in

Cosa sapere sulla dieta BRAT

Le persone a volte usano la dieta BRAT per curare la diarrea, l’influenza dello stomaco e altri tipi di malattie dello stomaco. Tuttavia, questa dieta comporta diversi rischi, tra cui carenze nutrizionali e caloriche. Di conseguenza, molte organizzazioni sanitarie non lo raccomandano più come opzione di trattamento per la diarrea o altri problemi di stomaco.

Gli alimenti nella dieta BRAT sono a basso contenuto di proteine, grassi e fibre, il che li rende facili da digerire per la maggior parte delle persone.

In questo articolo, esaminiamo i vantaggi e i rischi della dieta BRAT. Discutiamo anche di modi meno rischiosi per trattare la diarrea .

Qual è la dieta BRAT?

Il termine “BRAT” è un acronimo per gli alimenti nella dieta, che sono:

  • B ananas
  • R ghiaccio
  • Una salsa di peperoncino
  • T oast

La teoria alla base della dieta BRAT è che consumando solo cibi insipidi e facili da digerire, le persone possono ridurre i sintomi di una malattia allo stomaco. Questi sintomi includono tipicamente nausea, diarrea e vomito.

I fautori credono anche che questi alimenti favoriscano un rapido recupero da una malattia allo stomaco.

Tuttavia, i medici non raccomandano più questa dieta perché il suo profilo nutrizionale è limitato e potrebbe non supportare un recupero rapido o completo.

Come funziona?

Alcune persone credono che seguire la dieta BRAT possa fornire diversi benefici a chi ha disturbi di stomaco e diarrea. I vantaggi apparenti includono:

  • Sgabelli più solidi. Gli alimenti nella dieta sono ricchi di amido e poveri di fibre, che possono far sì che le feci molli e che colano si leghino più facilmente.
  • Delicato sullo stomaco. Gli alimenti sono a basso contenuto di grassi e proteine, il che significa che è improbabile che irritino lo stomaco e stressino il sistema digestivo.
  • Riduzione della nausea. A causa del loro sapore insipido e della mancanza di odori forti, i cibi BRAT non tendono a causare nausea o vomito.

Tuttavia, questi alimenti non hanno abbastanza nutrienti vari per giustificare l’uso a lungo termine di questa dieta.

È efficace?

Sebbene le persone raccomandino la dieta BRAT da decenni, nessuno studio clinico recente ha esaminato se la dieta BRAT sia efficace come trattamento per la diarrea o le malattie gastrointestinali.

Sebbene la dieta possa alleviare i sintomi in alcune persone, i medici sconsigliano di seguire questa dieta. Altri piani alimentari più equilibrati dal punto di vista nutrizionale possono migliorare il recupero e ridurre ulteriormente i sintomi.

Tuttavia, alcuni ricercatori hanno studiato i potenziali ruoli delle banane e del riso nel trattamento della diarrea.

Le banane contengono pectina, un amido benefico per il tratto digestivo. Una revisione sistematica del 2019 ha dettagliato diversi studi che hanno scoperto che la polpa di banana verde può ridurre sia la diarrea che la stitichezza nei bambini.

Uno studio del 2016 ha dimostrato che il riso sotto forma di zuppa potrebbe trattare efficacemente la diarrea nei bambini che lo hanno consumato insieme a una soluzione di reidratazione orale prescritta.

Tuttavia, i possibili effetti dei singoli alimenti sulla diarrea non forniscono un quadro preciso di come una dieta che contiene solo quegli alimenti possa influire sul corpo. Alcune carenze nutrizionali potrebbero peggiorare la diarrea.

La dieta BRAT è sicura?

È improbabile che seguire la dieta BRAT per un periodo di tempo limitato causi danni significativi, ma le persone dovrebbero evitare di utilizzare la dieta a lungo termine.

L’uso prolungato della dieta BRAT può portare a malnutrizione e poca energia perché contiene troppo poche calorie e non abbastanza dei seguenti nutrienti vitali:

  • proteina
  • Grasso
  • fibra
  • vitamina A
  • vitamina B-12
  • calcio

A causa dei suoi rischi e della sua natura restrittiva, l’American Academy of Pediatrics sconsiglia l’uso della dieta BRAT ai bambini con diarrea.

Tuttavia, se questi alimenti fanno parte della dieta abituale di un bambino, il bambino può continuare a mangiarli insieme a molti altri alimenti.

Altri cibi da mangiare

Coloro che desiderano seguire la dieta BRAT per un tempo limitato possono aggiungere altri cibi blandi alla loro dieta. Altri cibi insipidi includono:

  • crackers salati
  • brodi chiari
  • patate senza burro, panna o formaggio aggiunti
  • patate dolci
  • pollo senza pelle al vapore, al forno o alla griglia senza grassi
  • fiocchi d’avena
  • anguria

Fluidi

Poiché la diarrea può portare alla disidratazione , è importante che le persone bevano abbastanza liquidi. Una persona con diarrea può bere una serie di liquidi, tra cui:

  • acqua
  • brodi chiari
  • succo di mela
  • tisane, soprattutto zenzero e menta piperita
  • latte di cocco

Prodotti per la reidratazione orale

Le persone possono acquistare prodotti per la reidratazione orale da banco in farmacia. Sono disponibili come liquido, ghiacciolo o polvere da mescolare con l’acqua.

La terapia di reidratazione orale può aiutare a trattare la diarrea negli adulti e nei bambini con disidratazione da lieve a moderata. Le persone dovrebbero aver cura di seguire le istruzioni sulla confezione.

È meglio evitare bevande con zuccheri aggiunti in quanto possono peggiorare i sintomi in alcune persone.

Clicca qui per conoscere la diarrea e l’uso della terapia di reidratazione orale come trattamento.

Probiotici e cibi ricchi di probiotici

Alcuni batteri benefici, noti come probiotici, possono abbreviare il corso della diarrea. I batteri che mostrano la maggiore promessa per il trattamento della diarrea includono:

  • Lactobacillus reuteri
  • Lactobacillus GG
  • Saccharomyces boulardii

Uno studio del 2014 ha dimostrato che il trattamento con Saccharomyces boulardii era sicuro ed efficace per i bambini con diarrea acuta. Tuttavia, gli autori dello studio hanno notato che erano necessarie ulteriori ricerche per confermare il dosaggio esatto.

Lo yogurt naturale è un’ottima fonte di batteri benefici. Altri alimenti ad alto contenuto di probiotici includono:

  • kefir
  • verdure fermentate
  • crauti
  • zuppa di miso
  • kombucha

Alimenti da evitare

Sebbene il mantenimento di una dieta normale sia spesso utile durante gli episodi di malattia di stomaco o diarrea, alcuni alimenti hanno maggiori probabilità di altri di provocare nausea, vomito o feci molli.

Questi includono:

  • Latticini. Latte, panna, formaggio e gelato possono essere difficili da digerire durante una malattia. Tuttavia, lo yogurt naturale e il kefir sono un’eccezione, poiché contengono probiotici che aiutano la digestione.
  • Zucchero. Gli alimenti ricchi di zuccheri, come torte, biscotti, bibite, caramelle e cioccolato, possono peggiorare i sintomi.
  • Alimenti ricchi di grassi e cibi fritti. I cibi grassi possono essere difficili da digerire e possono peggiorare la diarrea.
  • Alcol. L’alcol è un diuretico e può portare alla disidratazione. Può anche irritare lo stomaco.
  • Caffeina. Caffè, bevande a base di cola e tè nero contengono tutti caffeina, che può agire come un lieve diuretico.
  • Cibi piccanti. Questi alimenti possono irritare uno stomaco già sensibile.
  • Dolcificanti artificiali. I dolcificanti artificiali, tra cui sorbitolo e sucralosio, possono causare diarrea in alcune persone.
  • Alcune verdure e fagioli. Alcune verdure, come broccoli, cavolfiori e cavoli, tendono a causare gas intestinali e gonfiore. I fagioli possono anche avere questo effetto su alcune persone. Anche se questo di solito non è motivo di preoccupazione, le persone con una malattia allo stomaco potrebbero voler evitare questi alimenti fino a quando non si sono ripresi.
  • Proteine ​​pesanti, come bistecca, maiale e salmone. Le proteine ​​sono difficili da digerire e possono stressare ulteriormente lo stomaco, soprattutto se il cibo è anche ricco di grassi.

Quando vedere un dottore

Le persone dovrebbero consultare un medico se la diarrea:

  • persiste oltre 2 giorni
  • si verifica a una temperatura di 102ºF o superiore
  • è frequente, ricorrente o grave
  • accompagna dolore rettale o sanguinamento

Allo stesso modo, le persone dovrebbero cercare assistenza medica per i sintomi di disidratazione, che includono:

  • ridotta produzione di urina
  • bocca asciutta
  • sete
  • sensazione di stordimento, vertigini o debolezza

I genitori o gli operatori sanitari dovrebbero portare neonati e bambini a consultare un medico se avvertono vomito o diarrea per più di 24 ore, non possono produrre lacrime, hanno guance infossate o mostrano uno dei sintomi sopra.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Emicrania e diarrea: qual è il collegamento?

Qual è il legame tra diabete e diarrea?