in

Antibiotici: cosa sono, a cosa servono e altre domande comuni

L’antibiotico è un tipo di medicinale che funziona per combattere i microrganismi sensibili, come batteri, parassiti o funghi che causano malattie. Questi farmaci devono essere utilizzati solo se indicati dal medico. 

Gli antibiotici sono usati per trattare vari tipi di infezioni, come: infezioni urinarie, nelle orecchie, occhi, reni, pelle, ossa, organi genitali, cavità addominale, articolazioni o trattori respiratori e digestivi, sinusiti, foruncoli, ulcere infette, tonsillite , rinite, bronchite o polmonite.

Se questi farmaci vengono utilizzati in modo errato o senza prescrizione medica, possono causare resistenza ed effetti collaterali non necessari, poiché gli antibiotici possono anche uccidere i batteri benefici per il corpo, come quelli che vivono nell’intestino e sulla pelle, e possono causare infezioni da lieviti, diarrea o infezioni della pelle, rendendo più difficile il trattamento della malattia.

Dubbi comuni sugli antibiotici

1. L’assunzione di antibiotici ti fa ingrassare?

L’ingestione di antibiotici non fa ingrassare, poiché non hanno effetti collaterali che indicano che il loro uso favorisce l’aumento di peso o l’appetito. Tuttavia, alcuni antibiotici possono causare indigestione e eccesso di gas, che possono causare gonfiore all’addome, che può essere confuso con l’aumento di peso.

2. Gli antibiotici riducono l’effetto delle pillole anticoncezionali?

Pochi antibiotici riducono l’effetto dei contraccettivi e recentemente è stato scientificamente dimostrato che solo la rifampicina e la rifabutina interferiscono con la loro azione. Sappi cosa fare in questi casi .

Tuttavia, poiché uno degli effetti collaterali più comuni della maggior parte degli antibiotici è la diarrea, esiste il rischio che il contraccettivo non venga completamente assorbito se la diarrea si verifica 4 ore dopo l’assunzione. In questi casi, l’uso del preservativo è consigliato da quando la diarrea è cessata fino a 7 giorni dopo.

3. Devo portare la scatola dell’antibiotico fino alla fine?

L’antibiotico va assunto sempre fino alla fine o per tutto il tempo indicato dal medico, anche quando vi sono segni che indicano un miglioramento dei sintomi, che di solito si verifica da 3 a 5 giorni dopo l’inizio del trattamento.

In alcuni casi, le persone che avvertono un miglioramento dei sintomi hanno la tendenza a interrompere l’assunzione dell’antibiotico prima del tempo consigliato, ma non dovrebbero farlo, perché i batteri responsabili dell’infezione potrebbero non essere stati completamente eliminati. Pertanto, quando il trattamento viene interrotto, possono moltiplicarsi nuovamente, sviluppando nuovamente la malattia e, oltre a ciò, è possibile che sviluppino resistenza ai composti già utilizzati, rendendo inefficace l’antibiotico in futuro. 

4. Perché gli antibiotici causano la diarrea?

La diarrea è un effetto collaterale comune degli antibiotici, derivante dall’effetto che provocano sulla flora intestinale. Quello che succede è che gli antibiotici sono farmaci che uccidono i batteri sensibili a determinati composti, uccidendo così sia i batteri cattivi che i batteri buoni, il che causa alterazioni nel funzionamento dell’intestino. Impara a combattere la diarrea antibiotica. 

5. L’alcol interrompe l’effetto dell’antibiotico?

L’alcol non ferma l’effetto dell’antibiotico, ma può diminuirne l’efficacia perché l’alcol ha un effetto diuretico, che può facilitare il rilascio del farmaco nelle urine e abbassarne la concentrazione nel sangue, e potrebbe non essere efficace per il trattamento. Inoltre, l’uso simultaneo di alcol e un antibiotico può sovraccaricare il fegato, poiché entrambi sono metabolizzati in questo organo, quindi la biodisponibilità del farmaco può essere compromessa e la tossicità dell’antibiotico può aumentare.

Per questi motivi, i medici normalmente raccomandano di non ingerire alcol durante il trattamento, poiché esistono antibiotici specifici che non possono essere ingeriti con l’alcol, come metronidazolo, tinidazolo, cefoxitina e la combinazione di sulfametossazolo e trimetoprim, e che, oltre ad essere tossico per l’organismo, può provocare sintomi spiacevoli quali: vomito, palpitazioni, calore, sudorazione eccessiva, difficoltà respiratorie, cefalea e ipotensione.

Quali sono gli antibiotici più comunemente usati?

Alcuni degli antibiotici più comunemente usati per il trattamento delle infezioni sono:

  • Ciprofloxacina : conosciuta in commercio come Cipro, è un medicinale indicato per il trattamento delle infezioni respiratorie, dell’orecchio, degli occhi, dei reni, della pelle, delle ossa o dell’apparato riproduttivo, nonché per il trattamento delle infezioni generalizzate. Le dosi consigliate di questo antibiotico variano tra 250 e 1500 mg al giorno, a seconda della gravità dell’infezione da trattare. 
  • Amoxicillina : indicata per il trattamento di infezioni causate da batteri, come polmonite, bronchite, tonsillite, sinusite, infezioni urinarie o vaginali, della pelle e delle mucose. Questo antibiotico appartiene al gruppo delle penicilline e le dosi consigliate variano tra 750 mg e 1500 mg al giorno, a seconda della gravità dell’infezione da trattare. Oltre a questo, può anche essere associato all’acido clavulanico, per ridurre la resistenza dei batteri all’antibiotico. 
  • Azitromicina : Indicata nel trattamento delle infezioni del tratto respiratorio inferiore e superiore, come sinusiti, faringiti o tonsilliti; infezioni della pelle e dei tessuti molli; otite media acuta e; nelle malattie a trasmissione sessuale non complicate, sia negli uomini che nelle donne, causate dai batteri  Chlamydia trachomatis  e  Neisseria gonorrhoeae . Allo stesso modo, è indicato per il trattamento del cancroide causato da  Haemophilus ducreyi . In generale, le dosi consigliate variano tra 500 e 1000 mg al giorno, a seconda dell’infezione da trattare. 
  • Cephalexin : può anche essere conosciuta con i nomi commerciali di Keflex, Optocef, Facelit, Nixelaf-C, Ceporexin, Cefalex, tra gli altri, essendo generalmente indicata per il trattamento di infezioni del tratto respiratorio, otite media, infezioni della pelle e dei tessuti molli , infezioni urinarie e infezioni alle ossa. In genere si consigliano dosi da 750 a 1500 mg al giorno, a seconda della gravità dell’infezione da trattare. Maggiori informazioni su questo medicinale in:  Cephalexin Antibiotic .
  • Tetraciclina : commercialmente conosciuta come Ciclotetryl, Guayatetra, Urovec, Acromycin, tra gli altri. È un antibiotico generalmente indicato per il trattamento delle infezioni causate da organismi sensibili alla tetraciclina, come la brucellosi, la gengivite, la gonorrea o la sifilide. In generale, le dosi consigliate variano tra 1500 e 2000 mg al giorno. 

È importante tenere sempre presente che tutti gli antibiotici devono essere assunti fino alla fine della confezione o secondo le indicazioni fornite dal medico, rispettando la durata del trattamento, anche quando si nota un miglioramento. È inoltre necessario rispettare gli schemi di dosaggio per garantire che il trattamento produca l’effetto desiderato.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Posso rimanere incinta prendendo la pillola anticoncezionale?

20 miti e verità sulle mestruazioni