in

Puoi evitare il ritmo irregolare dopo un intervento chirurgico al cuore?

Quali sono le cause dell’afib e come ridurre il rischio

Dopo un intervento chirurgico al cuore, è abbastanza comune  soffrire di fibrillazione atriale  (frequenza cardiaca irregolare). Anche se a volte è una situazione spaventosa, tieni presente che il tuo ritmo cardiaco dovrebbe tornare alla normalità prima che la ferita al petto guarisca.

Riteniamo che l’infiammazione al torace dopo la procedura provochi afib, che si verifica fino al 40% dei pazienti dopo un intervento chirurgico al cuore.

Cosa succede con afib?

Il tuo cuore pompa il sangue al tuo corpo attraverso le contrazioni nelle camere superiori, poi inferiori del cuore. Il sistema elettrico del cuore controlla la velocità con cui il tuo cuore si contrae. La frequenza cardiaca della maggior parte delle persone è compresa tra 60 e 100 battiti al minuto.

Ma a volte una serie di impulsi rapidi e caotici deviano il ritmo del tuo cuore. Quando ciò accade, le camere non possono contrarsi efficacemente e il sangue non viene espulso correttamente.

L’afib può verificarsi sporadicamente o persistentemente. Se accade una volta, è più probabile che accada di nuovo in un secondo momento.

Puoi prevenire l’afib?

Non c’è modo di prevenire l’afib o addirittura di prevedere se è più probabile che tu lo abbia dopo l’intervento chirurgico. Ma ci sono alcune cose che puoi fare per ridurre il rischio .

1. Rimettersi in forma prima dell’intervento.  Essere in buona forma prima dell’intervento è una buona idea. Se il tuo intervento non è urgente, parla con il tuo medico per creare un piano salutare per il cuore che ti aiuti a prepararti per l’intervento. Questo generalmente include una dieta sana e un’attività fisica regolare.

Più sano è il tuo cuore per l’intervento chirurgico, minori sono le possibilità di avere afib in seguito.

2. Ottenere altre condizioni sotto controllo. Gli studi dimostrano che alcuni problemi che potresti avere prima dell’intervento chirurgico possono aumentare il rischio di afib. Questi includono:

  • Anemia (bassi livelli di ferro nel sangue)
  • Uno squilibrio elettrolitico
  • Alto tasso di zucchero nel sangue

Il medico può eseguire test prima dell’intervento chirurgico per verificare la presenza di questi problemi. Possiamo anche fornire indicazioni sui modi per trattare i problemi, compreso il cambiamento della dieta o l’assunzione di farmaci o vitamine.

3. Limita lo stress. Un altro motivo per cui la chirurgia può produrre afib è perché lo stress a volte lo innesca. Per questo motivo, assicurarsi di avere una quantità sufficiente di antidolorifici (per ridurre lo stress sul corpo) dopo l’intervento è importante.

Come puoi curare l’afib?

A volte afib corregge da solo. Altre volte, tuttavia, avrai bisogno di cure. In genere trattiamo l’afib con cardioversione o farmaci.

Con la cardioversione, ricevi una piccola dose di corrente elettrica applicata al cuore per riportarlo a un ritmo normale. Mentre sei sotto sedazione, il tuo medico applica la corrente una o più volte finché la tua frequenza cardiaca non si regola. In seguito potresti ricevere fluidificanti del sangue per ridurre il rischio di ictus.

Usiamo anche farmaci per curare l’afib. Sebbene i farmaci siano meno invasivi della cardioversione, a volte hanno effetti collaterali. Alcuni sono minori come nausea, vertigini e diarrea. Ma alcuni farmaci aumentano anche il rischio di problemi più gravi, come disturbi del ritmo cardiaco e cicatrici polmonari.

Questi farmaci diventano anche meno efficaci nel tempo.

Quali sono i pericoli di afib?

È importante identificare l’afib dopo un intervento chirurgico al cuore e trattarlo se necessario. Poiché il sangue non viene pompato in modo efficiente durante l’afib, aumenta il rischio di coaguli di sangue, che possono causare un ictus. Se continua nel tempo, può indebolire il tuo cuore, causando potenzialmente insufficienza cardiaca.

Parla con il tuo medico prima e dopo l’intervento chirurgico dei tuoi potenziali rischi di afib e di cosa potresti fare per ridurre i rischi .

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Cosa sta davvero causando l’eruzione da pannolino del tuo bambino?

Mal di stomaco: 5 cose che i genitori dovrebbero sapere