aumento e la caduta degli ormoni durante il ciclo mestruale provoca l’ispessimento, la rottura e il sanguinamento degli impianti endometriali. I farmaci ormonali possono rallentare la crescita del tessuto endometriale e prevenire nuovi impianti di tessuto endometriale.

La terapia ormonale non è una soluzione permanente per l’endometriosi. Si potrebbe verificare un ritorno dei sintomi dopo aver interrotto il trattamento.

Le terapie usate per trattare l’endometriosi includono:

  • Contraccettivi ormonali. Pillole anticoncezionali, cerotti e anelli vaginali aiutano a controllare gli ormoni responsabili dell’accumulo di tessuto endometriale ogni mese. La maggior parte delle donne ha un flusso mestruale più leggero e più breve quando usa un contraccettivo ormonale. L’uso di contraccettivi ormonali, specialmente i regimi a ciclo continuo, può ridurre o eliminare il dolore dell’endometriosi da lieve a moderata.
  • Agonisti e antagonisti dell’ormone di rilascio della gonadotropina (Gn-RH). Questi farmaci bloccano la produzione di ormoni stimolanti le ovaie, abbassando i livelli di estrogeni e prevenendo le mestruazioni. Ciò provoca il restringimento del tessuto endometriale. Poiché questi farmaci creano una menopausa artificiale, l’assunzione di una bassa dose di estrogeni o progestinici insieme a Gn-RH agonisti e antagonisti può ridurre gli effetti collaterali della menopausa, come vampate di calore, secchezza vaginale e perdita ossea. Il ciclo e la capacità di rimanere incinta tornano quando interrompi l’assunzione del farmaco.
  • Terapia progestinica. Un contraccettivo a base di solo progestinico, come un dispositivo intrauterino (Mirena), un impianto contraccettivo o un’iniezione contraccettiva (Depo-Provera), può arrestare i periodi mestruali e la crescita degli impianti endometriali, che possono alleviare i segni e i sintomi dell’endometriosi.
  • Danazol. Questo farmaco sopprime la crescita dell’endometrio bloccando la produzione di ormoni stimolanti le ovaie, prevenendo le mestruazioni e i sintomi dell’endometriosi. Tuttavia, il danazolo potrebbe non essere la prima scelta perché può causare gravi effetti collaterali e può essere dannoso per il bambino se rimani incinta durante l’assunzione di questo farmaco.

Chirurgia conservativa

Se hai l’endometriosi e stai cercando di rimanere incinta, un intervento chirurgico per rimuovere quanta più endometriosi possibile preservando l’utero e le ovaie (chirurgia conservativa) può aumentare le tue possibilità di successo. Se soffri di un forte dolore dovuto all’endometriosi, potresti anche trarre beneficio dalla chirurgia, tuttavia l’endometriosi e il dolore possono ripresentarsi.

Il medico può eseguire questa procedura per via laparoscopica o attraverso la tradizionale chirurgia addominale nei casi più estesi. Nella chirurgia laparoscopica, il chirurgo inserisce uno strumento di visualizzazione sottile (laparoscopio) attraverso una piccola incisione vicino all’ombelico e inserisce strumenti per rimuovere il tessuto endometriale attraverso un’altra piccola incisione.

Tecnologie di riproduzione assistita

Le tecnologie di riproduzione assistita, come la fecondazione in vitro, per aiutarti a rimanere incinta a volte sono preferibili alla chirurgia conservativa. I medici spesso suggeriscono uno di questi approcci se la chirurgia conservativa non funziona.

Isterectomia

Nei casi gravi di endometriosi, la chirurgia per rimuovere l’utero e la cervice (isterectomia totale) così come entrambe le ovaie può essere il trattamento migliore. La sola isterectomia non è efficace: gli estrogeni prodotti dalle ovaie possono stimolare l’eventuale endometriosi residua e causare la persistenza del dolore. L’isterectomia è generalmente considerata l’ultima risorsa, soprattutto per le donne ancora in età riproduttiva. Non puoi rimanere incinta dopo un’isterectomia.

Trovare un medico con cui ti senti a tuo agio è fondamentale nella gestione e nel trattamento dell’endometriosi. Potresti anche voler ottenere una seconda opinione prima di iniziare qualsiasi trattamento per essere sicuro di conoscere tutte le tue opzioni e i possibili risultati.

Medicina alternativa

Alcune donne riferiscono un sollievo dal dolore dell’endometriosi dopo il trattamento di agopuntura. Tuttavia, la ricerca è scarsa su questo o qualsiasi altro trattamento alternativo per l’endometriosi. Se sei interessato a continuare questa terapia nella speranza che possa aiutarti, chiedi al tuo medico di consigliarti un agopuntore rispettabile. Verificare con la propria compagnia di assicurazioni per vedere se la spesa sarà coperta.

Prepararsi per un appuntamento

Il tuo primo appuntamento sarà probabilmente con il tuo medico di base o con un ginecologo. Se stai cercando un trattamento per l’infertilità, potresti essere indirizzato a un medico specializzato in ormoni riproduttivi e ottimizzazione della fertilità (endocrinologo riproduttivo).

Poiché gli appuntamenti possono essere brevi e può essere difficile ricordare tutto ciò di cui si desidera discutere, è una buona idea prepararsi in anticipo.

Cosa puoi fare

  • Fai un elenco di tutti i sintomi che stai riscontrando. Includi tutti i tuoi sintomi, anche se non pensi che siano correlati.
  • Fai un elenco di farmaci, erbe o integratori vitaminici che prendi. Includere quanto spesso li prendi e le dosi.
  • Se possibile, fatti accompagnare da un familiare o da un amico intimo. Potresti ricevere molte informazioni durante la tua visita e può essere difficile ricordare tutto.
  • Porta con te un blocco note o un dispositivo elettronico. Usalo per prendere appunti di informazioni importanti durante la tua visita.
  • Prepara un elenco di domande da porre al tuo medico. Elenca prima le tue domande più importanti, per assicurarti di affrontare questi punti.

Per l’endometriosi, alcune domande fondamentali da porre al medico includono:

  • Come viene diagnosticata l’endometriosi?
  • Quali farmaci sono disponibili per il trattamento dell’endometriosi? C’è un farmaco che può migliorare i miei sintomi?
  • Quali effetti collaterali posso aspettarmi dall’uso di farmaci?
  • In quali circostanze consigli un intervento chirurgico?
  • Prenderò un farmaco prima o dopo l’intervento chirurgico?
  • L’endometriosi influirà sulla mia capacità di rimanere incinta?
  • Il trattamento dell’endometriosi può migliorare la mia fertilità?
  • Potete consigliarmi dei trattamenti alternativi che potrei provare?

Assicurati di aver compreso tutto ciò che ti dice il tuo medico. Non esitate a chiedere al vostro medico di ripetere le informazioni o di porre domande di follow-up per chiarimenti.

Cosa aspettarsi dal proprio medico

Alcune potenziali domande che il tuo medico potrebbe chiedere includono:

  • Con che frequenza si verificano questi sintomi?
  • Da quanto tempo hai questi sintomi?
  • Quanto sono gravi i tuoi sintomi?
  • I tuoi sintomi sembrano essere correlati al tuo ciclo mestruale?
  • Qualcosa migliora i tuoi sintomi?
  • Qualcosa peggiora i tuoi sintomi?

Stile di vita e rimedi casalinghi

Se il dolore persiste o se trovare un trattamento che funzioni richiede un po ‘di tempo, puoi provare misure a casa per alleviare il disagio.

  • Bagni caldi e una piastra elettrica possono aiutare a rilassare i muscoli pelvici, riducendo crampi e dolore.
  • I farmaci antinfiammatori non steroidei da banco (FANS), come l’ibuprofene (Advil, Motrin IB, altri) o il naprossene (Aleve, altri), possono aiutare ad alleviare i dolorosi crampi mestruali.
  • L’esercizio fisico regolare può aiutare a migliorare i sintomi.

Affrontare e sostenere

Se hai a che fare con l’endometriosi o le sue complicanze, potresti prendere in considerazione l’idea di unirti a un gruppo di supporto per donne con problemi di endometriosi o fertilità. A volte aiuta semplicemente parlare con altre donne che possono riguardare i tuoi sentimenti e le tue esperienze. Se non riesci a trovare un gruppo di supporto nella tua comunità, cercane uno su Internet.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Come capire se la tua legittimità dell’appendice potrebbe esplodere o se è solo un brutto mal di stomaco

Comprensione del dolore pelvico cronico nelle donne