in

Quali sono i segni che mio figlio ha un’allergia alimentare?

La risposta breve di un allergologo / immunologo pediatrico

D: Sospetto che mio figlio possa avere un’allergia alimentare. Come posso saperlo e cosa devo fare?

R: In genere, con un’allergia alimentare , i sintomi iniziano entro 30-60 minuti dal consumo di un determinato alimento. A volte può essere ore dopo, ma è molto raro.

Le reazioni variano da persona a persona, ma i sintomi della reazione allergica possono includere:

  • Prurito alla bocca
  • Gola dolorosa o pruriginosa
  • Mal di stomaco
  • Vomito
  • Diarrea
  • Orticaria
  • Problema respiratorio
  • Cambiamento di voce

Siamo molto preoccupati per i problemi di respirazione o un cambiamento nella voce di un bambino: questi possono indicare reazioni più gravi. È molto, molto raro, ma potenzialmente una reazione allergica alimentare potrebbe essere fatale.

Nella fascia di età pediatrica le allergie più comuni sono al latte e alle uova. Anche arachidi e noci sono comuni allergie, così come soia, grano, pesce e crostacei. Il sesamo è una preoccupazione emergente negli Stati Uniti e la Food and Drug Administration sta valutando la possibilità di etichettare il sesamo come allergene sugli alimenti confezionati, in modo simile a quello che si vede nel negozio di alimentari sulle etichette di latte e uova.

I genitori spesso mi dicono quanto fossero spaventati la prima volta che il loro bambino ha avuto una reazione, ed è così comprensibile. Se hai motivo di sospettare che tuo figlio abbia una grave reazione allergica alimentare, fai un respiro profondo. Conosci tuo figlio meglio di chiunque altro al mondo. Se sei davvero, veramente preoccupato, portali al pronto soccorso. Chiama l’EMS e digli che hai un bambino che potenzialmente sta avendo una reazione allergica alimentare in modo che invii il giusto tipo di servizi medici di emergenza a casa tua. Oppure, se vivi a una distanza ragionevole in auto da un ospedale, portali lì velocemente da solo.

Reazioni molto lievi come alcuni orticaria possono talvolta essere trattate con antistaminici come Benadryl o Zyrtec, che possono aiutare un bambino a sentirsi meglio quando la reazione scompare. Ma per qualcosa di più serio consigliamo l’adrenalina e il trattamento con i servizi medici di emergenza.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Verità o favola? 8 modi per (forse) spostare il lavoro in modo naturale

I casi di malattia del legionario, un’infezione polmonare batterica diffusa dall’acqua, stanno crescendo