in

Hai un familiare affetto da celiachia? Perché potresti prendere in considerazione l’idea di farti fare un test

I parenti sono più a rischio

Hai un parente che mangia senza glutine? Sai se essere privi di glutine è solo la loro preferenza o se è stata diagnosticata la celiachia?

Questa è una conoscenza importante da avere, perché la celiachia , una malattia autoimmune complessa e grave, tende a essere familiare.

Gli studi hanno scoperto che le persone con un parente – in particolare un genitore, un fratello o un figlio – che ha la celiachia corrono un rischio elevato di sviluppare la malattia. E potrebbero non avere i classici sintomi ad esso associati, o addirittura avere alcun sintomo.

Se un tuo familiare è celiaco, ciò non significa che dovresti ancora saltare sul carro del senza glutine, avverte Alberto Rubio Tapia, MD , Direttore del Programma per la malattia celiaca presso la Cleveland Clinic. Non significa che hai o svilupperai la celiachia.

Ma significa che sei più a rischio rispetto alla persona media e dovresti condividere questa storia familiare con il tuo medico, che potrebbe consigliarti di essere sottoposto a screening per la celiachia.

Cos’è la celiachia?

Anche se non sai molto sulla celiachia, probabilmente conosci il glutine, la proteina che causa problemi alle persone affette da questa condizione. Per le persone con diagnosi di celiachia, seguire una dieta priva di glutine è una necessità.

Ma non tutti coloro che mangiano senza glutine hanno la celiachia. In effetti, circa l’1% delle persone negli Stati Uniti ce l’ha. In queste persone, il glutine non causa solo loro problemi digestivi. Innesca una reazione autoimmune nel loro corpo che danneggia il loro intestino tenue.

Poiché l’intestino tenue è dove il corpo assorbe i nutrienti dal cibo, questo danno può portare a carenze nutrizionali, malattie delle ossa, infertilità, danni ai nervi o altri problemi di salute a lungo termine.

Mentre può essere molto difficile evitare il glutine – è presente in qualsiasi cibo che contiene grano, orzo o segale – così facendo la maggior parte delle persone affette da celiachia di sentirsi meglio ed evitare il rischio di complicazioni di salute a lungo termine, dice il dottor Rubio Tapia. .

Una questione di famiglia

Come molte malattie, la celiachia sembra avere una componente genetica. Ciò significa che trasportare determinati geni rende una persona più propensa a svilupparli.

I due geni più strettamente legati alla celiachia sono HLA-DQ2 e HLA-DQ8. Quasi tutti coloro a cui viene diagnosticata la celiachia portano almeno uno di questi due geni che hanno ereditato dalla madre o dal padre, dice il dottor Rubio Tapia.

Ma ben un terzo della popolazione degli Stati Uniti che non ha la celiachia porta anche uno dei geni, spiega. Quindi, sebbene siano un fattore di rischio per la malattia, non impongono che una persona svilupperà la condizione.

Secondo il National Institutes of Health, i parenti di primo grado di una persona affetta da celiachia hanno una probabilità dal 4 al 15% di sviluppare la condizione. Il rischio è inferiore quando si tratta di un parente di secondo grado che ha la condizione, ma è comunque leggermente superiore al rischio per la popolazione generale.

Fare il test per la celiachia

Se hai un genitore, un fratello o un figlio affetto da celiachia, è bene parlarne con il tuo medico, anche se non hai sintomi. A causa dell’aumentato rischio, il medico può raccomandare un esame del sangue per cercare anticorpi o geni associati alla malattia.

Essere sottoposti a screening è importante perché le persone a volte convivono con la celiachia senza nemmeno saperlo. Possono eliminare sintomi come diarrea, gonfiore, gassosità e stanchezza o potrebbero non notare alcun sintomo.

Se hai sintomi digestivi insieme a una storia familiare di celiachia, il dottor Rubio Tapia consiglia di consultare un gastroenterologo o uno specialista della celiachia.

“È possibile che siano necessarie ulteriori indagini per quei membri della famiglia sintomatici oltre un esame del sangue”, spiega. “Ma non vogliamo che i membri della famiglia inizino una dieta priva di glutine per tutta la vita se non hanno una diagnosi corretta e non hanno bisogno di farlo”.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Sintomi dell’endometriosi: bandiere rosse o aree grigie?

La tua guida pratica all’intolleranza al lattosio