in

Indovina cosa: la tua sindrome dell’intestino irritabile può effettivamente essere causata da sensibilità al cibo

La sindrome dell’intestino irritabile causa infelicità a milioni di persone, ma ora gli scienziati ritengono di aver trovato un modo rapido ed efficace per arrivare alla radice del problema.

Se hai spesso crampi allo stomaco, gonfiore e costipazione, potresti essere uno del 20% delle persone che soffrono di sindrome dell’intestino irritabile. I sintomi dell’IBS sono simili a quelli di un mal di stomaco, inclusi diarrea e gas, ma possono continuare per mesi o addirittura anni. Alcune persone ritengono che i rimedi naturali per l’IBS apportino un certo sollievo, ma gli scienziati hanno stabilito che la causa sottostante potrebbe essere la sensibilità alimentare, che può essere difficile da identificare e trattare.

Mentre potresti associare automaticamente le allergie alimentari al glutine, per molte persone con IBS, il colpevole è un tipo di carboidrato a catena lunga presente negli alimenti FODMAP (oligosaccaridi fermentabili, disaccaridi, monosaccaridi e polioli). L’intestino tenue ha difficoltà a elaborare questi alimenti e, quando raggiungono l’intestino crasso, possono innescare la produzione di batteri, che causa i crampi, il gonfiore e altri problemi digestivi associati alla sindrome dell’intestino irritabile.

Gli alimenti FODMAP includono:

  • Oligo-saccaridi, ad esempio fruttani, presenti nel grano, nella segale e in alcune verdure
  • Galatto-oligosaccaridi, presenti nei legumi e nei legumi
  • Di-saccaridi: es. Lattosio, presente nel latte e nei latticini come lo yogurt
  • Mono-saccaridi: es. Fruttosio, presente nel miele, in alcuni frutti e succhi di frutta
  • Polioli: es. Sorbitolo e mannitolo, presenti in alcuni tipi di frutta e verdura

Anche se sembra semplice porre rimedio ai problemi di sensibilità alimentare, basta seguire una dieta a basso contenuto di FODMAP , in realtà è un processo molto lungo e complicato per identificare esattamente quali alimenti potrebbero influenzarti, e l’esplorazione normalmente inizia con una dieta molto restrittiva a primo. Questi sono alcuni alimenti FODMAP che le persone con IBS vorranno evitare . Ma ora un team di scienziati dell’Università di Yale ha trovato un modo per accelerare questo processo.

Nel loro studio, pubblicato sulla rivista BMJ Open Gastroenterology , il team ha utilizzato i test di attivazione dei leucociti, una forma di test che identifica in modo molto preciso i cibi problematici di ogni persona. I volontari hanno seguito una dieta individualizzata che ha eliminato quegli alimenti specifici. I ricercatori hanno quindi confrontato i loro risultati con quelli dei volontari che seguono tecniche dietetiche più tradizionali per gestire l’IBS e sono rimasti sorpresi dai risultati.

Il ricercatore capo Ather Ali , assistente professore di pediatria e medicina presso la Yale School of Medicine, ha spiegato perché.

“Non ci aspettavamo risultati come questo”, ha detto a Yale News . “Le persone che hanno consumato la dieta coerente con il test hanno ottenuto risultati significativamente migliori rispetto alle persone che seguono una dieta fittizia”. Il gruppo che ha seguito le diete personalizzate ha riportato un significativo miglioramento dei sintomi come gonfiore e crampi allo stomaco, sia quattro che sei settimane dopo l’inizio.

Il dottor Ali è attento a sottolineare che sono necessari ulteriori studi.

“Se questi risultati interessanti possono essere replicati in campioni più grandi e diversificati, possono fornire informazioni su un altro modo per trattare una condizione che spesso può essere molto frustrante”. Egli ha detto. “Può essere debilitante e i pazienti sono spesso alla ricerca di approcci dietetici ad esso.”

Se avrà successo, questo approccio potrebbe annunciare un nuovo modo di gestire l’IBS, portando sollievo a migliaia di malati.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

8 modi per alleviare i sintomi dell’IBS naturalmente

Il misterioso mal di stomaco che spesso viene scambiato per cancro