in

5 golden rules of food safety

Quanti di noi credono che mangiare verdura cruda sia salutare? Chiaramente la maggior parte degli appassionati di dieta annuirà in segno di affermazione. È un dato di fatto, inconsapevolmente, la maggior parte di noi ha sviluppato questa abitudine di mangiare verdure crude. Questo ci rende vulnerabili a focolai di diarrea, che se non controllati ora potrebbero diventare una preoccupazione per un’epidemia imminente nei prossimi decenni. Questo è uno dei casi in cui saltiamo la linea della sicurezza alimentare.

Per sottolineare l’importanza di un’alimentazione pulita, il tema della Giornata mondiale della salute 2015 è la sicurezza alimentare. Secondo le statistiche dell’OMS, le malattie diarroiche di origine alimentare e di origine idrica uccidono circa 2 milioni di persone, inclusi molti bambini ogni anno. Ecco alcune linee guida sulla sicurezza alimentare che possiamo inculcare nelle nostre abitudini quotidiane.

Keep clean

Siamo tutti consapevoli che il mito popolare “Dalla fattoria al piatto” non è rilevante nelle circostanze odierne. Tenendo presente questo, l’OMS ha sottolineato il fatto che dobbiamo, in ogni circostanza, seguire abitudini di cucina pulite. Seguire abitudini di cottura poco igieniche può trasferire sulle mani alcuni microrganismi pericolosi, asciugando panni e utensili, in particolare taglieri, in quanto il minimo contatto può trasferirli al cibo e causare malattie di origine alimentare. Quindi tieni taglieri separati per alimenti vegetariani e non vegetariani. Inoltre, assicurati di lavare e igienizzare tutte le superfici e le attrezzature prima di cucinare.

Separare cibi crudi e cotti

Tenere separati cibi crudi e cotti riduce notevolmente il rischio di contaminazione incrociata. È possibile che i batteri possano passare dal cibo crudo alle mani e poi direttamente ai piani di lavoro, ai vestiti, alle attrezzature, prima di essere trasferiti al cibo cotto.
Ad esempio, se la carne cruda viene conservata sopra il cibo cotto, sangue e fluido possono gocciolare sul cibo cotto e contaminarlo. Per tenerlo sotto controllo, è essenziale utilizzare attrezzature e utensili diversi come coltelli e taglieri per cibi crudi e cotti e conservare gli alimenti in contenitori separati per evitare il contatto tra cibo crudo e cotto.

Cuoci bene

Una corretta cottura uccide quasi tutti i microrganismi. Seema Singh, nutrizionista clinico, Fortis, con sede a Delhi, suggerisce: “È importante consumare cibi bollenti a causa della sua bassa carica microbica. Quando la temperatura scende sotto i 70 gradi, i microrganismi aumentano notevolmente di numero. Inoltre, è necessario assicurarsi che il cibo non sia troppo cotto poiché perde il suo valore nutritivo. Il modo preferito di cucinare per mantenere il valore nutritivo deve essere il vapore “.

Conserva il cibo a temperature sicure

Cosa si intende per temperature sicure? Significa mantenere la temperatura a un livello in cui la conta microbica è ridotta al minimo o completamente interrotta. Questa temperatura è di circa 60 gradi Celsius sul lato superiore e 5 gradi su quello inferiore. Il dottor Ashwini Setya, gastroenterologo senior, Max Healthcare afferma: “È importante mantenere il cibo a temperature sicure e non conservare a lungo il cibo cotto. Inoltre, quando si consumano alimenti conservati, assicurarsi che sia ben riscaldato prima del consumo (100 gradi Celsius). Per evitare malattie legate al cibo, la refrigerazione del cibo cotto dovrebbe essere ridotta al minimo insieme all’abitudine di mantenere il cibo cotto a temperatura ambiente per lungo tempo “.

Usa materie prime e sicure

Assicurati di usare acqua pulita per cuocere il cibo. Utilizzare acqua potabile, selezionare cibi freschi e sani, scegliere cibi lavorati per la sicurezza come il latte pastorizzato, lavare frutta e verdura, soprattutto se consumate crude e non utilizzare alimenti confezionati oltre la data di scadenza sono buone pratiche sicure.

Questi piccoli e facili passaggi, se praticati e curati, contribuiranno notevolmente a garantire una vita sana.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Il detersivo per bucato causa l’eruzione cutanea di tuo figlio?

Sai quando visitare l’ospedale per il vomito?