in

La rimozione della cistifellea è sorprendentemente comune: ecco cosa aspettarsi prima, durante e dopo

La procedura è in realtà piuttosto semplice.

Se dovessi classificare i tuoi organi in ordine di importanza, la tua povera cistifellea sarebbe da qualche parte vicino al fondo, fissando il tuo cuore e i tuoi polmoni con gelosia. Non hai davvero bisogno della tua cistifellea ea volte può persino causare problemi di salute che richiedono la rimozione del tutto. Fortunatamente, la procedura è generalmente piuttosto semplice. Ecco cosa devi sapere.

La tua cistifellea è un organo a forma di pera che si trova sotto il fegato sul lato destro dell’addome, appena sotto le costole.

Questo organo aiuta il corpo a digerire il grasso e immagazzina la bile, un fluido prodotto dal fegato per aiutare la digestione. Ma se non hai la tua cistifellea, la bile passa direttamente dal fegato all’intestino senza problemi, dice a SELF Rudolph Bedford, MD, gastroenterologo presso il Providence Saint John’s Health Center di Santa Monica, in California. Non è necessario per il processo. Ecco perché, se la tua cistifellea causa problemi, i medici in genere scelgono di rimuoverla.

Perché , ti starai chiedendo, dovrei vivere senza la mia cistifellea in primo luogo? Inserisci: calcoli biliari. Questi frammenti induriti di liquido digestivo possono formarsi nella tua cistifellea e, se sei fortunato, non causeranno alcun sintomo. Ma a volte possono rimanere bloccati nel condotto tra la cistifellea e l’intestino tenue. Questo è noto come un attacco alla cistifellea ed è incredibilmente doloroso, dice a SELF Kyle Staller, MD, MPH, un gastroenterologo presso il Massachusetts General Hospital.

Oltre a un intenso dolore all’addome, al petto, tra le scapole e alla spalla destra, un attacco di cistifellea può anche causare sintomi come nausea e vomito, secondo la Mayo Clinic . Se non tratti il ​​tuo attacco di cistifellea, i sintomi possono peggiorare in dolore addominale così intenso che non puoi stare fermo, ittero, febbre, brividi, pipì che sembra tè e cacca che è anormalmente leggera, secondo l’ Istituto Nazionale di diabete e malattie digestive e renali .

I calcoli che iniziano nella cistifellea possono anche influenzare il pancreas se bloccano il condotto tra questi due organi. Questo può portare a un’infiammazione del pancreas nota come pancreatite da calcoli biliari. Insieme ai sintomi di cui sopra, la pancreatite da calcoli biliari può causare dolore acuto e schiacciante nell’addome in alto a sinistra o nella schiena .

Avere uno di questi episodi aumenta notevolmente le probabilità che ne avrai un altro, Diya Alaedeen, MD, un chirurgo generale presso la Cleveland Clinic specializzato nella rimozione dei calcoli biliari oltre ad altri problemi di salute addominale, dice a SELF. Ottenere calcoli biliari può persino aumentare le possibilità di sviluppare il cancro dei calcoli biliari (per fortuna, questo è molto raro, con solo 4.000 nuove diagnosi ogni anno negli Stati Uniti).

In definitiva, la maggior parte dei medici di solito consiglia a qualcuno che ha calcoli biliari sintomatici di rimuovere l’organo per prevenire problemi futuri.

Se hai sintomi strani, il medico utilizzerà una varietà di metodi per vedere cosa succede con la tua cistifellea, quindi procederà all’intervento se necessario.

Il medico in genere vorrà eseguire un esame fisico, test di laboratorio e un’ecografia o un altro tipo di test di imaging dell’addome. Stanno cercando di vedere se la tua cistifellea o il pancreas sono infiammati e se possono rilevare i calcoli biliari reali, secondo il NIDDK. “Avere una cistifellea infiammata di solito attiverà un chirurgo a raccomandare che venga rimosso”, dice il dottor Bedford. Se soffre di pancreatite da calcoli biliari, il medico può attendere alcuni giorni affinché l’infiammazione del pancreas si attenui prima di rimuovere la cistifellea.

Conosciuta come colecistectomia, questa procedura è uno degli interventi chirurgici più comunemente eseguiti negli Stati Uniti . “Per quanto riguarda gli interventi chirurgici, tende ad essere più semplice”, afferma il dott. Staller.

Il tuo medico ti consiglierà di evitare di mangiare o bere dopo la mezzanotte della notte prima della procedura, dice il dottor Alaedeen. Questo perché sarai sottoposto ad anestesia generale, il che è fantastico perché dovresti essere completamente addormentato e non sentire alcun dolore. Non avere nulla nel tuo sistema riduce le possibilità di polmonite da aspirazione, cioè cibo o liquidi che entrano accidentalmente nei tuoi polmoni invece che nel tuo sistema digestivo.

I medici possono rimuovere la tua cistifellea in due modi e il tuo recupero dipende da quale scelgono.

Le colecistectomie laparoscopiche sono più comuni, secondo la US National Library of Medicine . Il medico eseguirà alcune piccole incisioni nell’addome e utilizzerà un laparoscopio (che è fondamentalmente un piccolo telescopio con una fotocamera) per vedere un primo piano di ciò che sta accadendo all’interno del tuo corpo. Quindi rimuovono la tua cistifellea attraverso quelle piccole incisioni. La maggior parte delle persone che subiscono una colecistectomia laparoscopica vengono dimesse lo stesso giorno e possono riprendere la normale attività fisica dopo una settimana, secondo il NIDDK.

Naturalmente, non tornerai immediatamente alla normalità: potresti avvertire sintomi come dolore residuo, mal di gola dal tubo di respirazione, nausea o vomito e arrossamento o lividi intorno alle ferite, secondo la Biblioteca Nazionale di Medicina degli Stati Uniti . A seconda del modo in cui il chirurgo ha chiuso le incisioni, potrebbe essere necessario coprire le ferite prima di fare la doccia: assicurati di ricevere istruzioni specifiche da loro. Nel complesso, il recupero completo richiede da una a tre settimane.

Più raramente, i medici eseguiranno una colecistectomia aperta, che comporta la rimozione dell’organo attraverso un’incisione addominale più grande. I chirurghi in genere lo riservano per i momenti in cui la cistifellea di una persona è troppo infiammata o infetta per essere rimossa tramite piccole incisioni. È una procedura più invasiva e può richiedere una degenza ospedaliera di circa una settimana, oltre a trattenere la normale attività fisica per un mese successivo, secondo la Biblioteca nazionale di medicina degli Stati Uniti. Oltre ai sintomi di guarigione di una rimozione laparoscopica della cistifellea, potresti avere dolore intorno all’incisione e vedere del liquido sanguinante acquoso o scuro fuoriuscire da esso – è tutto normale. Così è il tuo medico che lascia eventuali tubi di drenaggio dentro di te per aiutarti a rimuovere fluidi e sangue durante la guarigione. Il tuo medico ti darà indicazioni su come prenderti cura di quelli e in genere li rimuoverai da due a quattro settimane dopo l’intervento. Il recupero completo richiederà dalle quattro alle otto settimane.

La maggior parte delle persone non subisce alcun cambiamento digestivo dopo la rimozione della cistifellea, ma c’è la possibilità che tu possa notare di avere un po ‘di diarrea per un po’. Dal momento che il tuo corpo non ha più un luogo di stoccaggio per la bile, può essere difficile per il tuo corpo assorbire quel fluido in eccesso, che è acido e rende le tue feci più acquose, dice il dottor Staller. Nel tempo, il tuo corpo impara a produrre meno bile e le tue abitudini intestinali dovrebbero fortunatamente tornare alla normalità man mano che il tuo corpo si adatta a un MO senza cistifellea

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Perché ho deciso di rivelare la mia malattia di Crohn sui social media

Internet è ossessionato dall’idea di mangiare cialde di detersivo, ma OMG no