in

Diarrea sanguinolenta: cosa può causarla e cosa fare

La diarrea sanguinolenta è solitamente causata da un’infezione nell’intestino, chiamata in questi casi dissenteria; può essere causato da virus, parassiti e batteri. Se questo problema non viene trattato rapidamente, può causare complicazioni di salute; come la malnutrizione e la disidratazione, per esempio.

Nella maggior parte dei casi, il corpo stesso è in grado di risolvere la diarrea sanguinolenta ed è importante che la persona rimanga idratata e abbia una dieta facilmente digeribile. Oltre ad essere causata da infezioni, la diarrea sanguinolenta può essere un segno di colite ulcerosa, cancro intestinale o può sorgere come effetto collaterale dell’assunzione di qualsiasi farmaco; È importante che se si verificano altri sintomi associati, si rechi dal medico per una valutazione e, se necessario, indichi il trattamento più appropriato.

Cause di diarrea sanguinolenta

La diarrea sanguinolenta può avere varie cause, le principali sono:

1. Infezione da rotavirus

L’infezione da rotavirus è una delle principali cause di gastroenterite, essendo comune a causare diarrea sanguinolenta nei neonati e nei bambini sotto i 5 anni di età. Questo tipo di infezione si verifica principalmente a causa dell’assunzione di acqua o cibo contaminati ed è caratterizzato da: feci liquide o molli più di 4 volte al giorno, che possono contenere molto o poco sangue, mescolate con uno scarico simile a pus o catarro, che è come il muco. Oltre a questo, il bambino può riferire dolore addominale, febbre e vomito. Scopri come riconoscere i sintomi dell’infezione da rotavirus .

Cosa fare: il bambino deve essere portato dal medico il prima possibile e, se possibile, dovrebbe portare un pannolino sporco o scattare foto delle feci in modo che il medico possa valutare il colore e la quantità di sangue che può essere presente. L’infezione da rotavirus può causare diarrea grave e maleodorante e dura fino a 14 giorni. Durante questo periodo il neonato o il bambino dovrebbe essere nutrito con zuppe, puree e carni magre, ma la cosa più importante è offrire acqua, siero di latte fatto in casa o acqua di cocco, sempre dopo un episodio di diarrea per evitare la disidratazione.

2. Infezione da Escherichia Coli

La gastroenterite causata da Escherichia Coli è una delle cause più comuni di diarrea negli adulti, che causa, oltre alla dissenteria, un intenso dolore addominale.

E. Coli è un batterio che si trova nell’organismo e non è dannoso per la salute, tuttavia alcuni tipi di questo batterio, principalmente quelli presenti negli alimenti contaminati, possono causare danni alla salute. Scopri i sintomi e come viene fatta la diagnosi di infezione da Escherichia Coli .

Cosa fare: per alleviare i sintomi causati da Escherichia Coli ed evitare nuovi attacchi di gastroenterite, si consiglia di seguire una dieta facilmente digeribile, per evitare di stimolare l’intestino e di assumere integratori probiotici, poiché questi aiuteranno a ripristinare una flora batterica sana .

3. Infezione da Shigella spp.

Un’altra causa comune di diarrea sanguinolenta e mucosa negli adulti è la presenza dei batteri del genere Shigella spp. , che entra nel corpo attraverso il consumo di cibo o acqua contaminati. I sintomi della shigellosi durano dai 5 ai 7 giorni e, oltre alla dissenteria, i bambini infetti possono anche avere convulsioni che si interrompono quando viene iniziato il trattamento.

Cosa fare: non si devono assumere farmaci per fermare la diarrea perché possono peggiorare i sintomi impedendo ai batteri di essere eliminati naturalmente attraverso le feci. Per questo motivo, dovresti aumentare l’assunzione di liquidi e consumare cibi facilmente digeribili, come riso bianco, carote cotte, zuppe, tra gli altri. Tuttavia, in alcuni casi, il medico può consigliare l’uso di antibiotici per combattere i batteri, il farmaco da utilizzare dipenderà dalla sensibilità e dal profilo di resistenza del microrganismo.

4. Malattia infiammatoria intestinale

Le malattie infiammatorie intestinali, come la colite ulcerosa e il morbo di Crohn, sono caratterizzate da diarrea cronica che può contenere sangue o muco, nonché da forti dolori addominali, principalmente dopo aver mangiato. La causa di queste malattie non è ancora nota, ma possono insorgere a qualsiasi età ei sintomi si manifestano in periodi alternati di crisi e remissione per tutta la vita. I test che possono confermare queste malattie sono il clistere di bario, la colonscopia e la tomografia computerizzata.

Cosa fare: il trattamento per le malattie intestinali dovrebbe essere fatto con farmaci per fermare la diarrea e attraverso una dieta specifica, che potrebbe includere l’uso di integratori alimentari, essendo importante andare da un nutrizionista per una valutazione ed elaborazione di un piano nutrizionale adattato alle esigenze dell’individuo, evitando così nuove crisi e deficit nutritivi.

Nei casi più gravi, dove l’infiammazione dell’intestino è estesa o quando non migliora con il trattamento, il medico può ordinare un intervento chirurgico per rimuovere la parte dell’intestino interessata.

5. Parassiti intestinali

La presenza di parassiti intestinali può causare diarrea sanguinolenta nei bambini o negli adulti, soprattutto quando il carico parassitario è elevato. Questi tipi di infezioni parassitarie sono più comuni nelle aree con scarsa igiene e servizi igienici di base, dove le persone camminano a piedi nudi e si nutrono con le mani sporche, consumando cibo contaminato.

Oltre alla diarrea sanguinolenta, possono insorgere anche altri sintomi associati come un addome dolorante e gonfio, nonché uno scarso appetito.

Cosa fare: se si sospetta un’infezione parassitaria, il medico può prescrivere esami per accertare la presenza di parassiti e consigliare l’uso di alcuni farmaci che ne favoriscono l’eliminazione e aiutano a combattere i sintomi.

È inoltre importante che la persona migliori le proprie abitudini igieniche e abbia una dieta adeguata e ricca di probiotici, questo permetterà di ripristinare il microbiota intestinale e prevenire nuove infezioni. Vedi di più sul trattamento dei parassiti intestinali .

6. Effetto collaterale dei farmaci

Alcuni farmaci, tra cui gli antibiotici, possono causare diarrea come effetto collaterale, tuttavia, questa di solito è più frequente quando la persona ha la diarrea acuta e assume un antibiotico senza aver ricevuto il parere del medico, favorendo la proliferazione di batteri dannosi per l’organismo.

Cosa fare: in caso di diarrea sanguinolenta durante l’assunzione di antibiotici, interrompere il medicinale. Nel caso in cui sia stato indicato dal medico, dovresti andare nuovamente al consulto in modo che il medico indichi l’assunzione di un altro antibiotico. Scopri come combattere la diarrea causata dagli antibiotici .

7. Cancro intestinale

La diarrea sanguinolenta che non è causata da nessuna delle suddette condizioni può indicare la presenza di un tumore nell’intestino o molto vicino ad esso, nella cavità addominale. Per assicurarsi che sia un cancro a causare la presenza di sangue nelle feci, è possibile ordinare vari test come l’esame delle feci e la colonscopia. Conosci tutti i sintomi del cancro intestinale .

Cosa fare: è necessario rivolgersi al più presto al medico per indicare lo svolgimento degli esami diagnostici, questi permettono di identificare se c’è o meno la presenza di un tumore; Se il riscontro è positivo, il medico indicherà il trattamento da seguire a seconda dei casi, che può consistere in radioterapia, chemioterapia o chirurgia. Il trapianto di feci può anche essere indicato in alcune situazioni.

Altre possibili cause

Altre gravi cause di diarrea sanguinolenta includono ostruzione intestinale, avvelenamento o gravi traumi addominali, che richiedono cure mediche immediate perché la diarrea inizia improvvisamente, è molto grave e potrebbe mettere a rischio la vita della persona.

La radioterapia può anche causare diarrea sanguinolenta, essendo un effetto collaterale che si manifesta quando viene eseguita nella regione addominale. In questa situazione occorre consultare il medico curante per indicare il trattamento più appropriato per alleviare questo disagio; indica generalmente l’uso di integratori per ripristinare la normale flora batterica e farmaci per fermare la diarrea.

Quando vedere un dottore

La diarrea sanguinolenta non è sempre un’alterazione grave, soprattutto quando si tratta di un episodio isolato o quando si verifica in una persona che ha le emorroidi ma ha attraversato un periodo di stitichezza. Tuttavia, si consiglia di consultare un medico se si soffre di diarrea sanguinolenta:

  • Più di 3 volte lo stesso giorno o nella stessa settimana;
  • In caso di febbre superiore a 38,5 ° C;
  • Se accompagnato da vomito sanguinante o molto scuro;
  • Se hai un forte mal di stomaco;
  • In caso di forte dolore addominale;
  • Se svenite;
  • Se hai difficoltà a respirare
  • Se hai i brividi;
  • Se hai un addome rigido, non puoi esercitare pressione;
  • Hai un sistema immunitario indebolito a causa dell’AIDS o del cancro.

Dovresti andare dal medico perché la diarrea può causare complicazioni come la disidratazione, che è un disturbo grave; anemia da carenza di ferro; malattia renale o setticemia, che è molto grave e può portare alla morte.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Diarrea verde: 4 cause principali e cosa fare

Medicinali per trattare la diarrea (in farmacia e fatti in casa)