in

Cause principali di feci sanguinolente nel bambino e cosa fare

La causa più comune e meno grave della presenza di colore rossastro o molto scuro nelle feci del bambino è legata al consumo di alimenti come barbabietole, pomodori e gelatina. La colorazione di questi alimenti può lasciare nelle feci un colore rossastro, ma che non è correlato alla presenza di sangue, sebbene possa confondere i genitori. 

In generale, trovare sangue nelle feci del bambino non è una situazione grave, ma se il bambino ha diarrea sanguinolenta o ha una febbre uguale o superiore a 38 ° C, il pediatra dovrebbe essere avvisato o andare il più rapidamente possibile, poiché potrebbe essere qualcos’altro grave e potrebbe richiedere dei test. 

1. Costipazione

È più comune quando il bambino prende un biberon o dopo aver iniziato la poppata dai 4 ai 6 mesi di età, che può essere una dieta povera di fibre. Le feci possono essere separate sotto forma di palline e molto dolore, causando molto dolore durante l’evacuazione. 

Cosa fare : offrire più acqua al bambino e se ha già iniziato una dieta diversificata, è possibile offrire cibi più ricchi di fibre come la papaia o 2 cucchiaini di succo d’arancia o una farina d’avena. Un buon consiglio è quello di dare un frutto alla fine di ogni pasto, colazione e merenda comprese.

2. Ragade anale

Può verificarsi a causa della stitichezza e si verifica quando nell’ano compaiono piccole fessure che sanguinano quando il bambino defeca.

Cosa fare : il segreto è ammorbidire le feci perché in questo modo quando passano attraverso l’ano non provocano lesioni. Un’ottima strategia è offrire più acqua, succhi di frutta naturali e cibi che aiutano a sciogliere l’intestino. Nei casi più gravi, quando il bambino non ha avuto movimenti intestinali per più di 5 giorni, può essere posto un lassativo infantile, composto da glicerina, per svuotare l’intestino.

3. Allergia alimentare

A volte i bambini allattati al seno possono avere una reazione allergica a determinati alimenti che la madre mangia come il latte di mucca e suoi derivati ​​o la soia. In questo caso, le feci possono apparire con grumi o strisce di sangue, rendendo le feci più scure e con un odore più intenso. 

Cosa fare: dovresti andare dal pediatra il prima possibile e in caso di sospetto la madre dovrebbe smettere di consumare il latte vaccino, i suoi derivati ​​e anche tutto ciò che è a base di soia.

4. dermatite da pannolino

La pelle del bambino è molto sensibile e lo sfregamento può anche sanguinare, facendo apparire le feci sanguinolente, ma in questo caso il sangue sarà rosso vivo e facile da identificare, soprattutto durante la pulizia del bambino.

Cosa fare: evitare di pulire il bambino con fazzoletti bagnati, preferendo pulirlo con un pezzo di cotone imbevuto di acqua tiepida. L’uso dell’unguento durante il cambio del pannolino è indicato soprattutto quando la pelle è ferita, ma può essere utilizzato anche come forma di protezione, perché crea una barriera che impedisce il contatto diretto delle feci con la pelle del bambino. Tuttavia, non è necessario mettere una grande quantità di unguento in modo che la sensazione non sia strana. È sufficiente che l’area sia leggermente biancastra. 

5. Crepe nei capezzoli della madre 

A volte il bambino allattato al seno può ingoiare un po ‘di sangue se i capezzoli della madre sono feriti. Queste piccole crepe, sebbene causino sempre dolore e disagio, non sono sempre grandi e, nonostante non mostrino una grande quantità di sangue, possono essere sufficienti per causare cambiamenti nelle feci del bambino. In questo caso le feci sono scure e hanno un cattivo odore. Scopri come curare i capezzoli screpolati per un allattamento al seno indolore. 

Cosa fare: puoi continuare ad allattare normalmente, anche se questo aiuta il capezzolo rotto a guarire. 

6. Diarrea sanguinolenta nei bambini

In caso di diarrea prolungata che dura più di 2 giorni, possono comparire piccole irritazioni, ragadi e persino sangue nelle feci del bambino, un’altra causa può essere anche un’infezione da Salmonella o altri batteri o virus.

Cosa fare: dovresti seguire le istruzioni del pediatra per fermare la diarrea, evitando di offrire cibi che induriscono le feci prima del terzo giorno della diarrea, perché se è causata da virus o batteri, è bene che si verifichi la diarrea per eliminare quei microrganismi dell’intestino. Ma è importante evitare la disidratazione, molto pericolosa per i bambini, e per questo, sempre dopo un episodio di diarrea, va offerto 1 bicchiere d’acqua, succo, siero o latte per mantenere il bambino adeguatamente idratato.

7. Emorragia vaginale nei neonati

Le neonate possono avere sangue nel pannolino, ma questo non è correlato alle feci, ma ai cambiamenti ormonali che avvengono nel loro corpo, generando una “mini mestruazione”, che passa in pochi giorni. Questo è più frequente nei primi giorni o al massimo nelle prime 2 settimane. La quantità di sangue nel pannolino è minima e potrebbero esserci delle macchie rosa.

Cosa fare: al  pediatra dovrebbe essere mostrato di verificare se si tratta davvero di menarca neonatale o se si tratta di qualche altro fattore che merita un trattamento. Se si tratta di questa falsa mestruazione non è necessario alcun trattamento, e dura solo 1 o 2 giorni in una piccola quantità, e normalmente non si osserva in tutti i cambi di pannolino. 

Ci sono anche altre cause di sangue nelle feci del bambino e per questo motivo il pediatra dovrebbe essere sempre informato che ciò sta accadendo, in modo che possa verificare se è necessario un esame per scoprire la causa e quale sarà il trattamento necessario. Chi fa la diagnosi della causa della presenza di sangue o muco nelle feci del bambino è il medico.

Segnali di pericolo per consultare immediatamente un medico

Se, nonostante la comparsa di sangue nelle feci o nelle urine, il bambino appare sano, è possibile fissare un appuntamento con il pediatra per informarlo di ciò che sta accadendo. Ma si consiglia di consultare il medico il prima possibile se il bambino ha sangue nel pannolino ed è accompagnato da:

  • Molto pianto, può indicare coliche o dolori addominali;
  • Mancanza di appetito, rifiuto del latte materno o del cibo;
  • Se è prostrato, giù e non vuole interagire, con un’apparenza svogliata;
  • In caso di vomito, febbre o diarrea.

In questo caso, il pediatra dovrebbe osservare il bambino per identificare la causa di questi sintomi e indicare il trattamento più appropriato.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Trattamento per il dolore addominale in gravidanza

Cosa può cambiare il colore della cacca nei bambini?