in

Infezione intestinale: sintomi principali, cosa mangiare

L’infezione intestinale di solito insorge dopo il consumo di cibo o acqua contaminati e possono verificarsi febbre, dolore addominale, vomito e diarrea frequente, è importante consultare un medico nel caso in cui i sintomi non scompaiano dopo 2 giorni.

È possibile evitare le infezioni intestinali migliorando le abitudini igieniche, sia personali che alimentari, raccomandandosi di lavarsi le mani dopo aver usato il bagno e lavare bene il cibo prima di prepararlo.

Principali sintomi

I sintomi di un’infezione intestinale possono manifestarsi dopo il consumo di cibo contaminato o fino a 3 giorni dopo, e variano a seconda del tipo di microrganismo, della gravità dell’infezione, dell’età e dello stato di salute generale della persona, i sintomi principali sono:

  • Coliche e dolori addominali;
  • Diarrea, essendo in grado di presentare sangue nelle feci;
  • Vomito;
  • Mal di testa;
  • Aumento del gas;
  • Perdita di appetito;
  • Febbre.

È importante ricordare che i sintomi dell’infezione intestinale sono più gravi e preoccupanti nei bambini e negli anziani, poiché hanno un sistema immunitario più fragile, che può favorire una più rapida proliferazione del microrganismo e, in questo modo, rendere più grave l’infezione oltre ad aumentare la perdita di peso e il rischio di disidratazione.

Chi è a maggior rischio di infezione intestinale

Le persone con un sistema immunitario indebolito come i pazienti con AIDS o il trattamento del cancro, i bambini, le donne incinte e gli anziani hanno una maggiore probabilità di avere un’infezione intestinale.

Inoltre, le persone con gastrite o bruciore di stomaco o che usano medicinali per controllare l’acidità di stomaco come l’omeprazolo, hanno un rischio maggiore di avere un’infezione intestinale, perché l’acidità dello stomaco è ridotta e facilita il passaggio di virus e batteri nell’intestino. .

Cosa mangiare durante un’infezione intestinale

Durante il trattamento di un’infezione intestinale è importante bere molta acqua per reintegrare i liquidi persi a causa di diarrea e vomito, e consumare cibi facilmente digeribili come riso bianco cotto, pasta, carne bianca con pochi condimenti, frutta cotta e senza pelle, succhi filtrati e tè con zucchero, ricordando di evitare i tè contenenti caffeina come i tè verdi, neri e opachi. 

Negli snack si possono consumare crackers secchi senza farcitura, pane bianco con marmellata di frutta, yogurt naturale e formaggi bianchi come la ricotta, in quanto sono a basso contenuto di grassi e facilmente digeribili.

Cosa non mangiare

Finché la diarrea dura, va evitato il consumo di verdura, verdura e frutta con la buccia, sia nelle zuppe che nelle insalate cotte, poiché sono ricche di fibre che aumentano il transito intestinale e favoriscono la diarrea.

Gli alimenti ricchi di grassi dovrebbero essere evitati, come carne rossa, burro, latte, formaggi gialli, pancetta, salsicce e cibi lavorati, poiché il grasso in eccesso facilita anche il transito intestinale e rende difficile la digestione.

Oltre a questo, dovrebbero essere evitati cibi che favoriscono la formazione di gas come cavoli, uova, fagioli, mais, piselli e piselli ricchi di zucchero, poiché favoriscono la diarrea e aumentano il dolore addominale.

Come evitare la disidratazione

Per evitare la disidratazione è importante consumare almeno 2 litri di liquidi al giorno, ed è possibile utilizzare anche il siero fatto in casa, seguendo la ricetta:

  • 1 cucchiaio di zucchero;
  • 1 cucchiaino di sale;
  • 1 L di acqua filtrata o bollita.

Il siero fatto in casa deve essere lasciato in una bottiglia separata affinché il paziente possa bere durante il giorno, purché i sintomi persistano. Questo siero è adatto a tutte le età. Guarda come preparare il siero fatto in casa nel video qui sotto

Oltre al siero fatto in casa, ci sono anche altre ricette fatte in casa per curare le infezioni intestinali come l’acqua allo zenzero o il succo di limone. Guarda  come prepararli.

Come prevenire le infezioni intestinali

Per prevenire le infezioni intestinali è importante prendersi cura dell’igiene personale e del cibo, come ad esempio:

  • Lavarsi accuratamente le mani dopo aver usato il bagno o aver toccato animali domestici;
  • Lavarsi bene le mani prima e dopo aver maneggiato il cibo;
  • Evita di mangiare carne e uova crude o poco cotte;
  • Consumare acqua filtrata o bollita.

Per quanto riguarda la presenza di sintomi di infezione alimentare, è importante evitare di preparare il cibo per altre persone, per evitare che anche loro si ammalino. Oltre a questo, dovresti evitare di consumare cibi che causano la maggior parte delle infezioni intestinali come il sushi o le uova poco cotte. Consulta alcuni cibi che possono causare dolore addominale . 

Quando vedere un dottore

È importante consultare il medico quando i sintomi dell’infezione intestinale durano più di 2 giorni, nel caso dei bambini, o 3 giorni, nel caso degli adulti. Inoltre, si consiglia di consultare un medico quando si presentano altri sintomi, come febbre costante o presenza di sangue nelle feci. 

I bambini di età inferiore a 3 mesi dovrebbero essere portati dal medico se hanno vomito e diarrea, mentre i bambini di età superiore a 3 mesi dovrebbero consultare un pediatra se i sintomi durano più di 12 ore. Informati sui medicinali che possono essere usati per trattare un’infezione intestinale.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

5 sintomi di reazione allergica e cosa fare

11 Cause principali del dolore alla pancia e cosa fare