in

I casi di malattia del legionario, un’infezione polmonare batterica diffusa dall’acqua, stanno crescendo

Colpisce più spesso gli anziani con un sistema immunitario indebolito

Ci sono stati diversi focolai quest’anno di una forma grave di polmonite identificata per la prima volta quattro decenni fa, quando ha fatto ammalare più di 200 persone alla Convenzione della Legione americana a Filadelfia.

La malattia contratta da quei legionari sarebbe diventata la malattia del legionario e l’hanno presa da batteri nocivi che erano stati trasmessi attraverso il sistema di aria condizionata dell’hotel.

La legionellosi è causata da ceppi di un batterio chiamato Legionella . I batteri possono vivere in fonti di acqua dolce ma prosperano in acqua calda e ferma o che non è stata adeguatamente disinfettata. Le epidemie della malattia sono comunemente associate a sistemi idrici su larga scala in hotel, ospedali, strutture di assistenza a lungo termine e navi da crociera, secondo i Centers for Disease Control and Prevention .

L’infezione può causare gravi malattie. Ma questo non significa necessariamente che devi iniziare a saltare la vasca idromassaggio dell’hotel o non accendere l’aria condizionata quando fuori ci sono 90 gradi. La malattia del legionario si verifica più spesso in un certo gruppo di persone a rischio ed è relativamente rara rispetto ad altre forme di malattie infettive.

Come si diffonde la malattia del legionario?

La malattia del legionario non si contrasta entrando in contatto con qualcuno che ne è affetto o bevendo acqua contaminata (anche se è possibile ottenerla aspirando acqua contaminata o facendola andare “nel tubo sbagliato”). Piuttosto, si ottiene inalando goccioline d’acqua contaminate da Legionella . Queste goccioline possono provenire da vasche idromassaggio, docce, rubinetti, umidificatori, unità di condizionamento d’aria o altri giochi d’acqua.

La maggior parte delle persone sane che sono esposte ai batteri non svilupperanno la malattia del legionario, afferma Elliot Dasenbrook, MD , specialista in medicina polmonare. Più spesso ammala le persone sopra i 50 anni e coloro il cui sistema immunitario o i cui polmoni sono indeboliti, come le persone con cancro o diabete o qualcuno che ha subito un trapianto di organi, dice.

Recenti epidemie negli Stati Uniti si sono verificate in luoghi in cui gli anziani o le persone malate potrebbero trovarsi frequentemente, come ospedali, strutture di assistenza a lungo termine e chiese.

“La parte difficile è che una volta identificato un focolaio, la Legionella può essere difficile da rilevare e i batteri a volte possono sopravvivere agli sforzi per ucciderla”, spiega il dott. Dasenbrook.

Il numero di casi di malattia del legionario segnalati negli Stati Uniti è quasi raddoppiato tra il 2012 e il 2017, secondo il CDC. Non è chiaro esattamente il motivo per cui il numero di casi è in aumento, ma una popolazione che invecchia che è più suscettibile di ottenerlo è probabilmente un fattore, dice il dottor Dasenbrook.

Il numero totale di casi di malattia del legionario segnalati negli Stati Uniti nel 2017 è stato di 7.458. Ogni anno circa 1 milione di persone cerca cure ospedaliere per tutte le forme di polmonite.

Legionari?

La malattia del legionario può essere difficile da riconoscere perché i sintomi sono quasi identici ai sintomi di altri tipi di polmonite, tra cui:

  • Tosse
  • Fiato corto
  • Febbre

“Quasi sempre controlliamo la presenza di Legionella in chiunque sia ricoverato in ospedale con polmonite che è davvero malata, solo perché non ci sono davvero segni rivelatori”, dice il dott. Dasenbrook. “Un indizio che potrebbe essere Legionella è se i pazienti hanno molti sintomi gastrointestinali con la loro polmonite – nausea, vomito, diarrea o un basso livello di sodio, o se non rispondono ai soliti antibiotici”.

Posso prevenirlo?

Sfortunatamente, non puoi vedere la Legionella ad occhio nudo, quindi non c’è modo di sapere se sei esposto ad essa. Non esiste nemmeno un vaccino per prevenire la malattia del legionario.

La chiave per la prevenzione è una migliore manutenzione dei sistemi idrici, afferma il CDC.

La maggior parte dei casi può essere trattata con successo con un antibiotico. A volte, tuttavia, può portare a insufficienza polmonare o altre complicazioni. A causa di queste complicazioni potenzialmente gravi, molte persone che contraggono la legionellosi devono essere trattate in ospedale.

Consultare subito il proprio medico se si sviluppa tosse, febbre, mancanza di respiro e nausea, soprattutto dopo una nota esposizione ai batteri.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Quali sono i segni che mio figlio ha un’allergia alimentare?

Come scegliere il miglior probiotico per te