in

Nessun segno di Coronavirus? Ecco perché potresti ancora portarlo (e diffonderlo)

Gli studi dimostrano che i portatori con sintomi lievi o assenti sono una parte fondamentale della diffusione di COVID-19

Questo articolo è stato originariamente pubblicato il 26 marzo 2020. È stato aggiornato il 4 aprile 2020 e il 6 maggio 2020 per riflettere le nuove informazioni su questa situazione in rapida evoluzione.

Una delle principali preoccupazioni che circondano l’epidemia di coronavirus (COVID-19) è la facilità con cui il virus si diffonde. Mentre gran parte dell’attenzione si è concentrata sull’isolamento dei pazienti che mostrano sintomi di malattia attiva, diversi nuovi studi suggeriscono che i portatori che mostrano sintomi lievi o addirittura assenti possono aiutare a diffondere il virus. 

Sappiamo che fino all’80% dei casi di COVID-19 mostra sintomi lievi . A complicare le cose, il pneumologo Joseph Khabbaza, MD , afferma che i sintomi a volte possono non essere evidenti fino a due settimane. E poiché quei sintomi aspecifici (febbre, mal di gola, tosse, diarrea, brividi, mal di testa) possono rispecchiare altre malattie più comuni come l’influenza o il raffreddore, molti di quelli infettati, specialmente all’inizio dell’epidemia, non si rendevano conto di trasportavano il virus.

La diffusione in Cina

Uno studio ha esaminato la diffusione iniziale in Cina e ha scoperto che le persone che avevano contratto il virus ma avevano solo sintomi lievi hanno contribuito ad alimentare la diffusione. 

Lo studio ha utilizzato un modello matematico per simulare la diffusione iniziale di COVID-19 in centinaia di città della Cina. I ricercatori hanno concluso che l’86% delle infezioni prima del 23 gennaio 2020, quando i Centri statunitensi per il controllo delle malattie (CDC) hanno emesso un avviso di viaggio di livello 3 per Wuhan, in Cina, erano privi di documenti. 

Poiché molti di quei casi privi di documenti hanno mostrato sintomi lievi o addirittura assenti, afferma lo studio, quei portatori erano a rischio di esporre “una porzione molto maggiore della popolazione al virus di quanto sarebbe altrimenti accaduto”. Portando a casa questo punto, lo studio ha anche concluso, “le infezioni non documentate erano la fonte di infezione per il 79% dei casi documentati”. 

In altre parole, così tante persone erano “portatori di furtività”. Avevano il virus senza saperlo e probabilmente un fattore importante nella diffusione del virus. 

Alcuni si diffondono senza sintomi

Uno studio condotto in Giappone sottolinea il numero di portatori di COVID-19 che non mostrano sintomi. Uno si è concentrato sulla nave da crociera Diamond Princess che è stata messa in quarantena in Giappone all’inizio di febbraio 2020 quando è stato scoperto un ex passeggero risultato positivo al virus.

Lo studio ha rilevato che 634 su 3.063 test somministrati ai passeggeri in quarantena sono risultati positivi. Si stima che circa il 17,9% di quei pazienti positivi non abbia mostrato sintomi. 

L’importanza di restare a casa

Questi studi, dice il dottor Khabbaza, sottolineano l’importanza di seguire le istruzioni del governo e delle agenzie mediche sulle misure protettive come le quarantene e le distanze sociali . Dato che così tanti portatori mostrano sintomi minimi o nulli, è impossibile sapere quante persone portano veramente il virus. Questa realtà rende le misure preventive ancora più importanti. 

Poiché il virus può diffondersi nell’aria dalle goccioline respiratorie quando una persona infetta tossisce, starnutisce o parla vicino a te (entro sei piedi) e può essere trasmesso da persona a persona, l’allontanamento sociale dagli altri indipendentemente dai sintomi può aiutare a spezzare la catena di trasmissioni.

Questo è il motivo per cui il CDC ora  consiglia di  indossare una copertura in tessuto per il viso in pubblico, specialmente nei luoghi in cui è difficile mantenere una distanza di almeno 6 piedi tra te e un’altra persona. Si consigliano maschere facciali in tessuto perché ora sappiamo che le persone con COVID-19 potrebbero avere sintomi lievi o assenti, mentre continuano a diffondere il virus ad altri.

I rivestimenti in tessuto per il viso raccomandati dal CDC non sono maschere chirurgiche o respiratori N-95, che dovrebbero essere riservati agli operatori sanitari e ai primi soccorritori.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Cosa devono sapere i pazienti cardiopatici su COVID-19

Quali modi naturali per indurre il lavoro effettivamente funzionano?