in

È COVID-19, un raffreddore o allergie stagionali?

Come capire la differenza con sintomi sovrapposti

Questo articolo è stato originariamente pubblicato il 3 aprile 2020. È stato aggiornato il 6 maggio 2020 per riflettere le nuove informazioni su questa situazione in rapida evoluzione.

Forse hai sviluppato la tosse o hai notato una mancanza di respiro. Sebbene possa essere un numero qualsiasi di cose, non è insolito che la tua mente vaghi per l’ epidemia di coronavirus (COVID-19) in corso. Con così tante discussioni sul virus e sui suoi sintomi, è comprensibile che potresti iniziare a preoccuparti di averlo rilevato.

Ma niente panico! Ci sono altre possibili spiegazioni che non hanno nulla a che fare con l’epidemia. È un periodo dell’anno in cui sia il comune raffreddore sia le allergie stagionali sono diffuse e la comune influenza è ancora presente, causando ogni sorta di scompiglio alla nostra salute. 

Potresti avere uno o più sintomi, tra cui febbre, tosse, mal di testa, starnuti, lacrimazione o prurito agli occhi, anche qualche difficoltà a respirare. Che cosa significa tutto questo?

Ecco uno sguardo a cosa possono significare questi sintomi, come puoi distinguerli e cosa puoi fare.

Controlla se hai la febbre

Secondo Michael Benninger, MD , la febbre è il sintomo principale che aiuta a determinare quale malattia potresti avere. Una febbre potrebbe significare l’influenza o qualsiasi altra cosa, incluso, sì, il coronavirus. 

Un rapporto dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) che ha esaminato i casi in Cina nel febbraio 2020 ha fatto più luce su questi sintomi. Questo rapporto ha rilevato che circa l’88% dei pazienti COVID-19 aveva la febbre e il 68% aveva una tosse secca. Ulteriori sintomi del coronavirus hanno incluso mancanza o respiro e difficoltà respiratorie, mal di gola, diarrea, affaticamento, brividi, dolori muscolari, perdita del gusto e dell’olfatto e dolori muscolari. 

Ma è raro trovare febbre o diarrea associate a raffreddori o allergie stagionali, osserva il dottor Benninger. E mentre alcuni pazienti affetti da coronavirus sono stati asintomatici, distinguere tra ciò con cui il tuo corpo ha a che fare è anche una questione di guardare a tutti i sintomi nel loro insieme. “Si tratta di adottare un approccio logico ai sintomi”, aggiunge.

Allergie o raffreddore?

Se la febbre non è presente e non mostri segni di difficoltà respiratorie o diarrea, probabilmente hai a che fare con un comune raffreddore o allergie stagionali . 

“Stiamo entrando nella stagione delle allergie, quindi sappiamo che sarà molto difficile per molte persone in questo momento distinguere tra le loro allergie e se hanno o meno qualcosa di più significativo”, afferma il dottor Benninger.

Sebbene lo starnuto sia spesso associato sia ad allergie che a raffreddore, ci sono altri sintomi che possono aiutarti a differenziarti. “Di solito un raffreddore non ha prurito agli occhi”, dice il dottor Benninger. “Se hai la tosse, è più fortemente associato a un comune raffreddore rispetto alle allergie a meno che tu non abbia l’asma allergico.”

Tieni sotto controllo l’asma

Sebbene difficoltà respiratorie e mancanza di respiro siano stati sintomi associati al coronavirus, possono anche essere segni di asma che possono divampare con la stagione delle allergie. Se non hai la febbre presente con questi sintomi, l’asma potrebbe essere il colpevole.

Le persone con asma devono rimanere in cima al loro trattamento, afferma il dottor Benninger, soprattutto perché le persone con problemi respiratori sono a più alto rischio di malattie potenzialmente gravi da coronavirus. Che si tratti di inalatori o spray nasali, è importante essere aggiornati sui farmaci e sul corretto utilizzo. 

Il dottor Benninger consiglia anche di iniziare i farmaci per l’allergia all’inizio della stagione delle allergie piuttosto che aspettare la parte peggiore.

“Se riesci a prevenire il peggioramento dei sintomi, è molto più probabile che tu abbia meno difficoltà quando arrivi al momento della stagione in cui le allergie tendono a perdere il controllo”, dice.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Gli integratori non prevengono o tratteranno COVID-19

Cosa devono sapere i pazienti cardiopatici su COVID-19