in

Cosa dovresti sapere sulla disidratazione

La disidratazione si verifica quando più acqua e liquidi lasciano il corpo che entrano in esso. Anche bassi livelli di disidratazione possono causare mal di testa, letargia e stitichezza.

Il corpo umano è composto per circa il 75% da acqua. Senza quest’acqua, non può sopravvivere. L’acqua si trova all’interno delle cellule, nei vasi sanguigni e tra le cellule.

Un sofisticato sistema di gestione dell’acqua mantiene i nostri livelli di acqua equilibrati e il nostro meccanismo di sete ci dice quando dobbiamo aumentare l’assunzione di liquidi.

Sebbene l’acqua venga costantemente persa durante il giorno mentre respiriamo, sudiamo, uriniamo e defeciamo, possiamo reintegrare l’acqua nel nostro corpo bevendo liquidi. Il corpo può anche spostare l’acqua nelle aree in cui è più necessaria se inizia a verificarsi la disidratazione.

La maggior parte dei casi di disidratazione può essere facilmente invertita aumentando l’assunzione di liquidi, ma i casi gravi di disidratazione richiedono cure mediche immediate.

Sintomi

I primi sintomi di disidratazione includono sete, urine più scure e ridotta produzione di urina. In effetti, il colore delle urine è uno dei migliori indicatori del livello di idratazione di una persona: l’urina chiara significa che sei ben idratato e l’urina più scura significa che sei disidratato.

Tuttavia, è importante notare che, in particolare negli anziani, la disidratazione può verificarsi senza sete. Questo è il motivo per cui è importante bere più acqua quando si è ammalati o durante la stagione più calda.

Man mano che la condizione progredisce fino a moderare la disidratazione, i sintomi includono:

  • bocca asciutta
  • letargia
  • debolezza nei muscoli
  • mal di testa
  • vertigini

Una grave disidratazione (perdita del 10-15% dell’acqua corporea) può essere caratterizzata da versioni estreme dei sintomi sopra così come:

  • mancanza di sudorazione
  • occhi infossati
  • pelle avvizzita e secca
  • bassa pressione sanguigna
  • aumento della frequenza cardiaca
  • febbre
  • delirio
  • incoscienza

Sintomi nei bambini

  • nei bambini – una fontanella incavata (punto morbido sulla sommità della testa)
  • lingua e bocca asciutte
  • irritabile
  • niente lacrime quando si piange
  • guance e / o occhi incavati
  • nessun pannolino bagnato per 3 o più ore

Cause

Le cause fondamentali della disidratazione sono l’assunzione di acqua insufficiente, la perdita di troppa acqua o una combinazione di entrambi.

A volte, non è possibile consumare abbastanza liquidi perché siamo troppo occupati, non abbiamo le strutture o la forza per bere, o ci troviamo in una zona senza acqua potabile (durante le escursioni o il campeggio, per esempio). Ulteriori cause di disidratazione includono:

Diarrea – la causa più comune di disidratazione e decessi correlati. L’intestino crasso assorbe l’acqua dal cibo e la diarrea impedisce che ciò accada. Il corpo espelle troppa acqua, portando alla disidratazione.

Vomito : porta a una perdita di liquidi e rende difficile sostituire l’acqua bevendola.

Sudorazione : il meccanismo di raffreddamento del corpo rilascia una quantità significativa di acqua. Il clima caldo e umido e un’attività fisica intensa possono aumentare ulteriormente la perdita di liquidi dalla sudorazione. Allo stesso modo, la febbre può causare un aumento della sudorazione e può disidratare il paziente, soprattutto se sono presenti anche diarrea e vomito.

Diabete : livelli elevati di zucchero nel sangue causano aumento della minzione e perdita di liquidi. Suggerimenti per gestire il caldo estivo per le persone con diabete .

Minzione frequente – di solito causata da diabete non controllato , ma può anche essere dovuta ad alcol e farmaci come diuretici, antistaminici, farmaci per la pressione sanguigna e antipsicotici.

Ustioni : i vasi sanguigni possono danneggiarsi, causando la fuoriuscita di liquido nei tessuti circostanti.

Fattori di rischio

Sebbene la disidratazione possa capitare a chiunque, alcune persone corrono un rischio maggiore. Quelli a maggior rischio includono:

Gli anziani comunemente si disidratano.

  • Persone ad altitudini più elevate.
  • Atleti, specialmente quelli che partecipano a eventi di resistenza, come maratone, triathlon e tornei di ciclismo. La disidratazione può compromettere le prestazioni sportive, come spiega questo articolo .
  • Persone con malattie croniche, come diabete, malattie renali, fibrosi cistica , alcolismo e disturbi della ghiandola surrenale.
  • Neonati e bambini – più comunemente a causa di diarrea e vomito.

Anche la disidratazione negli anziani è comune; a volte questo accade perché bevono meno acqua in modo che non debbano alzarsi spesso per andare in bagno. Ci sono anche cambiamenti nel cervello, il che significa che la sete non si verifica sempre.

Complicazioni

Se la disidratazione non viene controllata, può portare a gravi complicazioni; questi possono includere:

Volume sanguigno basso: una quantità inferiore di sangue produce un calo della pressione sanguigna e una riduzione della quantità di ossigeno che raggiunge i tessuti; questo può essere pericoloso per la vita.

Convulsioni – a causa di uno squilibrio degli elettroliti.

Problemi renali – inclusi calcoli renali , infezioni del tratto urinario e infine insufficienza renale.

Lesioni da calore – che vanno da lievi crampi a esaurimento da calore o persino colpo di calore .

Diagnosi

Un medico utilizzerà esami fisici e mentali per diagnosticare la disidratazione. Un paziente che presenta sintomi come disorientamento, pressione sanguigna bassa, battito cardiaco accelerato, febbre, mancanza di sudore e pelle anelastica sarà generalmente considerato disidratato.

Gli esami del sangue vengono spesso utilizzati per testare la funzionalità renale e per controllare i livelli di sodio, potassio e altri elettroliti. Gli elettroliti sono sostanze chimiche che regolano l’idratazione del corpo e sono fondamentali per la funzione nervosa e muscolare. Un’analisi delle urine fornirà informazioni molto utili per aiutare a diagnosticare la disidratazione. In una persona disidratata, l’urina sarà di colore più scuro e più concentrata, contenente un certo livello di composti chiamati chetoni.

Per diagnosticare la disidratazione nei neonati, i medici di solito verificano la presenza di un punto debole incavato sul cranio. Possono anche cercare una perdita di sudore e alcune caratteristiche del tono muscolare.

Trattamenti

La disidratazione deve essere trattata reintegrando il livello dei liquidi nel corpo. Questo può essere fatto consumando liquidi chiari come acqua, brodi chiari, acqua ghiacciata o ghiaccioli o bevande sportive (come Gatorade). Alcuni pazienti disidratati, tuttavia, richiederanno fluidi per via endovenosa per reidratarsi. Le persone disidratate dovrebbero evitare bevande contenenti caffeina come caffè , tè e bibite.

Anche le condizioni sottostanti che causano la disidratazione dovrebbero essere trattate con il farmaco appropriato. Ciò può includere farmaci disponibili per l’acquisto da banco o online, comefarmaci anti-diarrea ,antiemetici (smettere di vomitare) emedicinali contro la febbre .

Prevenzione

La prevenzione è davvero il trattamento più importante per la disidratazione. Il consumo di molti liquidi e cibi ad alto contenuto di acqua (come frutta e verdura) dovrebbe essere sufficiente per la maggior parte delle persone per prevenire la disidratazione.

Le persone dovrebbero essere caute nel fare attività durante il caldo estremo o nella parte più calda della giornata e chiunque si alleni dovrebbe dare la priorità al reintegro dei liquidi.

Poiché gli anziani ei giovanissimi sono maggiormente a rischio di disidratazione, è necessario prestare loro un’attenzione particolare per assicurarsi che ricevano abbastanza liquidi.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Suggerimenti e suggerimenti per fermare la diarrea velocemente

I migliori farmaci per il trattamento della diarrea nella malattia di Crohn