in

Come ridurre il rischio di futuri attacchi di pancreatite

Come ridurre il rischio di futuri attacchi di pancreatite

Hai mai avuto un forte dolore acuto allo stomaco causato dalla tua pancreatite? O è sembrato più un disagio costante e sordo? 

In ogni caso, devi affrontarlo lavorando a stretto contatto con il tuo medico e apportando importanti cambiamenti allo stile di vita.

“Il trattamento precoce e aggressivo della pancreatite può migliorare i risultati, sollecitare un recupero precoce e limitare le complicanze”, afferma lo specialista pancreatico  Prabhleen Chahal, MD .

Quali sono le cause della pancreatite?

La pancreatite si  verifica quando il pancreas, il lungo organo che si trova dietro lo stomaco e vicino all’intestino tenue, si infiamma. Il pancreas aiuta la digestione e aiuta a regolare i tuoi ormoni per lo zucchero e il metabolismo.

“La pancreatite ha due forme: acuta e cronica”, afferma il dottor Chahal. “I problemi iniziano a verificarsi quando il pancreas rilascia enzimi digestivi troppo presto e questi attaccano il pancreas stesso invece di abbattere il cibo che mangi”.

Se hai un caso acuto, i tuoi sintomi possono variare da leggermente fastidiosi a pericolosi per la vita. Gli attacchi lievi in ​​genere durano alcuni giorni.

Un attacco di pancreatite da moderato a grave può causare:

  • Insufficienza multiorgano (reni, polmoni o cuore).
  • Formazione di sanguinamento / coaguli nei vasi sanguigni.
  • Distruzione del pancreas (necrosi).
  • Infezione.
  • Formazione di raccolta di liquidi infiammatori (pseudocisti).
  • Malnutrizione.
  • Sepsi.
  • Sistema gastrointestinale rallentato.

La pancreatite cronica , tuttavia, è il risultato di un’infiammazione progressiva e di lunga durata. Può svilupparsi dopo un attacco acuto e nel tempo i sintomi possono includere:

  • Dolore addominale superiore e gonfiore.
  • Nausea e vomito.
  • Diarrea da malassorbimento.
  • Perdita di peso (perché il tuo corpo non assorbe correttamente i nutrienti).
  • Diabete.
  • Carenza di vitamine liposolubili come A, D, E e K.

Come fermare attacchi futuri

È possibile fermare i futuri attacchi di pancreatite. Per iniziare un viaggio sano, è importante apportare alcuni cambiamenti comportamentali e di stile di vita.

“La malattia del pancreas ha un impatto significativo sulla qualità della vita”, afferma. “Una gestione di successo comporterà cure multi-specialistiche, comprese modifiche comportamentali e dello stile di vita”.

Se continui ad avere riacutizzazioni di pancreatite, alla fine può portare a cicatrici pancreatiche  , quindi è fondamentale apportare queste modifiche necessarie. Fai quello che puoi per ridurre questi fattori di rischio:

  • Calcoli biliari . Se ti vengono diagnosticati  calcoli biliari  e hai subito un attacco di pancreatite, la rimozione della cistifellea può aiutare a prevenire problemi futuri.
  • Bere pesante . L’eccessiva   assunzione di alcol causa fino al 70% dei casi di pancreatite cronica e quasi la metà della pancreatite acuta, quindi ha senso smettere di bere alcolici.
  • Fumo . Può peggiorare i tuoi risultati, far progredire la malattia (pancreatite cronica) più velocemente e aumentare il rischio di  cancro al pancreas .
  • Cattiva  alimentazione . Evita i cibi ricchi di grassi, in particolare i cibi fritti che possono mettere a dura prova il tuo  sistema digestivo . Invece, concentrati sul mangiare una dieta povera di grassi e ricca di proteine, ricca di vitamine e sostanze nutritive. I pazienti con pancreatite cronica spesso traggono beneficio dall’introduzione di olio di trigliceridi a catena media (MCT) nella loro dieta. Potresti anche prendere in considerazione l’assunzione di enzimi digestivi artificiali, che aiutano il tuo corpo a scomporre il cibo e ad assorbire nutrienti e vitamine. Consulta il tuo medico per sapere se gli enzimi digestivi artificiali sarebbero una buona idea da prendere.

Affrontare il dolore

Se la tua pancreatite ti causa un dolore da lieve a moderato, possono essere utili farmaci antidolorifici da banco come il paracetamolo o l’ibuprofene a breve termine.

“Per il dolore che è costante e grave, prendere in considerazione una consultazione con un medico di gestione del dolore che spesso prescrive farmaci chiamati neuro modulatori del dolore”, afferma il dottor Chahal. “Ai pazienti viene offerta anche una procedura specializzata chiamata blocco del plesso celiaco per la gestione del dolore cronico correlato alla pancreatite cronica”.

Se hai avuto un attacco acuto, evita che si ripresenti iniziando con farmaci e cambiamenti comportamentali. In alcuni casi, sono necessarie ulteriori procedure endoscopiche come un utrasound endoscopico (ERCP) o un  intervento chirurgico  .

Se hai calcoli nel pancreas, il medico può utilizzare le onde d’urto per rompere i calcoli che creano blocchi. 

“Questo può aiutare con il dolore e le riacutizzazioni ricorrenti del pancreas”, dice. “I chirurghi possono rimuovere le aree malate o infiammate del pancreas o l’intero pancreas, se necessario.

In definitiva, la gestione della condizione spesso richiede modifiche mediche, endoscopiche, chirurgiche e personali.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Beta-bloccanti: perché ne hai bisogno per l’insufficienza cardiaca

Quali alimenti dovresti mangiare – ed evitare – durante una dieta per diverticolite?