in

Cosa causa dolore addominale e diarrea?

La diarrea colpisce quasi tutti ad un certo punto. Dolore addominale o crampi possono accompagnare la diarrea. Alcune delle cause più comuni includono sensibilità alimentare, infezioni batteriche o virali e uso di farmaci o alcol.

Può anche derivare da stress o condizioni croniche, come la sindrome dell’intestino irritabile (IBS).

Qui descriviamo alcune cause comuni di dolore addominale e diarrea .

Cause

La diarrea può essere acuta e manifestarsi all’improvviso oppure cronica e svilupparsi lentamente e durare alcuni giorni.

Alcune delle cause più comuni di dolore addominale e diarrea acuta o cronica includono:

1. Infezione

La diarrea può derivare da un’infezione batterica o virale dello stomaco e dell’intestino, che i medici chiamano gastroenterite .

Le persone possono contrarre la gastroenterite batterica mangiando o bevendo cibo o acqua contaminati. I sintomi di solito si verificano entro poche ore o giorni dal consumo del cibo contaminato.

Le persone possono anche contrarre la gastroenterite virale, che alcune persone chiamano influenza dello stomaco , da qualcuno che ha l’infezione.

I sintomi in genere scompaiono senza trattamento dopo pochi giorni in entrambi i casi. Le persone possono provare i rimedi casalinghi, come bere molti liquidi, riposare e assumere farmaci da banco per alleviare il disagio.

Le infezioni parassitarie possono anche causare diarrea acuta e dolore addominale. Questo tipo di infezione spesso si risolve entro poche settimane. Le epidemie persistenti possono richiedere cure mediche.

2. Reazioni al cibo

Qualcosa che una persona ha mangiato o bevuto può potenzialmente causare diarrea, dolore addominale e altri tipi di problemi di stomaco. I sintomi si verificano in genere per brevi periodi e di solito scompaiono poche ore dopo aver mangiato.

La diarrea dopo aver mangiato può avere cause tra cui:

  • improvvisi cambiamenti nella dieta
  • mangiare cibi ricchi e grassi
  • sensibilità alimentare
  • celiachia , in cui il corpo non è in grado di scomporre il glutine, una proteina presente nel grano, nella segale e nell’orzo

Secondo alcune ricerche, più del 20% delle persone sperimenta sensibilità alimentare.

Non è sempre chiaro il motivo per cui la diarrea si verifica dopo aver mangiato. Tenere un diario alimentare può aiutare. Una volta che le persone sanno quali alimenti stanno causando il problema, possono affrontarlo.

I rimedi possono includere l’introduzione di nuovi cibi e cambiamenti dietetici lentamente, mangiare meno pasti ricchi e limitare o evitare cibi trigger. Le persone celiache dovranno rimuovere il glutine dalla loro dieta in modo permanente.

3. Indigestione e eccesso di cibo

L’eccesso di cibo può provocare indigestione , diarrea e mal di stomaco perché il sistema digestivo ha difficoltà a gestire grandi quantità di cibo.

Sia gli adulti che i bambini possono sperimentare gli effetti collaterali dell’eccesso di cibo, ma i bambini possono avere maggiori probabilità di farlo. Questo perché i bambini non possono sempre distinguere tra sentirsi affamati e sentirsi pieni.

Per evitare di mangiare troppo, le persone possono:

  • praticare il controllo delle porzioni e misurare gli alimenti
  • fare il pieno di cibi ricchi di fibre e ipocalorici, come le verdure
  • prenditi il ​​tempo per masticare il cibo a fondo

Un’altra tecnica utile è mangiare consapevolmente, che implica prestare attenzione al gusto e alla consistenza di ogni boccone di cibo. Ciò include evitare distrazioni, come la televisione, durante i pasti.

4. IBS

La diarrea persistente può suggerire una condizione cronica, come l’IBS. Questa condizione non danneggia il tratto digestivo ma può causare sintomi tra cui:

  • diarrea
  • crampi allo stomaco
  • gonfiore
  • gas

Secondo il National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases (NIDDK), circa il 12% delle persone negli Stati Uniti ha l’IBS. La maggior parte sono donne.

Non esiste una cura, ma le persone possono gestire i loro sintomi:

  • ridurre lo stress
  • apportare cambiamenti dietetici
  • ottenere abbastanza sonno di buona qualità
  • bere molti liquidi
  • esercizio
  • prendendo integratori
  • usando farmaci

5. Malattia infiammatoria intestinale

La malattia infiammatoria intestinale (IBD) si riferisce a un gruppo di condizioni che colpiscono l’intestino, tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), fino a 1,3 milioni di persone negli Stati Uniti hanno IBD.

I sintomi includono:

  • diarrea
  • fatica
  • dolore addominale
  • feci sanguinolente
  • perdita di peso

L’IBD può provocare danni al tratto digestivo, a differenza dell’IBS. È quindi essenziale che le persone con questa condizione gestiscano i propri sintomi.

Il trattamento mira a ridurre l’ infiammazione che causa danni intestinali e sintomi digestivi. Le opzioni includono farmaci, integratori, cambiamenti nella dieta e chirurgia.

6. Stress

Lo stress e l’ ansia possono stimolare i movimenti intestinali, che possono provocare diarrea.

Lo stress può anche svolgere un ruolo nello sviluppo di IBS o peggiorare i sintomi.

Esiste un collegamento tra il cervello e l’intestino, che potrebbe spiegare perché lo stress può portare a problemi digestivi.

Ad esempio, lo stress professionale può stimolare la risposta gastrica.

Le persone possono ridurre lo stress provando:

  • meditazione e consapevolezza
  • esercizio regolare
  • tecniche di respirazione profonda
  • arte o musicoterapia

Le persone dovrebbero consultare un medico o un professionista della salute mentale che possa consigliare farmaci, terapie o una combinazione di entrambi per lo stress persistente o grave.

6. Farmaci e alcol

Troppo alcol può interferire con la digestione e causare mal di stomaco, diarrea, vomito o altri sintomi. Le persone potrebbero considerare di limitare l’assunzione di alcol per evitare questi problemi.

Le linee guida dietetiche statunitensi per gli americani elencano il consumo moderato di alcol fino a 1 bevanda al giorno per le donne e fino a 2 bevande al giorno per i maschi. Le persone dovrebbero mirare a evitare l’alcol per diversi giorni alla settimana.

Alcuni farmaci possono anche causare problemi di stomaco, con molti farmaci che elencano la diarrea come effetto collaterale.

I farmaci che possono causare diarrea includono:

  • antiacidi contenenti magnesio
  • antibiotici
  • farmaci chemioterapici
  • uso eccessivo di lassativi
  • metformina, che è un farmaco per il diabete
  • farmaci antinfiammatori non steroidei

La diarrea a volte scompare dopo alcuni giorni di utilizzo di un nuovo farmaco mentre il corpo si adatta. Se la diarrea persiste per diversi giorni dopo l’inizio di un nuovo farmaco, le persone dovrebbero contattare il proprio medico che potrebbe suggerire un’alternativa.

7. Gravidanza

Le persone incinte spesso sperimentano diarrea e altri cambiamenti intestinali, potenzialmente dovuti a cambiamenti ormonali e strutturali nel corpo.

Anche i cambiamenti nelle abitudini alimentari e le nuove sensibilità alimentari possono causare diarrea durante la gravidanza.

Contattare un medico per un controllo e un consiglio se la diarrea persiste per più di alcuni giorni durante la gravidanza.

Cause meno comuni

La diarrea costante o grave può suggerire un grave problema medico, soprattutto se è presente sangue.

Altre potenziali cause di dolore addominale e diarrea includono:

  • appendicite
  • alcuni tipi di cancro
  • fibrosi cistica
  • malattie che colpiscono gli organi addominali
  • fecaloma
  • blocco intestinale

Quando vedere un dottore

Le persone con diarrea e dolore addominale dovrebbero consultare un medico se i sintomi:

  • sono gravi
  • peggiorare sempre di più
  • durano più di pochi giorni
  • si verificano in neonati, anziani o persone con un sistema immunitario indebolito
  • si ripresentano regolarmente

Consultare immediatamente un medico se si verifica la diarrea con:

  • feci nere, catramose o sanguinanti
  • confusione
  • difficoltà a parlare
  • febbre
  • nausea o vomito frequenti
  • irritabilità
  • ittero , ingiallimento della pelle o del bianco degli occhi
  • battito cardiaco accelerato
  • convulsioni
  • sintomi di disidratazione , come urine scure, sete, secchezza delle fauci e affaticamento
  • problemi di vista

Prevenzione

È impossibile prevenire tutti i casi di dolore addominale e diarrea.

Tuttavia, i seguenti suggerimenti possono ridurre la probabilità di sviluppare sintomi.

  • seguire una dieta salutare
  • non mangiare troppi cibi grassi.
  • evitare le intolleranze alimentari
  • limitare l’assunzione di alcol
  • evitare di mangiare troppo misurando le porzioni di cibo
  • ridurre lo stress e dormire a sufficienza
  • mantenere una corretta idratazione
  • evitare il contatto con persone che hanno l’influenza intestinale.
  • praticare una buona igiene durante la preparazione del cibo e conservarlo correttamente
  • prendere precauzioni quando si viaggia in regioni dove l’intossicazione alimentare è prevalente
  • parlare con un medico degli effetti collaterali dei farmaci e chiedere delle alternative
  • trattare le condizioni croniche, come IBS e IBD

Un altro consiglio per prevenire lo sviluppo di dolore addominale e diarrea è quello di assumere integratori probiotici, che la ricerca suggerisce può aiutare a prevenire la diarrea del viaggiatore e la diarrea associata agli antibiotici.

Uno studio del 2016 sulla rivista Medicine suggerisce che il rischio di diarrea del viaggiatore potrebbe diminuire dell’8% e la diarrea associata agli antibiotici del 52% quando si usano i probiotici.

Porta via

Le cause più probabili di dolore addominale e diarrea includono:

  • infezioni
  • questioni legate al cibo
  • condizioni mediche, come l’IBS

In caso di diarrea acuta, i sintomi di solito scompaiono dopo pochi giorni. Le condizioni croniche richiedono una gestione a lungo termine per controllare i sintomi.

Le persone dovrebbero consultare un medico se continuano ad avere la diarrea dopo una settimana. Dovrebbero rivolgersi immediatamente a un medico se febbre e altri sintomi accompagnano le feci molli o se la diarrea si verifica nei neonati o negli anziani.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Cosa sapere sulle infezioni renali

Tutto sull’intossicazione alimentare