in

Beta-bloccanti: perché ne hai bisogno per l’insufficienza cardiaca

E perché saltare le dosi è una cattiva idea

I beta-bloccanti sono alcuni dei farmaci più efficaci per il trattamento dell’insufficienza cardiaca cronica . È probabile che il tuo medico ti abbia prescritto un beta-bloccante se hai avuto un attacco di cuore o hai:

  • Insufficienza cardiaca sistolica (quando il tuo cuore non si contrae abbastanza forte).
  • Ipertensione.
  • Tachicardia (battito cardiaco accelerato).
  • Aritmia (battito cardiaco irregolare).

I beta-bloccanti sono farmaci che possono rallentare la frequenza cardiaca e impedirle di lavorare troppo. Possono anche impedire al tuo cuore di rispondere agli ormoni dello stress, come l’adrenalina. Nel tempo, i beta-bloccanti possono aiutare il tuo cuore a pompare meglio.

“I beta-bloccanti rimangono uno dei farmaci più importanti che prescriviamo, perché a lungo termine aiutano i pazienti a vivere più a lungo”, afferma il cardiologo WH Wilson Tang, MD .

Il medico potrebbe prescriverti altri medicinali insieme ai beta-bloccanti per migliorare i sintomi dell’insufficienza cardiaca, come:

  • Antagonisti dell’aldosterone: questi medicinali bloccano gli ormoni che peggiorano l’insufficienza cardiaca. Inducono i reni a produrre più urina, che elimina il sale e l’acqua in eccesso dal corpo e facilita il pompaggio del cuore.
  • Inibitori del recettore dell’angiotensina-neprilisina (ARNI): questi medicinali combinati aiutano il tuo cuore a pompare meglio il sangue in modo che tu possa avere meno sintomi mentre svolgi le tue attività quotidiane.
  • Inibitori del cotrasportatore sodio-glucosio 2 (SGL2T-i): questa nuova classe di farmaci può aiutare il tuo cuore a funzionare meglio. Se hai il diabete, ti aiuteranno anche a ridurre il livello di zucchero nel sangue.

Questi farmaci sono pilastri del trattamento dell’insufficienza cardiaca e riducono il rischio di un evento cardiovascolare.

Beta bloccanti: usare come indicato

Quando inizi a prendere beta-bloccanti, i tuoi sintomi potrebbero peggiorare leggermente per circa due o tre settimane mentre il tuo cuore si abitua a loro. Potresti sentirti più stanco o avere le vertigini. È normale. Tuttavia, dovrai controllare la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca per assicurarti che non scendano troppo.

È fondamentale prendere i beta-bloccanti come indicato. Anche se pensi che non funzionino o che non ti facciano sentire meglio, aiutano a prevenire il peggioramento della tua malattia cardiaca.

È particolarmente importante continuare a usare i beta-bloccanti se li prendi a lungo termine. Gli studi dimostrano che interromperli bruscamente può causare dolore al petto e aumentare il rischio di morte cardiaca improvvisa .

Quindi, non interrompere l’assunzione dei beta-bloccanti a meno che non ne parli con il tuo medico, anche se stanno causando effetti collaterali come:

  • Vertigini o stordimento.
  • Stanchezza.
  • Mani e piedi freddi.
  • Mal di testa.
  • Incubi o difficoltà a dormire.
  • Nausea, vomito, bruciore di stomaco, diarrea, costipazione o gas.
  • Improvviso aumento di peso (come aumentare di tre o più libbre in un giorno o aumentare di peso per più di due giorni).
  • Difficoltà a respirare, aumento della mancanza di respiro o respiro sibilante.
  • Eruzione cutanea.
  • Battito cardiaco lento, veloce o irregolare.
  • Gonfiore dei piedi e della parte inferiore delle gambe.
  • Dolore al petto, ma contatta subito il tuo medico o l’infermiere.

Se uno qualsiasi di questi effetti collaterali è grave o non scompare, parla con il tuo medico di come controllarli. A volte il medico può:

  • Riduci il dosaggio del beta-bloccante.
  • Modifica gli altri farmaci.
  • Consiglia modi alternativi per assumere il tuo beta-bloccante in modo che non interagisca con altri farmaci.

La ragione numero 1 per cui le persone (erroneamente) smettono di prendere beta-bloccanti

“Il motivo principale per cui i pazienti smettono di usare beta-bloccanti è il ricovero in ospedale – per varie condizioni, non solo per l’insufficienza cardiaca”, afferma il dott. Tang. “Tuttavia, la maggior parte delle persone non dovrebbe smettere, anche se sono ricoverate in ospedale, a meno che i medici non decidano che è più male che bene”.

La ricerca mostra che i pazienti stanno meglio quando continuano a prendere beta-bloccanti mentre sono in ospedale, anche con insufficienza cardiaca acuta.

“L’incapacità di tollerare i beta-bloccanti indica un peggioramento delle condizioni cardiache”, afferma il dott. Tang. “Potrebbero essere necessari altri test per determinare se il cuore è troppo debole per i beta-bloccanti.”

Ciò può valere anche per i pazienti la cui funzione cardiaca è tornata al range normale. “Recenti studi clinici hanno dimostrato che, anche in quelli con pieno recupero della struttura e della funzione del cuore, interrompere farmaci come i beta-bloccanti può invertire il corso del recupero e può essere dannoso”, aggiunge.

Riprendere i beta-bloccanti non è così facile

Se hai smesso di prendere beta-bloccanti, rideterminare il dosaggio corretto è un processo complicato. Sebbene sia importante riprendere i beta-bloccanti, dovrai seguire attentamente le istruzioni del tuo medico. I medici hanno imparato ad iniziare in basso e ad aumentare lentamente la dose in modo che il tuo corpo possa riadattarsi al farmaco.

In generale, i medici hanno imparato ad iniziare in basso e ad aumentare lentamente la dose in modo che il corpo possa riadattarsi al farmaco.

“Quanto e quanto velocemente aumentare la dose dipenderà dalle tue condizioni mediche”, afferma il dott. Tang. “Può richiedere tempo e persino aggiustare altri farmaci per mantenere una pressione sanguigna adeguata”.

La tua migliore precauzione? Assicurati di avere sempre a portata di mano una quantità sufficiente di farmaci beta-bloccanti. Esaurirsi o semplicemente non assumere i farmaci può essere pericoloso.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Quando chiamare il dottore per il tuo neonato

Come ridurre il rischio di futuri attacchi di pancreatite