in

Quando dovresti iniziare a essere sottoposto a screening per il cancro del colon-retto?

E scopri come gli screening regolari salvano vite

Secondo l’ American Cancer Society , il cancro del colon-retto è il terzo tumore più comune diagnosticato sia negli uomini che nelle donne negli Stati Uniti.È anche la terza causa di decessi correlati al cancro tra uomini e donne. Anche se si prevede che quest’anno causerà circa 53.200 morti, non tutte le notizie sono fosche. Il numero di decessi correlati al cancro del colon-retto è in realtà diminuito da diversi decenni. Uno dei motivi per la diminuzione: più persone ricevono screening regolari e per questo motivo i polipi del colon-retto vengono scoperti e rimossi prima che diventino cancerogeni. 

Recentemente, la US Preventive Services Task Force (Task Force), un gruppo indipendente e volontario di esperti nazionali in prevenzione e medicina basata sull’evidenza, ha raccomandato che gli screening per il cancro del colon-retto inizino all’età di 45 anni, rispetto alla precedente raccomandazione sull’età 50. Anche se una differenza di cinque anni potrebbe non sembrare molto, il chirurgo del colon-retto, David Liska, MD, FACS, FASCRS e direttore del Sanford R. Weiss Center for Hereditary Colorectal Cancer , ritiene che questa sia una notizia molto incoraggiante, specialmente quando si tratta di salvare vite umane.  È importante notare che questa raccomandazione è arrivata sotto forma di una bozza che è stata pubblicata il 27 ottobre. È ancora in fase di finalizzazione in questo momento.

Perché questa raccomandazione è significativa? 

Mentre l’American Cancer Society ha raccomandato che le persone inizino a essere sottoposte a screening regolarmente per il cancro del colon-retto a 45 anni negli ultimi anni, la raccomandazione della US Preventive Task Force ha un impatto molto positivo sulle opzioni di screening e trattamento per le persone ovunque. 

Spiega il dottor Liska. 

“La US Preventive Task Force ora ha seguito l’esempio dell’American Cancer Society, che da due anni raccomanda di iniziare lo screening all’età di 45 anni. L’importanza della raccomandazione della Task Force è che aiuterà a determinare cosa copriranno Medicare, Medicaid e assicurazioni private, nella maggior parte dei casi. Ciò aiuterà anche a guidare i fornitori di cure primarie riguardo a ciò che raccomandano ai pazienti in termini di screening. Con questa nuova linea guida, prevedo un grande aumento del numero di pazienti che verranno sottoposti a screening di età inferiore ai 50 anni “.

Mentre il tasso di diagnosi di cancro del colon-retto è diminuito in modo significativo anno dopo anno dalla metà degli anni ’80, principalmente tra la popolazione di 55 anni e più, l’American Cancer Society ha riferito che le diagnosi per le persone di età inferiore ai 55 anni sono aumentate del 2% ogni anno tra il 2007 e 2016. 

Con questa nuova raccomandazione, il dottor Liska spera che il tasso inizi a diminuire anche per la fascia di età dai 45 ai 50 anni. 

“Lo screening, soprattutto con una colonscopia , non solo rileva il cancro, ma può anche aiutare a prevenire il cancro, permettendoci di trovare polipi in modo da poterli rimuovere prima che abbiano la possibilità di trasformarsi in cancro. Anche se questa è una grande notizia, purtroppo abbiamo appreso che l’incidenza del cancro del colon-retto è in aumento nei pazienti sotto i 50 anni. Questa è una tendenza molto allarmante che abbiamo osservato e, purtroppo, questi pazienti non sono stati in grado di trarre vantaggio dallo screening perché la raccomandazione di solito è stata quella di iniziare all’età di 50 anni. Quindi, sulla base della nostra esperienza, possiamo ora presumere che poiché l’incidenza del cancro è aumentata tra i pazienti di età inferiore ai 50 anni, inizieremo a vedere lo stesso beneficio che abbiamo visto con persone di età superiore ai 55 anni durante le proiezioni regolari. “

Chi è a rischio di cancro del colon-retto?

Il dottor Liska afferma che l’attuale raccomandazione è principalmente per gli individui a rischio medio, ovvero coloro che non hanno una storia familiare di cancro del colon-retto o sintomi. Se hai una storia familiare forte, una malattia infiammatoria intestinale o una sindrome da cancro ereditario, saresti considerato a più alto rischio e potrebbe essere necessario sottoporlo a screening prima dei 45 anni. 

Gli afroamericani tendono ad avere la più alta incidenza di cancro del colon-retto e tassi di mortalità di tutti i gruppi razziali negli Stati Uniti. Di nuovo, con la raccomandazione della Task Force, il dottor Liska spera che anche questo cambierà. 

“L’incidenza del cancro del colon-retto è stata più alta negli afroamericani, specialmente negli uomini afroamericani, e anche questa è una popolazione che non riceve lo screening raccomandato. Quindi, speriamo che questa nuova linea guida aumenti anche in modo significativo lo screening, specialmente tra gli afroamericani a partire dall’età di 45 anni, perché sono a rischio più elevato. Sfortunatamente con questa popolazione, abbiamo assistito alla diagnosi di cancro del colon-retto in una fase successiva, quando è più difficile da curare “, dice.

Altri fattori di rischio per il cancro del colon-retto 

Con il cancro del colon-retto, ci sono una serie di fattori di rischio. Alcuni possono essere ridotti mentre altri sono fuori dal tuo controllo.

Fattori di rischio che puoi controllare

  • Essere sovrappeso.
  • Non esercitare regolarmente.
  • Troppe carni rosse o lavorate nella dieta. 
  • Non abbastanza vitamina D nella tua dieta. 
  • Fumo.
  • Uso intenso di alcol. 

Fattori di rischio che sono al di fuori del tuo controllo

  • Essere più vecchi.
  • Una storia di polipi del colon-retto, cancro del colon-retto o malattia infiammatoria intestinale (IBD).
  • Una storia familiare di cancro del colon-retto o polipi.
  • Avere una sindrome del cancro ereditario come la sindrome di Lynch o la poliposi adenomatosa familiare (FAP).
  • La tua razza o origine etnica.
  • Essere diagnosticato con diabete di tipo 2 .

Se hai sintomi, parla con il tuo medico il prima possibile

La dottoressa Liska dice di fare attenzione al sanguinamento rettale , ai cambiamenti nei movimenti intestinali (nel senso che vanno dall’avere quelli frequenti all’essere costipati o avere la diarrea), dolore addominale e perdita di peso. Se stai riscontrando questi sintomi, contatta immediatamente il tuo medico per una diagnosi. 

“Una delle cose allarmanti che abbiamo visto con i pazienti sotto i 50 anni è che viene diagnosticato un cancro del colon-retto dopo aver avuto sintomi per un bel po ‘di tempo. E a volte, quando i sintomi vengono presentati ai loro medici, sono spesso attribuiti alle emorroidi o ad altre condizioni. Abbiamo davvero bisogno di educare il pubblico e i medici in modo che sappiano che il cancro del colon-retto è più comune tra i giovani e se qualcuno ha sintomi, indipendentemente dall’età, dovremmo raccomandare la valutazione attraverso una colonscopia “.

Le colonscopie non hanno nulla da temere

Se non hai mai avuto una colonscopia prima, non dare per scontato il peggio e ignorare la raccomandazione di screening del tuo medico. Se ti senti un po ‘incerto o a disagio riguardo al processo, parla con il tuo fornitore. Possono aiutarti a metterti a tuo agio. Ma non fare nulla non è mai la risposta giusta.

“In questo momento, circa due terzi delle persone a cui è consigliato sottoporsi allo screening vengono sottoposti a screening. Un terzo non lo è. Abbiamo ancora molto lavoro da fare per assicurarci che tutti coloro che ricevono consigli sullo screening vengano sottoposti a screening. Questa è stata in realtà una delle critiche all’estensione dell’età dello screening al di sotto dei 50 anni. L’idea era di lavorare prima per assicurarsi che gli over 50 fossero sottoposti a screening, ma non credo che questo problema si escluda a vicenda. Possiamo lavorare su entrambe le popolazioni, il che significa aumentare lo screening per le persone tra i 45 ei 50 anni e anche per coloro che hanno più di 50 anni. Il modo in cui lo facciamo educando le persone sui benefici dello screening e anche aiutandole a rendersi conto che esistono altri screening metodi disponibili oltre alla colonscopia “. 

Il dottor Liska dice che ci sono anche test che possono essere fatti a casa e se tornano anormali, aiuteranno a indicare che è necessaria una colonscopia. 

“Se qualcuno ha paura o è imbarazzato per avere una colonscopia, non è l’unico test da fare. Ci sono alcuni test che possono essere eseguiti a casa e, se non sono normali, attivano una colonscopia. Ma tutti dovrebbero rendersi conto che parlare di sintomi non è qualcosa di cui essere imbarazzati. D’altra parte, se hai paura di una colonscopia, parlane con il tuo medico. Possono parlarti o trovare un’opzione diversa per te. Infine, quando si tratta della salute del colon-retto, tienilo a mente: il miglior test di screening è quello che viene fatto.

Le persone di età inferiore ai 50 anni possono essere sottoposte a screening per il cancro del colon-retto ora?

Sebbene questa bozza della raccomandazione della Task Force sia incoraggiante, non è definitiva. Attualmente, la copertura assicurativa non si estende a coloro che sono a rischio medio e al di sotto dell’età consigliata per la colonscopia (che è 50). Quindi, anche se la Task Force e l’American Cancer Society propendono per gli screening prima dei 50 anni, i cambiamenti assicurativi non avranno effetto finché tutto non sarà finalizzato.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

6 modi sorprendenti in cui l’aglio aumenta la tua salute

5 semplici consigli per prevenire il Norovirus questo inverno