in

Posso rimanere incinta prendendo la pillola anticoncezionale?

Le pillole anticoncezionali sono ormoni che agiscono prevenendo l’ovulazione, prevenendo la gravidanza. Tuttavia, anche se usati correttamente, sotto forma di compressa, cerotto ormonale, anello vaginale o mediante iniezione, il rischio di gravidanza è minimo, poiché i contraccettivi sono efficaci intorno al 99%, ovvero 1 donna su 100. puoi rimanere incinta anche con l’uso corretto dei contraccettivi.

Tuttavia, alcune situazioni come dimenticarsi di prendere contraccettivi, usare antibiotici o altri farmaci, possono diminuire l’efficacia delle pillole anticoncezionali, aumentando il rischio di gravidanza. Scopri alcuni esempi di farmaci che riducono l’efficacia del controllo delle nascite.

Se la donna pensa di essere incinta ma continua a prendere le pillole, dovrebbe sottoporsi a un test di gravidanza il prima possibile. Se questo è positivo, l’uso di contraccettivi deve essere interrotto e il ginecologo deve essere consultato per il monitoraggio medico.

È importante notare che prima di iniziare l’uso dei contraccettivi, è sempre opportuno consultare un ginecologo per indicare il metodo migliore per ogni donna e il suo corretto utilizzo.

Alcune situazioni che possono limitare l’efficacia della pillola anticoncezionale e aumentare il rischio di gravidanza includono:

1. Dimentica di prenderlo un giorno

Dimenticare di prendere la pillola anticoncezionale per un giorno può aumentare le possibilità di gravidanza, poiché i livelli ormonali nel corpo possono variare, aumentando il rischio di ovulazione.

Se dimentichi di prendere le pillole nella prima settimana di confezionamento, aumenta il rischio di gravidanza perché l’ovulazione può verificarsi prima e lo sperma può sopravvivere nel canale vaginale fino a 5 giorni dopo il contatto intimo.

Se l’ha dimenticata, la prenda non appena se ne ricorda e poi prenda la compressa successiva alla solita ora. In questi casi, per i 7 giorni successivi deve essere utilizzato un altro metodo contraccettivo, come un preservativo.

Scopri cosa fare se hai dimenticato di prendere il contraccettivo.

2. Non prenderlo all’ora indicata

I contraccettivi sono fatti per essere presi ogni 24 ore, quindi è importante prenderli sempre alla stessa ora in modo che non ci siano variazioni nei livelli di ormoni nel corpo, il che aumenta il rischio di oculare e le possibilità di rimanere incinta.

Alcuni suggerimenti per prenderlo al momento giusto sono impostare una sveglia, scrivere un promemoria sul telefono o prendere l’abitudine di prenderlo prima di iniziare una specifica attività quotidiana, come durante il pranzo o la cena, per esempio.

Nel caso di pillole che contengono un solo ormone, il progesterone, come Cerazette, ritardare i tempi di una dose della pillola aumenta notevolmente le possibilità di gravidanza poiché i livelli di ormone scendono molto rapidamente, il che aumenta il rischio di ovulazione.

È importante utilizzare un metodo contraccettivo aggiuntivo per i prossimi 7 giorni nel caso in cui dimentichi di prendere il contraccettivo all’orario corretto.

3. Avere episodi di diarrea o vomito

Avere episodi di diarrea o vomito nelle 3 o 4 ore dopo l’assunzione della pillola contraccettiva o per più di 48 ore, riduce l’assorbimento della pillola, aumentando il rischio di gravidanza.

In questi casi, deve continuare a prendere il contraccettivo normalmente e utilizzare un preservativo come metodo contraccettivo aggiuntivo.

4. Dimentica di prenderlo più volte

Dimenticare di prendere le pillole più volte durante il mese non consente un corretto effetto contraccettivo e il rischio di gravidanza aumenta molto, quindi il preservativo deve essere utilizzato durante il tempo in cui rimane la confezione della pillola fino a iniziarne una nuova.

In questo caso, è importante consultare il ginecologo e provare un altro metodo contraccettivo che non necessita di essere assunto tutti i giorni, come ad esempio l’iniezione, il cerotto ormonale, l’impianto nel braccio o l’inserimento dello IUD.

5. Cambia i contraccettivi

Cambiare la contraccezione richiede cure e guida medica, poiché ogni contraccettivo ha le sue caratteristiche e il cambiamento degli ormoni può alterare i livelli degli ormoni nel corpo e portare a ovulazione indesiderata, aumentando il rischio di gravidanza.

È generalmente consigliabile utilizzare un preservativo nelle prime 2 settimane di cambio del contraccettivo. Impara come cambiare i contraccettivi senza rischiare una gravidanza.

6. Utilizzo di altri farmaci

Alcuni farmaci possono interferire con l’efficacia dei contraccettivi, riducendone o riducendone l’effetto.

Alcuni studi dimostrano che la maggior parte degli antibiotici non interferisce con l’effetto dei contraccettivi orali, purché siano assunti correttamente, secondo le indicazioni del medico. Tuttavia, ci sono alcuni antibiotici che hanno dimostrato di ridurre l’efficacia dei contraccettivi, come la rifampicina e la rifabutina, usati per trattare la tubercolosi, la lebbra e la meningite batterica, così come la griseofulvina, che è un antimicotico usato per trattare micosi sulla pelle. Quando è necessario utilizzare questi antibiotici o in caso di vomito o diarrea dopo l’uso di qualsiasi antibiotico, deve essere utilizzato un preservativo come metodo contraccettivo aggiuntivo per evitare una gravidanza indesiderata.

Altri metodi che riducono l’efficacia dei contraccettivi orali sono gli anticonvulsivanti, come fenobarbital, carbamazepina, oxcarbazepina, fenitoina, primidone, topiramato o felbamato, usati per ridurre le convulsioni. Pertanto, è importante consultare il medico curante per evitare interazioni che interferiscono con l’uso dei contraccettivi.

7. Bere bevande alcoliche

L’alcol non interferisce direttamente con i contraccettivi orali, tuttavia quando bevi aumenta il rischio di dimenticare di prendere la pillola, il che può ridurne l’efficacia e aumentare il rischio di gravidanze indesiderate.

Inoltre, se bevi eccessivamente prima di prendere la pillola e vomiti fino a 3 o 4 ore dopo averla presa, ne riduce l’efficacia.

8. Conservare il contraccettivo nell’ambiente sbagliato

Le pillole anticoncezionali devono essere conservate tra i 15 ei 30 gradi e in un luogo lontano dall’umidità, quindi non devono essere conservate in bagno o in cucina. Tenere le pillole nella confezione originale, alla giusta temperatura e senza umidità garantisce che non subiscano alterazioni che potrebbero ridurne l’efficacia e aumentare il rischio di gravidanza.

Prima di utilizzare la compressa, è necessario osservare l’aspetto della compressa e se ha qualche cambiamento di colore o odore, si sbriciola o sembra bagnata, non la deve prendere. Si consiglia di acquistare un altro pacchetto di contraccettivi per assicurarsi che siano integri e senza alterazioni che possano influire sulla loro efficacia.

È possibile rimanere incinta prendendo la pillola e allattando al seno?

La pillola contraccettiva Cerazette, che viene utilizzata durante l’allattamento, serve a prevenire la gravidanza e ha un’efficacia intorno al 98% come le altre pillole contraccettive, tuttavia, se la donna dimentica di prendere la pillola per più di 12 anni ore o se stai assumendo un antibiotico potresti rimanere incinta di nuovo, anche se stai allattando.

Guarda quali sono gli antibiotici che possono ridurre l’effetto delle pillole anticoncezionali.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Cosa può cambiare il colore della cacca nei bambini?

Antibiotici: cosa sono, a cosa servono e altre domande comuni