in

Il sambuco è davvero una cura efficace per raffreddore e influenza?

Mentre gli studi precedenti hanno mostrato risultati promettenti, gli ultimi dati dicono il contrario

Presto la tosse, il raffreddore e gli starnuti voleranno e le farmacie saranno ben rifornite dei soliti rimedi contro il raffreddore e l’influenza. Se tendi a gravitare verso le opzioni di trattamento naturale, probabilmente hai visto i prodotti a base di sambuco sugli scaffali stagione dopo stagione. Dallo sciroppo per la tosse alle pastiglie, dalle caramelle gommose ai succhi di immunità, questa ricca fonte di antiossidanti è considerata da alcuni una soluzione del Santo Graal per il trattamento del raffreddore e dell’influenza.

Ma le bacche di sambuco non sono diventate popolari dall’oggi al domani. L’estratto di bacche di sambuco è stato usato in medicina per secoli per combattere le infezioni, schiarire la carnagione e aumentare l’immunità. Continua a leggere per scoprire perché i prodotti a base di sambuco sono diventati così popolari e se sono davvero all’altezza del clamore.

Cosa sono le bacche di sambuco?

Le bacche di sambuco provengono da una varietà di alberi nota come Sambucus. Il sambuco europeo, noto anche come Sambucus nigra o sambuco nero, è l’albero più comune di questa famiglia. Le bacche ei fiori di questi alberi sono commestibili, tuttavia, le bacche di sambuco devono essere cotte prima di essere consumate. Allo stato crudo, le bacche di sambuco sono tossiche e possono causare diarrea, vomito e nausea.

A cosa serve il sambuco?

Oltre a curare il raffreddore e l’influenza , le persone si sono rivolte agli integratori di sambuco per trattare:

  • Sindrome dell’affaticamento cronico.
  • Stipsi.
  • C’è la febbre.
  • Mal di testa
  • Colesterolo alto.
  • Infezioni sinusali.
  • Sciatica.
  • Mal di denti.
  • Infezioni delle vie respiratorie superiori.

Non è stato dimostrato che il sambuco prevenga il COVID-19

Alcuni hanno persino fatto affidamento sui prodotti a base di sambuco per alleviare gli effetti di cancro, depressione e HIV / AIDS. Sebbene le persone siano state portate a credere che il sambuco possa prevenire il COVID-19, nessuno studio di ricerca pubblicato ha valutato l’uso del sambuco per COVID-19 .

Anche la Food and Drug Administration degli Stati Uniti e la Federal Trade Commission hanno preso provvedimenti contro le aziende che commercializzano prodotti con affermazioni non confermate sull’efficacia del sambuco contro COVID-19.

Cosa mostra l’ultimo studio sul sambuco

Studi recenti hanno creato ancora più scalpore attorno a questa bacca viola scuro. Due studi hanno dimostrato che gli integratori di estratto di bacche di sambuco hanno ridotto la durata dell’influenza di quattro giorni rispetto a un placebo. Con questi risultati apparentemente incoraggianti e le recensioni entusiastiche di persone di ogni ceto sociale, le vendite di integratori di sambuco sono più che raddoppiate tra gennaio e marzo 2018, raggiungendo più di 100 milioni di dollari solo negli Stati Uniti.

Ma non così in fretta.

Sebbene il sambuco sia diventato una rock star nell’universo del raffreddore e della lotta contro l’influenza, nuove prove suggeriscono che quel sambuco non era efficace nel ridurre la gravità o la durata dei sintomi influenzali.

Il più recente studio, guidato da Michael Macknin, MD, professore emerito di pediatria presso la Cleveland Clinic Lerner College of Medicine , è il più grande fino ad oggi che è stato fatto per valutare come il sambuco viene utilizzato nel trattamento dei pazienti influenzali. È stato pubblicato sul Journal of General Internal Medicine proprio la scorsa settimana.

Lo studio ha esaminato 87 pazienti di età pari o superiore a 5 anni risultati positivi all’influenza, o influenza, tra i mesi di gennaio 2018 e aprile 2019. Solo il 33% dei pazienti nello studio aveva ricevuto vaccini antinfluenzali.

I pazienti presentavano due o più dei seguenti sintomi: dolori muscolari, brividi, tosse, affaticamento, mal di testa, congestione nasale o mal di gola. Sono stati valutati in un ambiente di pronto soccorso dove sono stati assegnati in modo casuale a ricevere l’estratto di sambuco o un placebo per 5 giorni. Avevano anche la possibilità di prendere il farmaco antivirale oseltamivir (Tamiflu) .

I pazienti di età compresa tra 5 e 12 anni hanno ricevuto un placebo o 15 ml (5,7 g) di estratto di sambuco per via orale due volte al giorno per cinque giorni. I pazienti di età superiore ai 12 anni hanno ricevuto 15 ml di estratto di sambuco quattro volte al giorno per cinque giorni.

I risultati dello studio non hanno mostrato differenze nella gravità o nella durata dei sintomi influenzali tra i gruppi di sambuco e placebo. Per quelli nel gruppo del sambuco che non assumevano oseltamivir, ci sono voluti due giorni in più perché i sintomi si attenuassero rispetto al gruppo placebo. Ciò contraddice studi precedenti che hanno scoperto che il sambuco ha ridotto i sintomi dell’influenza di quattro giorni, dimostrando la necessità di ulteriori ricerche.

Non saltare il tuo vaccino antinfluenzale

Il CDC stima che l’influenza sia stata associata a oltre 35,5 milioni di malattie, più di 16,5 milioni di visite mediche, circa 490.600 ricoveri e quasi 34.200 decessi durante la stagione influenzale 2018-2019.

Sebbene nessun medicinale possa curare completamente l’influenza, il dottor Macknin afferma che il vaccino antinfluenzale è la migliore difesa contro di esso. È anche fondamentale per fermare la diffusione di questa malattia nelle nostre comunità.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Cosa mangiare, bere ed evitare quando si ha l’influenza allo stomaco

IBS: 5 consigli per controllare i sintomi durante il viaggio